Come annaffiare gli alberi di melo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il melo è una delle piante fruttifere maggiormente conosciute, coltivata nelle regioni temperate: sono alberi resistenti e riescono a raggiungere i 10 metri di altezza, hanno bisogno di molta acqua per produrre i loro frutti e il loro ambiente non deve essere troppo caldo. Se vengono coltivati in terreni ben drenati e concimati, non è necessario annaffiarli spesso anche se ci troviamo in piena stagione di crescita; questo perché nei climi dove abitualmente sono piantati (quelli nordici e temperati) ci sono già le condizioni ideali per crescere: una di queste sono, per esempio, le abbondanti piogge, necessarie perché si sviluppino bene da soli, mentre nei climi caldi l'acqua diventa essenziale. Vediamo allora come e con quale frequenza procedere per annaffiare gli alberi di melo.

27

Occorrente

  • Concime naturale organico
  • Canna per innaffiare
  • Aspersore
37

L'albero di melo prospera in molti tipi di terreni, a patto che non siano troppo umidi o troppo argillosi. Ha, comunque bisogno di acqua, in dosi e quantità che dipendono dall'età dell'albero: quelli più antichi infatti possono stare senza acqua al massimo per tre settimane, per questo è essenziale controllare la frequenza delle piogge. Il modo più comodo per avere sempre sotto controllo la situazione è quello di usare un aspersore da giardino, posizionarlo sotto l'albero ed avviarlo una volta a settimana. Gli alberi giovani invece hanno bisogno di una maggiore quantitá d'acqua, indicativamente 2,5 cm a settimana.

47

Nel caso di alberi giovani è preferibile usare la canna per innaffiare con lo spruzzatore simulando la caduta naturale della pioggia. Non c'è bisogno di bagnare rami e tronco, anzi lo spruzzo d'acqua deve essere proiettato verso il terreno e solo occasionalmente sulle foglie (l'albero prende le risorse di cui ha bisogno proprio dalla terra). Se la stagione fosse particolarmente secca e non consentisse la crescita florida attesa da un albero di melo, bisogna ricorrere al fertilizzante per aiutare l'albero a superare la stagione con piogge scarse.

Continua la lettura
57

Il fertilizzante bisogna spargerlo intorno alla base dell'albero in uno strato sottile (non oltre 2 cm), si può anche usare il concime naturale. La circonferenza dovrebbe estendersi quanto i rami dell'albero, ma bisogna lasciare dello spazio vicino al tronco, perché il concime accumulato a ridosso del tronco e delle radici potrebbe favorire la putrefazione e l'attacco di insetti nocivi infestanti. L'applicazione del fertilizzante va accompagnata comunque con un'innaffiatura in modo che in breve tempo il melo possa crescere e permettere il raccolto dei suoi frutti (un mese prima le annaffiature vanno ridotte).

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare un melo in vaso

Gli alberi da frutto vengono sempre immaginati all'interno di un frutteto. Tanto che, molti rinunciano a prendere l'iniziativa di coltivarli. Il primo dubbio più frequente viene rivolto allo spazio che dovrà occupare la pianta. Ma nulla è impossibile!...
Giardinaggio

Come coltivare un melo in giardino

La mela è uno dei frutti più apprezzati e che può essere consumato per tutto l'anno. Decidere di coltivare un melo nel proprio giardino significa poter mangiare frutti sani e deliziosi, nonché mettere alla prova il proprio pollice verde. Nella seguente...
Giardinaggio

Come coltivare un melo bonsai

Avere in casa molte piante e poterle coltivare è un po' la passione di molte persone che vorrebbero avere sempre un giardino ben colto. Molto spesso quando ci prendiamo cura di una pianta non sempre riusciamo ad ottenere i risultati sperati. Questo magari...
Giardinaggio

Come potare gli alberi di melo

Il melo è uno degli alberi da frutto più diffusi in Italia, soprattutto nelle regioni settentrionali. Robusto e vigoroso, ha una crescita piuttosto lenta rispetto ad altri alberi da frutto. Una volta raggiunta l'età adulta, il melo offre una produzione...
Giardinaggio

Come coltivare alberi di mele nani

La coltivazione di alberi di mele nani è abbastanza decorativa, nonché semplice sia dal punto di vista logistico che da quello del mantenimento. La fruttificazione, inoltre, è davvero intensa. L'altezza dell'albero, di circa 3 metri, è contenuta e...
Giardinaggio

Come Potare Un Melo

Ogni pianta come ogni albero da frutto, necessita di una corretta potatura. Molti sono gli alberi da frutto che devono essere potati per poter produrre i frutti migliori. I meli grandi per esempio, sono molto belli da vedere ma, se trascurati, tendono...
Giardinaggio

Come coltivare il melo e il pero

Il pero e il melo sono due alberi in grado di produrre dei frutti davvero squisiti, decorativi, ricchi di vitamine e di sali minerali. Si tratta di piante antichissime che, nei tempi passati, colmavano solamente le terre tra la Turchia e Russia e quelle...
Giardinaggio

Come Liberarsi Del Problema Dell' Afide Grigio Del Melo

Il melo è tra le piante da frutto maggiormente coltivate, di aspetto gradevole, decora elegantemente un giardino ed i suoi frutti sono sempre graditi. Purtroppo però come per la maggior parte di alberi da frutto, necessita di costante manutenzione....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.