Come coltivare i carciofi in vaso

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il carciofo è una pianta tradizionalmente coltivata in piena terra. Tuttavia, non del tutto infrequenti risultano i tentativi di coltivarlo anche all'interno di vasi più o meno ampi, per la soddisfazione di chi, non disponendo di uno spazio verde molto grande, preferisce questa seconda modalità di coltivazione. Ma non crediate che questa sia un'operazione semplice: la coltivazione del carciofo in vaso richiede impegno e manutenzione molto attenta, oltre che interventi specifici e tempestivi a supporto della crescita. In questa guida vogliamo illustrarvi come coltivare queste particolari piante all'interno di vasi, beneficiando così delle molteplici proprietà di una coltivazione così particolare.

26

Occorrente

  • 1 vaso grande, terriccio, letame, semi di carciofo, gemme, acqua.
36

Scegliete un vaso ampio

Se dunque avete deciso di coltivare il carciofo all'interno di vasi, sappiate che il periodo migliore per farlo è il mese di febbraio. L'ampiezza del vaso dovrà comunque sempre essere piuttosto consistente perché questa pianta ha comunque bisogno di molto spazio per crescere in modo armonico. Vi occorrerà poi scegliere il terreno più adatto da inserire nel vaso. A tal proposito vi consigliamo di optare per un prodotto terroso provvisto di materiale organico, nel quale la componente di argilla non sia particolarmente consistente. Aggiungete poi del letame al terreno e la prima parte della preparazione si potrà così considerare terminata.

46

Introducete il seme nel terreno

Ora dovrete pensare alla semina vera e propria. Questa fase rappresenta forse il momento più importante e delicato del processo di coltivazione. A tal proposito potreste scegliere di piantare sia i semi veri e propri del carciofo oppure, in alternativa, i carducci o le gemme. Ecco come intervenire: realizzate delle buche nel terriccio posto all'interno del vaso e collocate in media profondità i semi o le gemme di carciofo. Ricordatevi di realizzare buche non eccessivamente profonde. Dopo aver sistemato adeguatamente i semi, ricoprite il tutto con dell'altro terriccio.

Continua la lettura
56

Irrigate con parsimonia

Il più è fatto. Non vi rimarrà altro da fare che attendere il germogliare delle prime piantine di carciofo e, con esse, la successiva nascita del frutto vero e proprio. Per tutti coloro che hanno il pollice verde, sarà questa un'emozione davvero unica. Durante questo periodo ricordatevi di irrigare il vaso almeno una volta al giorno, effettuando tale azione nelle ore meno calde e assolate della giornata. Tuttavia, non esagerate con l'innaffiatura: il carciofo, infatti, non ha bisogno di molta acqua per crescere e riprodursi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando collocate i semi di carciofo all'interno della terra contenuta nel vaso, realizzate buche non particolarmente profonde.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come realizzare delle rose con i carciofi

Quando si deve organizzare una cena spesso si è indecisi su cosa presentare a tavola e soprattutto come abbellire i piatti da servire agli ospiti. Nella maggior parte dei casi si prediligono i piatti classici, semplici da preparare e da abbellire, ma...
Bricolage

Come fare dei portacandela

I portacandela hanno sempre avuto una funzione speciale. Sia nelle epoche passate, quando servivano come strumenti per reggere le candele. Ma anche durante tutta la loro evoluzione, sino ad arrivare ai nostri giorni. Adesso un portacandela, pur non essendo...
Bricolage

Come Realizzare Un Frutto Con Il Patchwork A Carciofo

Si possono realizzare in una riproposizione fedele vari oggetti utilizzando la tecnica del patchwork a carciofo? Certo che sì. Stiamo parlando di un sistema estremamente utile, dal quale possono scaturire opere piuttosto interessanti dal punto di vista...
Bricolage

Come Realizzare Delle Onde Di Patchwork A Carciofo

La tecnica del patchwork, consente di creare migliaia di decorazioni per la casa, per gli abiti e per qualsiasi altro oggetto d'arredamento. Dagli più di quindici anni la tecnica di lavorazione con il patchwork è diventata uno degli hobby più comuni...
Bricolage

Come Realizzare Le Piante Grasse Con La Tecnica Del Patchwork A Carciofo

In questa guida vedremo come realizzare le piante grasse utilizzando una tecnica che viene chiamata, tecnica del patchwork a carciofo. Vedremo dunque come realizzare in parte il cactus, ma soprattutto come realizzare il fico di india e anche il fiore...
Bricolage

Come Creare Il Cactus Con La Tecnica Del Patchwork A Carciofo

In questa guida vedremo come realizzare un cactus che si realizza un patchwork a carciofo. Questa tecnica viene usata molto spesso dagli esperti per la semplicità e l'utilità che si riesce a mettere anche negli oggetti creati con la stessa tecnica....
Bricolage

Come realizzare pesci di polistirolo

La creatività non ha confini e bisogna dire che negli ultimi tempi ha preso sempre più piede l'abitudine di realizzare oggetti con le proprie mani. Naturalmente tante sono le tecniche che vengono adottate a seconda del tipo di oggetto che si vuole creare,...
Giardinaggio

Come moltiplicare la pianta di Rabarbaro

Il Rabarbaro (Rheum) appartenente alla famiglia delle Poligonacee, è una delle poche piante perenni del nostro orto, che insieme al carciofo e all’asparago, non vanno riseminate ogni anno. E già questo è un bel vantaggio! L’altro aspetto positivo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.