Come avere rubinetti splendenti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Uno dei problemi che mettono in ansia molte donne amanti della pulizia, è sicuramente il calcare che si forma sui rubinetti, rendendoli opachi e quindi antiestetici. Questa condizione è ovviamente generata dall'acqua specie quella calda. Tuttavia è importante sapere che ci sono degli ottimi rimedi anche naturali, per scongiurare l'inconveniente. A tale proposito, ecco una guida su come avere dei rubinetti sempre splendenti.

25

Occorrente

  • Acqua
  • Aceto di vino bianco
  • Bicarbonato di sodio
  • Un panno morbido e asciutto
35

Asciugare i rubinetti sempre dopo l'uso

Il primo trucco per avere dei rubinetti splendenti e costantemente lucidi consiste nel pulirli e asciugarli sempre dopo l'uso. Per un'efficace azione detergente, bastano in tal caso pochissime gocce di sapone versate su una spugna umidificata. Quest'ultima si strofina sui rubinetti dopodichè si provvede al risciacquo e all'asciugatura con un panno pulito. Questo semplice gesto quotidiano serve dunque a prevenire la formazione di aloni e calcare, ed inoltre a sgrassare l'acciaio di cui si compongono i rubinetti. Da evitare sono tuttavia alcuni acidi tipo quelli a base di cloro e la candeggina.

45

Preparare una soluzione a base di aceto

Un altro metodo che consente di avere dei rubinetti sempre splendenti è di adoperare delle sostanze acide non troppo aggressive e soprattutto naturali come ad esempio l'aceto. Quest'ultimo è infatti un potente anticalcare e svolge anche un'efficace azione disinfettante. Per ottimizzare il risultato basta preparare una soluzione a base di aceto composta da mezzo bicchiere di questa sostanza e due cucchiaini di bicarbonato di sodio entrambi disciolti in acqua fredda. Il bicarbonato di sodio è ideale in quanto svolge una leggera azione abrasiva atta a rimuovere le incrostazioni di calcare. L'uso di uno spruzzino rende il composto ideale per ottimizzare il risultato anche su altre parti in acciaio della stanza da bagno.

Continua la lettura
55

Usare uno spazzolino da denti

Per un'azione detergente ancora più efficace, è possibile usare uno spazzolino da denti. In questo caso basta semplicemente bagnarlo in una soluzione a base di limone e bicarbonato. Fatto ciò, bisogna strofinare sui punti più incrostati dei rubinetti, e lasciarlo agire per almeno un'ora. Trascorso tale tempo, basta asciugare accuratamente la superficie con un panno pulito. Per liberare invece i fori dell'erogatore, occorre necessariamente svitarlo e lasciarlo a bagno in un bicchiere colmo di aceto aceto per una notte intera. Adottando dunque questi piccoli ma funzionali accorgimenti, si potranno finalmente avere dei rubinetti sempre puliti e soprattutto splendenti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come rimuovere l'aria dai tubi dell'acqua

Se sono presenti bolle d'aria nei tubi dell'acqua, i rubinetti possono schizzare quando li si apre e creare quindi disagi e spaventi. Oltre a questo, il sistema idrico potrebbe emettere dei rumori anche quando i rubinetti sono chiusi, provocando numerosi...
Bricolage

Come chiudere un rubinetto d'arresto

I rubinetti d'arresto servono per chiudere l'afflusso dell'acqua nelle tubature di un locale. Altro non sono che normali rubinetti, realizzati per lo più utilizzando come materiale l'ottone. Come del resto per tutte le cose, anche questi elementi, necessitano...
Casa

Come Chiudere L'Acqua In Casa

Se vi rendete conto di non sapere come chiudere l'impianto idraulico di casa vostra è meglio che cerchiate di individuare subito la collocazione dei rubinetti d'arresto. Infatti saper bloccare repentinamente il flusso dell'acqua, nel caso in cui un tubo...
Materiali e Attrezzi

Come eliminare la ruggine dal cromo

Il cromo è un metallo piuttosto resistente che si presta benissimo per la realizzazione di innumerevoli oggetti presenti nella nostra vita quotidiana. Come del resto tutti gli altri metalli, anche il cromo è soggetto agli attacchi della ruggine quindi,...
Casa

Come sostituire la vecchia guarnizione di un rubinetto

I rubinetti di casa vengono utilizzati molto di frequente. Per questo motivo a lungo andare potrebbero non funzionare più in modo corretto. Capita, nel silenzio della notte, di sentire il rumore delle gocce che cadono di volta in volta dal rubinetto,...
Bricolage

Come cambiare un rubinetto d'arresto a sfera

I rubinetti, o valvole d'arresto, per chiamarli con il loro nome moderno, servono per aprire o chiudere l'acqua. Sono utilizzati negli scaldabagni, nelle caldaie o nei bagni separati. Svolgono, dunque, una funzione di intercettazione dell'acqua. Se si...
Casa

Metodi anticalcare naturali

La quantità di calcare (carbonato di calcio) dell'acqua ne determina il grado di durezza. La presenza del calcare si trova dunque su tutte le superfici a contatto con l'acqua. Come in cucina ed in bagno: su piastrelle, rubinetti, lavandini e così via....
Casa

Come pulire l'interno di uno scaldabagno elettrico

Nel corso degli anni e soprattutto nelle zone in cui è in uso dell'acqua molto ricca di calcio, il calcare tende ad accumularsi all'interno dello scaldabagno dando vita a delle incrostazioni anche di rilievo. Per rendere lo scaldabagno efficiente, ed...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.