5 errori da evitare quando si semina

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La semina è la parte iniziale di qualsiasi coltivazione, sia spontanea in natura, che artificiale creata dall'uomo; non sempre anche chi ha delle buone conoscenze nella coltivazione, contadini compresi, fanno tutti i passi necessari per la salvaguardia della nascita, crescita e durata della pianta. Il minimo errore può causare la perdita del raccolto e la qualità se trattasi di coltivazioni di frutti o ortaggi; in questa guida analizziamo quali sono i 5 errori da evitare quando si procede alla semina.

26

Profondità non consona

La profondità dove porre il seme è di fondamentale importanza, in quanto metterlo troppo in superficie, significa renderlo disponibile a formiche, uccelli e altri predatori, privandolo del giusto terriccio; all'opposto piantare un seme troppo in profondità, lo costringe ad uno sforzo straordinario per farlo sbocciare sul suolo, causando in entrambi i casi un problema di germinazione. La regola fondamentale è interrare il seme nella profondità uguale alla sua lunghezza, differenziando dunque le varie coltivazioni.

36

Periodo sbagliato

Le varie coltivazioni germinano a temperature ben stabilite dalla natura stessa; piantare verdure o frutti in periodi non consoni al loro periodo di germinazione, determina la non nascita, oppure una nascita difficoltosa, con scarsissima qualità del prodotto finale. È buona norma dunque, informarsi sui vari periodi dell'anno, per coltivare i vari frutti e verdure, che si desiderano ottenere.

Continua la lettura
46

Terriccio arido

L'acqua assieme al sole e alla terra è uno degli elementi fondamentali per la semina e il successivo sviluppo della pianta; la germinazione del seme, viene garantita dalla temperatura, ma anche dalla giusta costanza di terreno bagnato. Se si nota che il terreno è di colore scuro a volte si salta la odierna razione d'acqua, commettendo un grave errore, poiché il terreno deve essere annaffiato ogni giorno prima della germinazione, mantenendolo costantemente umido.

56

Tecnica di semina

Ogni pianta ha bisogno del proprio spazio, è quindi necessario avere delle conoscenze base, da applicare per ogni differente piantagione. Vi sono delle specie come la carota, che necessitano di spazi ben distanti tra di loro, a differenza della rucola che può essere coltivata a spaglio, spargendo i vari semi in ordine sparso e appena sotto la superficie del terriccio. Seminare dunque, seguendo un preciso schema senza sbagliare le giuste distanze.

66

Irrigazione aggressiva

Uno dei più grandi errori soprattutto durante la prima fase della semina, è l'utilizzo di un getto d'acqua assai aggressivo e diretto sul terriccio; ciò comporta la possibile fuoriuscita del seme interrato, provocandone la perdita della semina. Meglio dunque adottare un getto di acqua a spruzzo, con effetto pioggia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come effettuare una buona semina nell'orto

Ecco una guida su come effettuare una buona semina nell'orto. L'orto, oltre a permettere un'ampia produzione di ortaggi, offre la possibilità di conoscere meglio la natura ed i suoi frutti. Chi possiede un orto, sa bene come questo può essere produttivo...
Giardinaggio

Come coltivare fagiolini in casa o in giardino

In un orto ben organizzato, non possono mancare verdure e fagiolini. Ogni pianta è capace di dar vita a molti esemplari, risulta molto semplice, la coltivazione sia in terra che in vaso. In estate, i fagiolini possono essere un piatto fresco e genuino,...
Giardinaggio

Come Piantare I Semini Nel Cotone Idrofilo

A scuola per far capire agli alunni la tecnica della semina vengono fatti piantare dei semini nel cotone idrofilo ottenendo un effetto davvero affascinante. Si tratta infatti di una tecnica coinvolgente e istruttiva. Tale esperimento viene anche chiamato...
Giardinaggio

Come piantare un albero partendo dal seme

Piantare e coltivare gli alberi da seme può essere una delle attività di giardinaggio più gratificanti, anche se i semi di un albero spesso richiedono un po' più di preparazione in più rispetto a quelli dei fiori e delle piante più comuni. Nella...
Giardinaggio

Come coltivare il mango

Il mango è un frutto esotico originario delle regioni del sud-est asiatico, precisamente dell'Indocina e della Malesia e delle coste dell'India, oggi coltivato anche in Brasile, ai Caraibi e nelle isole Hawaii. Viene denominato col medesimo termine in...
Giardinaggio

Come Coltivare Le Ipomee

Appartenenti alla famiglia delle Convolvulacee, le Ipomee, note più comunemente come "Campanelle", sono assai apprezzate per la vistosità nonchè per la vastità di colori delle corolle imbutiforme e dal profumo intenso e gradevole. Tali piante ornamentali...
Giardinaggio

Come coltivare il peperoncino biologico

Il peperoncino è una pianta molto utile sia in cucina che nella vita di tutti i giorni. Ai nostri giorni sono acclarate da moltissimi studi scientifici le sue proprietà antiossidanti, che fanno di questa pianta un'alleata preziosa contro l'invecchiamento....
Giardinaggio

Come Realizzare Un giardino Inglese

Caratterizzato da elementi naturali e artificiali, quali ruscelli, laghetti, grotte, alberi secolari, cespugli, escludendo elementi geometrici o troppo definiti, il giardino Inglese si è sviluppato nel corso 1700, se pur alcune volte in versione selvaggia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.