Come annaffiare durante le vacanze

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Quando arrivano le meritate vacanze c'è molta allegria e frenesia, ma il problema sorge pensando alle amate piante che resteranno per qualche settimana senza la vostra super visione. Una soluzione potrebbe essere quella di incaricare qualche amico o vicino di casa per curarle, ma non sempre è possibile. In questa guida spiegherò come annaffiare il vostro angolo verde durante le vacanze.

28

Occorrente

  • sottovasi meglio se in terracotta
  • bottiglie di plastica
38

Se la vacanza si riduce solo ad un weekend, basterà bagnare un po' di più la terra ed eventualmente mettere un po' d'acqua anche nei vari sottovasi così quando avranno bisogno di nutrirsi le piante provvederanno da sole assorbendo il liquido che necessitano. Se invece la vostra vacanza risulterà essere più lunga, un buon sistema sarebbe quello spostare le piante che si trovano sui davanzali o sui balconi e terrazzi esposti al sole, in una posizione più ombreggiata e riparata. In tal modo le loro esigenze idriche diminuiranno ed il rischio di essere bruciate dal sole calerà drasticamente.

48

In commercio esistono molte soluzioni in merito, ma se volete spendere meno allora vi conviene adottare dei sistemi casalinghi. Per prima cosa occorre prendere un recipiente abbastanza capiente, riempirlo di acqua e sistemarlo ad un' altezza superiore rispetto ai vasi da innaffiare. Ora prendete un cordone di cotone o degli stracci lunghi e immergete un'estremità nel contenitore colmo d'acqua mentre l'altra estremità dovrà essere sistemata all'interno del vaso, fissandola saldamente nella terra. Procedete allo stesso modo con gli altri vasi.

Continua la lettura
58

Se le piante sono di appartamento, un valido aiuto consiste nel riempire il lavandino di acqua e collocare al suo interno un panno in modo che metà sia immerso nell'acqua e metà sotto i vasi. In tal modo i vasi assorbiranno l'acqua che entra dai fori di drenaggio in modo che penetri fino alle radici. Un'altra alternativa potrebbero essere le classiche bottiglie di plastica vuote; in questo caso basterà riempirle d'acqua, chiudere il tappo, fare dei piccoli fori e posizionarle capovolte nella terra così facendo l'acqua verrà liberata poco alla volta e la vostra pianta potrà rimanere da sola fino al vostro rientro.

68

Nel caso in cui la vostra assenza si protrarrà oltre le tre settimane, allora questi metodi potrebbero non essere sufficienti. In questo caso l'unica soluzione sarebbe quella di affidare la cura delle piante ad un vicino di casa che provvederà ad innaffiarle al loro bisogno, soprattutto se la vostra assenza risulta essere nel periodo più caldo. In questo periodo infatti le piante soffrono molto l'aria calda e umida e sarà necessario controllare il loro stato periodicamente.

78

Guarda il video

88

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come annaffiare le piante in vostra assenza

Se amate le piante, ogni estate sicuramente si presenta il problema di come curarle e soprattutto annaffiarle; infatti, se andate in vacanza e non sapete come comportarvi affinché non deperiscano, è necessario affidare a qualcuno questa mansione. Se...
Giardinaggio

Come e quando annaffiare le piante grasse

L'hobby del giardinaggio richiede una serie di conoscenze e competenze fondamentali per la vita delle proprie piante. Esistono infatti diverse tipologie di vegetali che necessitano di attenzioni specifiche. Quello che andremo a vedere in questa guida...
Giardinaggio

Come annaffiare le piante con la tecnica della fettuccia

Basta regalare piante e fiori a parenti e amici, assoldare vicini e conoscenti per l'innaffiatura o lasciare, con senso di colpa, i nostri vasi soli e incustoditi quando partiamo per le vacanze! La soluzione fai da te economica è una e semplice: ecco...
Giardinaggio

I migliori metodi per annaffiare le piante

Le piante sono una delle tante meraviglie della vita. Chi non ha oggi almeno una pianta a casa? Sono un elegantissimo ornamento per le case e un tocco di freschezza per i giardini. Ma come ogni essere vivente anche le piante necessitano di particolari...
Giardinaggio

Come annaffiare gli alberi di melo

Il melo è una delle piante fruttifere maggiormente conosciute, coltivata nelle regioni temperate: sono alberi resistenti e riescono a raggiungere i 10 metri di altezza, hanno bisogno di molta acqua per produrre i loro frutti e il loro ambiente non deve...
Giardinaggio

Come annaffiare le piante quando si è in vacanza

Se è arrivato il momento della partenza per le vacanze e non avete ancora trovato il modo di provvedere alla cura delle vostre piante da appartamento durante l'assenza chiedendo ad amici o vicini di casa, avete due possibilità: affidare le piante ad...
Giardinaggio

Come coltivare l'acacia

L'hobby del giardinaggio e della coltivazione delle piante e dei fiori appassiona moltissime persone, ma risulta molto difficile, a volte, riuscire a rendere florida e rigogliosa una pianta o un fiore. L' albero di acacia, per esempio, presenta uno sviluppo...
Casa

Come installare un impianto di irrigazione

Per avere un magnifico giardino pieno di fiori stupendi, o un orto che ci dia verdure fresche e sane, è necessario annaffiare continuamente il campo seminato, altrimenti non avremo niente di tutto questo. Magari a causa del lavoro non c'è il tempo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.