Come aggiustare un tacco rotto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La guida che andremo a scrivere all'interno dei passi che seguiranno, si occuperà di una tematica molto interessante, ovvero il fai da te. Per essere più precisi, come avrete compreso in modo facile tramite la lettura del titolo che accompagna la nostra guida, ora ci concentreremo su come aggiustare un tacco rotto. Non perdiamo assolutamente del tempo prezioso, e cominciamo immediatamente le nostre argomentazioni su questa tematica specifica.
Sui tacchi viene applicata una continua sollecitazione che, a lungo andare può provocarne la rottura o il deterioramento, addirittura fino a rendere le scarpe completamente inutilizzabili.

25

Il materiale di lavoro

Attraverso l'utilizzo di una lametta, di un martello e di colla porosa, potrete andare a correggere i difetti del tacco, dandovi nuovamente la possibilità di poter utilizzare un paio di scarpe che avevate rimosso dal vostro guardaroba. Una volta che avrete recuperato tutti gli strumenti che abbiamo appena menzionato, potrete incominciare con la lavorazione. Cominciate rimuovendo il tacco difettoso, per poi pulire con il taglierino la base del tacco e della scarpa dalla colla vecchia, assicurandoci che non rimangano residui. Questo servirà a garantirci una tenuta ottimale a lavoro finito. Se il tacco, oltre che con la colla, era fissato con i chiodi, dopo la pulizia procediamo con il riempire i buchi con la nostra colla e lasciamola asciugare per circa cinque minuti. Successivamente poniamo la colla su tutta la base del tacco e con un martello riposizioniamo il tacco sulla base della scarpa, cercando di inserire i chiodi nelle fessure che precedentemente avevamo riempito con la colla.

35

La pulizia dai residui

Utilizzando un panno umidificato, andate a pulire quelli che sono dei possibili residui dovuti all'eccesso di colla utilizzata, che potrebbero essere fuoriusciti dal bordo. Bloccando bene con una mano il tacco, potrete premere verso il basso sulla base della suola utilizzando la mano opposta. Applicate questa pressione costante per circa cinque minuti in modo da far aderire per bene il tacco alla scarpa. Lasciamo asciugare la colla per ventiquattro ore. Passato il tempo indicato il nostro tacco sarà di nuovo stabile come se non si fosse mai rotto.

Continua la lettura
45

La sostituzione integrale del tacco

La medesima procedura che abbiamo appena illustrato, potrete andare a utilizzarla anche nel momento in cui la rottura del tacco non fosse nella zona della giuntura, ma interessasse tutta la struttura del tacco. Nel caso specifico, dovrete acquistare dei tacchi completamente nuovi. E’ davvero difficile trovare dei tacchi che aderiscono perfettamente alla base delle nostre scarpe cosi come faceva il nostro tacco rotto. Per questo si sconsiglia di riparare questo genere di rotture a meno che non si riesca a trovare un nuovo tacco perfettamente aderente alla forma della base della scarpa.
Eccovi un link d'approfondimento tematico: https://momoilgomitolo.wordpress.com/2011/11/04/rotocalco-del-gomitolo-tutorial-il-dramma-del-tacco-sbucciato/.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

10 consigli per ammorbidire le scarpe col tacco alto

I tacchi alti sono un accessorio fondamentale per gran parte delle donne. Essi rendono le gambe sinuose, dando risalto alle linee della muscolatura in tensione. Tuttavia non è semplice portarli, soprattutto quando la scarpa risulta dura e troppo aderente...
Bricolage

Come sostituire il tacco di una scarpa

Camminando si tende ad appoggiare a terra la parte maggiormente esterna del tacco, che perciò si consuma prima e in modo non uniforme. Questo fa in modo, che non soltanto la camminata subisca effetti negativi, però anche che, la base del tacco si deformi...
Materiali e Attrezzi

Come ammorbidire le scarpe con il tacco

La maggior parte delle scarpe specie se di qualità vengono realizzate con pelli bovine, che sono il doppio dello spessore della pelle di vitello, senza contare che le cuciture e i tacchi le rendono ancora più rigide e poco confortevoli per i nostri...
Materiali e Attrezzi

Come riparare i tacchi delle scarpe rovinate

In questa guida vi spiegherò in maniera semplice e veloce come riparare i tacchi delle scarpe rovinate. Quindi, donne, non abbiate più paura. Se vi si spezza un tacco non ne fate un drama. Ci sono qui io a spiegarvi come risolvere tutti i vostri problemi...
Bricolage

Come realizzare una busta da viaggio per le scarpe

La scarpa serve per vari scopi, la protezione è la funzione principale, poiché la scarpa deve proteggere dal contatto diretto con il suolo e coprire il piede, mantenendo il calore in inverno; inoltre, può aumentare l'aderenza in particolari condizioni...
Casa

Come stappare una bottiglia senza cavatappi

Quando gli amici sono arrivati e la tavola è già apparecchiata manca solo il vino per cominciare a mangiare. Esso è stato messo in fresco per essere consumato alla giusta temperatura. A questo punto bisogna prenderlo, stapparlo e portarlo in sala da...
Bricolage

Come realizzare una scarpa porta anelli

I gioielli sono, dei bellissimi accessori, amati sopratutto delle donne. Essendo molto piccoli, i gioielli, spesso ci fanno disperare perché è facile perderli. È importante quindi cercare di conservarli riponendoli in luoghi sicuri. Capita spesso di...
Altri Hobby

Carnevale: come creare un vestito da strega con vecchi indumenti

Avete intenzione di vestirvi da strega per carnevale o semplicemente per qualche festa mascherata? Nessun problema, potete usare anche degli indumenti vecchi o indumenti che avete messo da parte nel vostro guardaroba! Ecco il vestito più facile da fare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.