Come coltivare erbe aromatiche in casa

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Le erbe aromatiche rendono i nostri piatti più saporiti e profumati senza aggiungere calorie indesiderate. In ogni supermercato troviamo le erbe aromatiche pronte, secche o surgelate, ma il profumo ed il sapore delle stesse erbe fresche, appena colte dal vaso, è decisamente migliore. Nella seguente guida vedremo come coltivare in modo facile e pratico alcuni tipi di erbe aromatiche in casa.

24

Occorrente

Per la coltivazione delle erbe aromatiche, è necessario fare una distinzione tra le specie perenni, come l'alloro e il rosmarino, che decorano gli spazi anche d'inverno, e le specie meno resistenti al freddo, come basilico e prezzemolo, le quali si coltivano in grande quantità nel periodo più caldo. Per la coltivazione avremo bisogno di compost, ovvero terra che sia arricchita di composti organici per favorire la crescita delle piante, e vasi di varia misura. Può inoltre essere necessario utilizzare del fertilizzante a lento rilascio. Per iniziare la coltivazione abbiamo due opzioni: comprare i semi delle varie erbe aromatiche oppure comprare nei vivai le piccole piantine che sono all'inizio della crescita.

34

Semina

Se compriamo i semi delle erbe aromatiche, dobbiamo prendere dei piccoli vasetti, forati alla base, delle dimensioni di un bicchiere da tavola, e riempirli per tre quarti di compost. In seguito mettiamo due o tre semi per vasetto, ricopriamo con 1 o 2 centimetri di compost, innaffiamo con delicatezza, in modo da non far spostare i semi, e poniamo i vasetti su dei sottovasi in modo da raccogliere l'acqua in eccesso. A seconda del tipo di erba aromatica la germinazione, ovvero la crescita delle prime foglie, può avvenire tra i dieci ed i venti giorni. Dopo un mese circa dalla semina, otteniamo delle piccole piantine uguali a quelle che si comprano nei vivai. A questo punto, a seconda del tipo di erba aromatica e a seconda della crescita ottenuta, possiamo iniziare a trapiantare le nostre piantine in vasi più grandi o nel nostro orto.

Continua la lettura
44

Tipologie di erbe aromatiche

Vediamo ora alcuni tipi di erbe aromatiche che si coltivano nel periodo caldo dell'anno con i consigli su quando e come effettuare le varie fasi prima descritte. Per la semina del basilico, il periodo più indicato è metà primavera. I semi germinano in circa due settimane. Quando le piantine raggiungono l'altezza di 15 centimetri, possiamo travasarle in vasi più grandi. A metà estate è possibile iniziare a raccogliere le prime foglie ed è possibile effettuare una nuova semina in modo da avere un raccolto in autunno. Per la semina del prezzemolo il periodo più indicato è metà primavera. La germinazione del prezzemolo è più lenta di quella del basilico, ma è possibile comunque trapiantare le piantine in vasi più grandi o nell'orto alla fine della primavera.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare l'alloro in terrazza

Grazie all'ampio uso delle erbe aromatiche in cucina, sono sempre di più le persone che preferiscono averne una piccola coltivazione in giardino o sul balcone. Questo perché avere le erbe aromatiche fresche sempre a disposizione permette di cucinare...
Casa

Come realizzare piantine aromatiche in stile provenzale

Il tema che oggi vogliamo cercare di affrontare è quello del come poter realizzare delle bellissime e profumatissime piantine aromatiche, in puro stile provenzale. Decorare dei vasetti in questo stile, contenenti delle bellissime piantine ed erbe aromatiche,...
Giardinaggio

Come travasare le piantine di basilico

Con l'arrivo della primavera cominciano a deliziarci anche i profumi delle erbe aromatiche che crescono negli orti. Il basilico ad esempio è una di queste, ed è proprio in primavera che le piantine devono essere accuratamente travasate. In riferimento...
Giardinaggio

Come giocare alle piante aromatiche

Con l'arrivo della primavera, viene voglia di diventare contadini, e mettersi a coltivare delle piante aromatiche, in giardino, per chi ce l'ha, o anche sul balcone di casa, creando un angolo profumato e saporito. E perché non coinvolgere anche i nostri...
Giardinaggio

Come seminare il prezzemolo in vaso

Quante volte avete preparato dei piatti, magari a base di pesce, che volevate insaporire con qualche deliziosa erba aromatica, ma ne eravate sprovvisti? Le spezie essiccate che si comprano nei vasetti in quasi tutti i supermercati sono sì ricchi di sostanze...
Giardinaggio

Come creare una torre di erbe aromatiche

Molte persone che vivono in città a volte adibiscono un piccolo spazio verde alla coltivazione di erbe aromatiche. Raramente si riesce a disporre di un giardino per cui sono state studiate delle tecniche che consentono di coltivare diverse varietà di...
Giardinaggio

Come coltivare la melissa

La melissa, conosciuta come "la pianta che dispone il cuore e la mente all'allegria", è una tra le erbe aromatiche più coltivate. Nell'antica Grecia l'appellativo "Melissa" era riservato alle donne dalle grandi virtù; le "Melisse" erano anche le sacerdotesse...
Giardinaggio

Come coltivare il finocchio selvatico

Il finocchio selvatico, conosciuto anche come finocchietto o finocchio amaro, è un'erbacea perennemente vigorosa della flora mediterranea e dell'Asia meridionale. Costituita da radici profonde, ama le zone soleggiate e costiere ed in natura può raggiungere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.