Come coltivare i lamponi sul balcone

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se noi, ed in particolare i nostri figli, amiamo i lamponi possiamo esaudire il desiderio di entrambi e coltivarne un buon quantitativo, con una cura minima, poco terreno e dei contenitori in terracotta o in legno abbastanza alti e profondi. Per fortuna, i lamponi non necessitano particolari attenzioni. Nei passi seguenti dunque, andremo a vedere insieme specificatamente come coltivare i lamponi sul balcone.

27

Occorrente

  • Contenitore in terracotta o legno di grandezza 100x50 cm.
  • Terriccio misto
  • Diserbante ecologico
  • Torba sminuzzata
  • Acqua
  • Clima caldo
37

Scegliere la giusta specie

Prima di iniziare la procedura per la coltivazione dei lamponi, dobbiamo sapere che ci sono diverse specie, per cui ognuna richiede un trattamento specifico. Indi per cui, bisogna fare attenzione nello scegliere la giusta specie di lamponi. Ogni varietà infatti, ha caratteristiche e abitudini di crescita leggermente diverse, e se vengono comunque prodotti in determinate aree geografiche e climatiche, da ciò possiamo dedurre che sono in vendita anche nella nostra zona, di conseguenza la coltivazione è ottimale.

47

Riempire di terra un contenitore

Se viviamo in un luogo eccezionalmente freddo però, i nostri lamponi non riusciranno a sopravvivere in un contenitore, poiché non hanno l'isolamento necessario del terreno intorno alle radici, per tenerle al caldo. Dopo questa lunga premessa, cominciamo a dire che il contenitore deve essere grande almeno 100X50 centimetri, poiché le radici si sviluppano in modo ampio e in profondità. A questo punto, dopo averlo riempito con un terriccio misto e non troppo acido, possiamo iniziare con la semina, organizzandola in modo che la pianta una volta sviluppata, si presenti con ramoscelli distanti tra loro di 6 centimetri che sono importanti per la circolazione dell'aria. Se vogliamo ottenere una pianta di lamponi forte e rigogliosa, bisogna annaffiarla spesso ma non in modo abbondante.

Continua la lettura
57

Usare un diserbante ecologico

Per quanto riguarda la manutenzione della pianta di lamponi, ci sono dei piccoli accorgimenti da adottare per prevenire gli attacchi di alcuni insetti. In questo caso, dobbiamo necessariamente usare un diserbante ecologico che non danneggi l'ambiente. Esso va spruzzato su ogni zolla dove spunta un ramoscello almeno per due o tre volte al mese. Il quantitativo di prodotto da utilizzare, dipende proprio dalla varietà prescelta, visto che in questo arco di tempo, quasi tutte le specie fioriscono. Infine, per quanto riguarda la concimazione, che va da ottobre a novembre, sono sufficienti delle foglie essiccate o alcune tavolette di torba sminuzzate per garantire un corretto drenaggio del terreno.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se noteremo che alcuni rami iniziano a seccarsi bisogna necessariamente potarli.
  • Evitiamo la potatura in inverno, preferendola in autunno.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come costruire i sostegni per la crescita dei lamponi

Il lampone (Rubus ideaus), grazie al suo sapore fresco e intenso e all’inconfondibile aroma, rappresenta il frutto di bosco per eccellenza. Molto diffuso nei sottoboschi della nostra regione, viene frequentemente coltivato nei giardini dei masi montani...
Altri Hobby

5 trucchi per l'orto in casa

Gli orti in casa stanno diventando una tendenza sempre più diffusa in quanto non c'è nulla di meglio che consumare frutta e verdura biologica coltivata direttamente a casa propria.Non è necessario disporre di ampi giardini o terrazzi perché anche...
Giardinaggio

Guida alla coltivazione dei frutti rossi

I frutti rossi sono una categoria di alimenti che comprendono un'ampia varietà di frutti. Alcuni di essi sono le fragole, le ciliege e i frutti di bosco come lamponi, ribes, more e mirtilli. La loro elevata quantità di fibre e il loro modesto contenuto...
Altri Hobby

Come tingere i tessuti

Quando si comprano delle stoffe, solitamente si preferisce acquistarle già colorate, ma comprarle di colore neutro e provvedere a casa alla loro colorazione può essere una valida alternativa per tutti coloro che soffrono di allergie alla tinture industriali,...
Altri Hobby

Come fare colori naturali per dipingere

Se siete appassionati di pittura e vi piace trascorrere parte del vostro tempo a dipingere quadri, forse potrebbe interessarvi l'argomento di cui trattiamo oggi, ovvero come fare colori naturali per dipingere. Solitamente i colori si acquistano in negozi...
Altri Hobby

Tecniche di coltivazione del tartufo bianco

Il tartufo è un fungo sotterraneo. Come molti altri funghi, il tartufo non è in grado di trarre da solo le sostanze nutritive necessarie per vivere, quindi vive in simbiosi con un'altra pianta: esso riceve queste importanti sostanze dalla pianta, ma...
Casa

Come preparare aromi per dolci fai da te

La cucina è scienza sotto ogni punto di vista: cucinare è arte, è creatività, è passione e dedizione, è studio, ricerca e sperimentazione e interpretazione. Alchimie di gusti e di sapori, aromi dal sapore unico, magici che incantano il palato, la...
Bricolage

Come creare il giusto habitat per il riccio

Il riccio è un mammifero di piccole dimensioni che va in letargo (fra Ottobre e il mese di Aprile) e si alimenta dei piccoli insetti (come le cavallette, i lombrichi, gli scarafaggi, le lucertole, i grilli, le mantidi religiose e i millepiedi), frutti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.