10 consigli per piantare le patate

tramite: O2O

Introduzione

Coloro che amano il cibo biologico, spesso possiedono o desiderano realizzare un piccolo orto nel proprio giardino, ma anche all'interno di vasi all'interno di una veranda o in un appartamento: in questo modo, infatti, sarà possibile avere sempre a disposizione delle verdure fresche, di stagione e non trattate chimicamente. Non tutti sanno, però, che è possibile piantare anche in vaso le patate e che, mettendo in pratica dei semplici trucchi, si possono ottenere dei risultati davvero sorprendenti. Con i passaggi seguenti vi daremo 10 semplici consigli per coltivare le patate, tenendo comunque presente che vanno sempre piantate in primavera e che la raccolta si fa durante il periodo autunnale.

Cominciamo subito dalla classica coltivazione sul balcone: questa richiede l'utilizzo di vasi che potranno essere posizionati tranquillamente sul proprio balcone; l'unico requisito è che abbiamo una profondità superiore ai 30 cm. Solamente in questo modo, infatti, le patate potranno svilupparsi e crescere: otterrete così delle squisite patate novelle!

La semina in un bidone si rivela essere molto utile qualora si possieda un terreno di piccole dimensioni, ma si desideri ottenere un buon raccolto in termini di quantità. L'unico inconveniente di questa tipologia di coltivazione è rappresentata dall'umidità, data proprio dalla profondità del bidone: tuttavia, si può ovviare a questo problema mescolando il terriccio a della sabbia e disponendo sul fondo 20 cm di ghiaia.

Continua la lettura

La coltivazione delle patate nell'orto è senza dubbio quella più conosciuta e applicata, tuttavia, anche in questo caso, per ottenere dei buoni risultati è opportuno mettere il pratica alcuni accorgimenti. Innanzitutto è necessario piantare le patate in file distanziate tra loro di almeno 40 cm, così da permettere loro di crescere in modo comodo ed efficace. Inoltre, bisognerà ricoprire le patate con circa 8 cm di terra ed eliminare dal terreno eventuali sassi.

La tecnica del letto rialzato è molto utile per coloro che desiderano ottenere delle patate uniformi per forma e dimensione. Quello che bisognerà fare è creare una solida e capiente struttura con delle assi di legno, che dovrà essere in grado di sostenere il peso della terra, nonchè delle patate. Queste andranno seminate a circa 3 cm di profondità e 1 cm l'una dall'altra. Durante la crescita delle piantine sarà necessario aggiungere dell'altra terra fino a riempire completamente il letto.

Per quanto possa apparire una tecnica strana e inusuale, quella di coltivare le patate in una borsa della spesa è davvero innovativa e consente di ottenere degli ottimi risultati anche in uno spazio molto piccolo. Quello che dovrete fare è riempire il sacchetto della spesa con del terriccio ricco, interrare le patate già germogliate e aggiungere dell'altra terra durante la crescita delle piantine: solamente in questo modo, infatti, sarà possibile far sviluppare in modo efficace le radici.

Applicando esattamente lo stesso procedimento che abbiamo visto per la coltivazione delle patate in una borsa della spesa, è possibile ottenere degli ottimi risultati anche piantandole in un sacco di juta. Si tratta, anche in questo caso, di una tecnica particolarmente adatta a chi possiede poco spazio, ma che desidera ottenere un numero maggiore di patate rispetto a quelle che avrebbe coltivandole in vaso. La raccolta dei prodotti, in questo caso, viene effettuata semplicemente rovesciando il sacco.

La tecnica della pacciamatura di rivela particolarmente utile per le coltivazioni fatte nell'orto o nel bidone. Si tratta di ricoprire la superficie del terreno con circa 4 cm di pacciamatura di paglia: questa ha il compito di proteggere le patate dall'umidità ed evitare la crescita di erbacce che potrebbero danneggiare il raccolto.

La torre di patate è una variante della tecnica del letto rialzato, che consente di sfruttare lo spazio verticale per ottenere una grande quantità di patate. Anche in questo caso andrà realizzata una struttura in legno, che deve essere molto più alta rispetto a quella del letto rialzato, in quanto bisognerà aggiungere del terriccio a mano a mano che le piantine cresceranno.

La tecnica a cilindro si rivela molto utile per i terreni molto umidi, in quanto consente di circoscrivere la coltivazione e limitare notevolmente i danni causati dall'eccessiva umidità. Quello che bisognerà fare è quindi circoscrivere il terreno con delle reti apposite, andando a realizzare dei cilindri, all'interno dei quali piantare le patate: in questo modo, in relazione alla temperature, all'umidità del terreno e alla crescita delle piantine, si potrà aggiungere la terra necessaria.

Quella della TomTato è una tecnica che viene applicata da tempo in Inghilterra e che consente di coltivare insieme patate bianche e pomodori ciliegino: i due ortaggi, infatti, possiedono lo stesso tempo di crescita e maturazione e crescono benissimo assieme. In questo modo, oltre a coltivare due ortaggi nello stesso contenitore, otterrete dei pomodori ciliegino più dolci e gustosi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come creare un orto rialzato in terrazzo

Se avete il pollice verde ma non un orto, potreste pensare di realizzarne uno direttamente sul terrazzo di casa vostra. Se non avete mai sentito ...
Giardinaggio

Come coltivare i capperi nell'orto sul balcone

I capperi il più delle volte, grazie al loro gusto intenso, vengono utilizzati per la preparazione di numerose ricette. Si possono infatti acquistare in barattolini ...
Giardinaggio

Come coltivare un orto biodinamico

Se abbiamo un pezzettino di terra e decidiamo di coltivare degli ortaggi, possiamo realizzare un orto biodinamico che si basa sulla coltivazione solo di prodotti ...
Giardinaggio

Come riconoscere il momento giusto per raccogliere le patate

La coltivazione delle patate è una delle colture più facili. Infatti, non prevede grandi cure e crescono in maniera naturale. Pertanto, si possono anche coltivare ...
Giardinaggio

Come coltivare i tartufi

Il mondo del giardinaggio ci consente di coltivare praticamente tutto quello che la terra può produrre. È sufficiente eseguire alcune regole, avere tanta pazienza e ...
Giardinaggio

Come piantare le patate

La patata, arrivata in Europa nel XVIII secolo, è un tubero ricco di carboidrati. Per molte persone ha rappresentato, tanti anni fa, l'unica fonte ...
Giardinaggio

Come coltivare i pomodori

La pianta del pomodoro, che è originaria del Sud America, viene coltivata comunemente per l'uso alimentare. Dei suoi frutti, i pomodori, se ne fa ...
Giardinaggio

Come piantare le fragole nell'orto

Con l'arrivo della primavera è stimolante svolgere degli hobby all'aria aperta. Il giardinaggio, oltre che divertente, da molte soddisfazioni: allontana infatti lo stress ...
Giardinaggio

Come coltivare il cavolo verza

Il cavolo verza è un ortaggio facile da coltivare e delizioso da mangiare. Fa parte della famiglia delle brassica oleracea. Non ha radici molto profonde ...
Giardinaggio

10 ortaggi nani da coltivare in vaso

Perché negarsi un angolo di campagna se si vive nei grandi appartamenti? La moda di coltivare piante se si abita in palazzoni al centro della ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.