Come carteggiare e decapare

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Ogni amante del bricolage sa bene quanto siano importanti dei piccoli accorgimenti quando si effettuano dei lavoretti fai da te. Due accorgimenti senza dubbio preziosi per far si che i nostri lavori siano perfetti sono il carteggiare e il decapare. Per fare ciò bisogna avere esperienza: capire quali strati togliere, quali angoli smussare e che tipo di carta usare infatti richiede una certa destrezza. Nella seguente guida, passo dopo passo, vi spiegheremo proprio come carteggiare e decapare.

25

Scegliere la carta vetrata adatta

Usare la carta vetrata per carteggiare ha diverse motivazioni. La si può usare per eliminare degli strati di vernice per esempio da un mobile, per levigare delle superfici da incollare, in modo da creare delle superfici ruvide che permettano alla colla di attecchire meglio, oppure semplicemente per togliere del materiale in eccesso. Data l'innumerevole varietà di usi, ci sono diverse carte vetrate, identificate con dei numeri che indicano il numero di cristalli per centimetro quadrato e la grandezza dei granuli. Inoltre esistono carte vetrate diverse a seconda dei diversi materiali sui quali la si deve utilizzare. La scelta del tipo di carta vetrata è dettata quindi dal materiale su cui stiamo lavorando e dal tipo di lavoro che dobbiamo svolgere. Ciò che però non cambia è il modo in cui si deve carteggiare per ottenere ottimi risultati.

35

Carteggiare

Diverso è decapare. Questa tecnica è usata per conferire ai mobili un aspetto vecchio, usurato. Si parte dalla carteggiatura, elemento indispensabile, anche in questo caso, per ottenere un risultato professionale. È molto importante carteggiare per bene il mobile in modo da eliminare i vecchi strati di venire e cera, che impedirebbero una buona riuscita del lavoro. Assicuratevi di usare la grana adatta, né troppo grossa, in modo da tirar via anche pezzi di legno, né troppo fine, in modo da levigare la vernice vecchia senza scalfirla.

Continua la lettura
45

Decapare

Una volta finito di carteggiare usate una spazzola di ferro per creare dei piccoli solchi sulle superfici da decapare. Assicuratevi di seguire le venature del legno. A questo punto, usando della lana d'acciaio impregnata di pasta bianca di cera, percorerte i solchi in modo da splamare per bene la cera nei solchi e nei pori. Lasciate asciugare per una mezz'ora. Una volta fatto ciò, usate un altro pezzo di lana d'acciaio. Immergetelo nella cera per mobili e strofinatelo sul mobile per rimuovere gli eccessi di pasta bianca. Fate ciò a vostra discrezione, ricordatevi di non eliminare tutta la pasta precedentemente posta. Per terminare il lavoro è consigliabile una passata di lucido per mobili.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come fare il decapaggio di un mobile

A causa della crisi, molte persone si procurano da sé diversi oggetti e modificano i propri mobili a piacimento utilizzando prodotti economici e le guide presenti online. Per decapare un mobile (decapare deriva dal francese décaper e significa "togliere...
Casa

Come carteggiare in punti critici a mano

Le operazioni di carteggio costituiscono uno di quei processi meccanici atto a ripristinare una superficie liscia ed omogenea in grado di accogliere, successivamente, altre operazioni come stuccature, e verniciature. Il carteggio viene effettuato su una...
Altri Hobby

5 cornici fai da te per la festa della mamma

Per la festa della mamma un regalo fai da te è sempre il pensiero adatto per far commuovere ed emozionare le mamme di ogni età. Non occorre essere degli artigiani talentuosi, basta optare per l'idea giusta. Ad esempio una cornice fatta con dei materiali...
Bricolage

Come saldare il rame

Rame e leghe (nichel) sono spesso saldati con il processo manuale di saldatura ad arco utilizzando un elettrodo di ferro ricoperto di materiale fondente e borace solida. Questo metodo è poco costoso, può essere praticato senza pericoli e la saldatura...
Bricolage

Come realizzare un craquelé su superfici in legno

Per Craquelé si intende una specifica tecnica che riguarda la decorazione, che dalla lingua francese viene tradotto come screpolato. Questo per il semplice motivo che l'effetto che ne viene fuori mostra una superficie dell'oggetto trattato, appunto screpolata....
Casa

Come verniciare un mobile di legno senza carteggiare

Se in casa avete un mobile che ha bisogno di una ristrutturazione totale, in quanto ormai è ridotto molto male, e sopratutto ha delle superfici ruvide, potete verniciarlo ugualmente, evitando di carteggiare e di conseguenza evitando la creazione di polveri....
Casa

Come dipingere un mobile di legno senza carteggiare

Se in casa abbiamo un mobile che necessita di una ristrutturazione totale, in quanto si presenta piuttosto malconcio e soprattutto con delle superfici ruvide, possiamo ugualmente procedere senza tuttavia generare polvere, che si crea ad esempio se usiamo...
Materiali e Attrezzi

Come carteggiare il legno

Carteggiare il legno può rivelarsi essere un compito lungo e noioso, ma lo si può completare nella metà del tempo e con ottimi risultati semplicemente utilizzando gli attrezzi adeguati e seguendo alcuni metodi. Utilizzando pochi strumenti è possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.