come aggiustare il portasapone a muro

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Se nella nostra stanza da bagno notiamo che il portasapone non si regge più, perché si è svitato dalla parete, oppure si presenta danneggiato nelle sue calettature, possiamo intervenire con delle riparazioni appropriate, senza necessariamente sostituirlo, e quindi rispettando il design impostato. In riferimento a ciò, ecco una guida su come aggiustare il portasapone a muro.

25

Occorrente

  • Carta vetrata
  • Spugnetta
  • Viti e giravite
  • Listelli di legno
  • Seghetto da traforo
  • Colla epossidica
35

Per prima cosa individuiamo la tipologia di portasapone da riparare. Potrebbe accadere che col tempo questo portasapone si stacchi dal muro per cedimento delle viti oppure per rottura del piano d'appoggio. In ogni caso conviene smontare il tutto e acquistare i pezzi rotti e, successivamente, rimontare l'intero portasapone. Smontiamo il portasapone fino ad avere il solo foro praticato all'interno delle piastrelle e del muro.

45

Puliamo la piastrella attorno al foro utilizzando un piccolo raschietto, una carta vetrata a grana sottilissima oppure una spugnetta abrasiva. A questo punto rechiamoci in una ferramenta e prendiamo delle viti a pressione simili, per dimensioni, a quelle precedenti. Inseriamo prima in un foro e poi nell'altro le viti, dopo averle fatte passare per i pomelli decorativi (che hanno anche la funzione di nascondere le piastrelle rovinate attorno al foro). Ora avvitiamo per bene con un giravite le due viti, senza stringere eccessivamente. Il pomello dovrà comunque risultare ben fermo contro la parete. A questo punto montiamo i ferri di appoggio (con la relativa base) attorno ai pomelli. Infine completiamo l'opera avvitando gli ultimi due pomelli (che hanno la funzione di nascondere alla vista le viti) con le mani. Facciamo attenzione, anche in questo caso, a non stringere troppo i pomelli, altrimenti rischieremo di romperli.

Continua la lettura
55

Dopo questa descrizione del portasapone da aggiustare e che si compone di viti a scomparsa nelle piastrelle, vediamo invece come ottimizzare il risultato quando la tipologia è diversa come ad esempio quella con un piastrina di plastica che fissata alle pareti della stanza da bagno consente (a slitta), di asportare il portasapone per pulirlo. La rottura in questo caso può interessare il dentino che compone la calettatura e che magari si è spaccato. Per rimediare, basta asportarla dal muro svitando le viti, e poi creare di nuovo la calettatura prendendo dei sottili listelli di legno, che fissiamo al posto dei dentini che per l'occasione rimuoviamo con un seghetto da traforo. I listelli li applichiamo poi con della colla epossidica di tipo bi-componente, che una volta essiccata, risulta molto resistente. Fatto ciò, non ci resta che fissare di nuovo la piastrina con le viti ed applicare poi a slitta il portasapone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare un orsetto decorativo scatola portasapone

Sul mercato vengono venduti numerosissimi prodotti che possono essere utilizzati come portasapone. Molte volte, però, questi oggetti risultano essere privi di decorazioni e, di conseguenza, abbastanza monotoni. Qualora voleste dare un tocco di bellezza...
Bricolage

Idee per riciclare i barattoli di vetro

Molti oggetti di uso comune e quotidiano, che spesso finiscono tra i rifiuti, possono essere riutilizzati con il metodo del fai da te, unito ad un po' di creatività, per realizzarne altri utili ed esteticamente gradevoli per la nostra casa. Oggetti particolarmente...
Altri Hobby

Idee per decorazioni con il bambù

Il Bambù è una pianta perenne proveniente dai paesi orientali, in particolare Cina e Giappone. È caratterizzata da una crescita veloce e solitamente si presenta rigogliosa con foglie sottili simili a fili d'erba ed ha inoltre una struttura dalle forme...
Bricolage

Come costruire alcuni mobili per la casa delle bambole

La casa delle bambole costituisce un oggetto che, nel corso degli anni, si è arricchito di numerosi particolari, finendo per appassionare non solo i bambini ma anche gli adulti. Nel giocare con le bambole, le nostre bambine potrebbero desiderare avere...
Bricolage

Come riciclare un barattolo di vetro

Grazie all'arte del riciclo molti oggetti che prima trovavano posto solo nelle pattumiere di casa oggi posso rivivere una seconda vita. Riciclare non è soltanto un modo che ci consente di proteggere il nostro ambiente ma è anche un valido passatempo...
Altri Hobby

5 idee per riutilizzare gli avanzi di sapone

L'arte del riciclo e del riutilizzo di materiali di scarto non è da tutti, però è possibile imparare con un po' di pazienza e costanza. Capita molto spesso che dopo aver utilizzato per lungo tempo una saponetta ne rimangano alla fine solo dei piccoli...
Altri Hobby

Come riutilizzare un porta pillole

La moda del "fai da te" sta prendendo sempre più piede in questi ultimi tempo, soprattutto se affiancata dal tentativo di salvare moltissimi oggetti dal ciclo della spazzatura. Tantissime cose, anziché essere lanciate nella spazzatura, possono essere...
Casa

Come realizzare Una Lampadario Con Pirottini Di Carta

Il mercato degli accessori per la casa, è saturo di lampade eleganti o in stile moderno dalle varie forme. Se non siamo soddisfatti dei soliti lampadari, basta un pizzico di fantasia e abilità manuale per creare oggetti dal design del tutto personale....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.