Come Coltivare Il Cactus A Coda Di Topo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Esistono piante grasse dall'aspetto molto singolare, come ad esempio l'Aporocactus flagelliformis, anche conosciuto con il nome di "cacto coda di topo". Questa pianta appartiene alla famiglia delle Cactacee, oltre ad avere la caratteristica di contraddistinguersi per i suoi lunghi fusti carnosi coperti interamente di spine dal portamento ricadente, dai quali nascono dei grandi fiori dal colore rosa particolarmente vivace, che non passano di certo inosservati. In questa breve guida, con pochi e semplici passaggi, vi spiegheremo come coltivare il cactus a coda di topo, fornendovi tutte quante le informazioni necessarie su questo tipo di pianta, in modo tale che possiate farla crescere nella migliore maniera possibile. Vediamo, pertanto, come occorre procedere.

28

Occorrente

  • Vaso (o paniere)
  • Acqua
  • Terriccio per Cactacee
  • Perlite
  • Torba
  • Sabbia grossolana
38

Il genere Aporocactus è tipico dell'America centrale, ma anche delle zone temperate

Il genere Aporocactus comprende poche specie, le quali sono tutte originarie dell'America centrale, ed in particolare del Messico. Tuttavia, al giorno d'oggi, è diffusa in tutte le zone che presentano un clima temperato. Si tratta di piante conosciute anche con il nome di coda di volpe. La denominazione "Aporocactus", nello specifico, deriva dal greco "àporos", che vuol dire "impenetrabile".

48

Aporocactus deriva dal groviglio dei suoi rami che raggiungono anche un metro di altezza

Il suo significato è dovuto dall'intricato groviglio dei rami che caratterizzano le piante di questo genere. Si tratta di una pianta perenne, caratterizzata da lunghi fusti, che raggiungono l'altezza anche di un metro, ricoperti da piccole areole nelle quali si costituiscono dei gruppi di piccole spine, abbastanza sottili e corte. I fiori sbocciano nel periodo primaverile e la fioritura si protrae per diversi mesi, producendo fiori a forma di trombetta sfrangiata, con i petali dai colori che variano dal rosa al rosso vivo.

Continua la lettura
58

Queste piante prediligono la luce ed il sole diretto, oltre a tollerare le alte temperature

L'Aporocactus rappresenta una pianta di facile coltivazione. La migliore maniera per allevarla è quella di crescerla all'interno di panieri sospesi, in considerazione del fatto che i fusti sono particolarmente lunghi, e per questo motivo rimangono ricadenti. Si tratta di piante che prediligono la luce, ma anche il sole diretto, ad eccezione durante il periodo estivo, maggiormente caldo e comunque mai filtrato attraverso i vetri. Non presentano dei grossi problemi con le temperature massime, le quali sono ben tollerate, ma hanno problemi con quelle minime, che non devono scendere al di sotto dei 0-5 gradi centigradi

68

L'Aporocactus nel periodo autunno-inverno, il terreno deve essere mantenuto umido

Si tratta di una pianta che entra in riposo vegetativo durante il periodo compreso tra l'autunno e l'inverno. Pertanto in questi mesi tutte quante le attività devono essere ridotte al minimo, e la pianta deve essere lasciata tranquillamente alla luce. Per quanto concerne, invece, la fase di irrigazione, è doveroso precisare che essa deve essere annaffiata in modo tale da lasciare il terreno sempre umido.

78

In autunno-inverno il terriccio non si deve mai lasciare asciugare del tutto

Prima di procedere con la successiva irrigazione, nel periodo autunno-inverno, occorre lasciare asciugare leggermente il terreno in superficie. Tuttavia non si deve mai lasciare asciugare completamente il terriccio. Durante gli altri periodi dell'anno la pianta deve essere soltanto inumidita. Si deve avere anche l'accortezza di non lasciare mai acqua nel sottovaso, dal momento che si tratta di una pianta che non tollera i ristagni idrici.

88

L'Aporocactus si deve rinvasare ogni anno, specificatamente in primavera

L'Aporocactus si deve rinvasare ogni anno, precisamente all'inizio della primavera, in considerazione del fatto che siamo di fronte ad una pianta a rapido accrescimento. È necessario rinvasarla esclusivamente per rinnovare il terreno di coltivazione, dal momento che esaurisce i nutrimenti del terreno molto rapidamente. Il periodo ottimale è compreso tra la fine del riposo vegetativo, ossia all'inizio della stagione primaverile. Per quanto riguarda il rinvaso, è consigliabile utilizzare un buon terriccio per Cactacee, al quale si deve aggiungere della sabbia grossolana per favorire il drenaggio dell'acqua di annaffiatura. In alternativa è anche possibile sfruttare un mix costituito da perlite, da torba e da sabbia grossolana.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come curare un cactus

In natura esistono piante dall'aspetto particolare, resistenti e amanti del sole. Tra le tutte le piante con queste caratteristiche troviamo il cactus. Una pianta molto conosciuta e di facile coltivazione. La loro particolarità consiste nell'accumulare...
Giardinaggio

Come coltivare una Zygocactus truncatus (cactus di Natale)

La zygocactus truncatus, meglio conosciuta come cactus di Natale, è una pianta ibrida di origine brasiliana, spesso coltivati ​​come pianta d'appartamento, che ha la disposizione alla crescita di fiori piuttosto belli e singolari. La prima coltivazione...
Giardinaggio

Come coltivare i cactus

I cactus si annoverano fra le piante grasse o succulente. Infatti, essendo tipici delle aree desertiche e semi desertiche, sono in grado di immagazzinare dell'acqua. Questa viene trattenuta e poi rilasciata nei loro tessuti per poter sopravvivere ai lunghi...
Giardinaggio

5 cactus per il tuo giardino

Se sei appassionata delle piante grasse, e in particolare, hai una particolare attenzione e gradimento per i cactus, ecco di seguito un elenco di cinque tipologie di cactus che potresti tenere nel tuo giardino. Prima di tutto però, è importante sapere...
Giardinaggio

Come identificare le piante succulente

Le Piante succulente fanno parte della categoria di vegetali che crescono nelle zone aride. Esse vengono dette anche piante grasse e ne esistono un'infinità di specie. Questo genere di piante sono capaci di raccogliere tanta acqua per tanto tempo. Per...
Giardinaggio

Come prendersi cura di un cactus

Il cactus è una pianta tipica del sud America e delle zone molto aride. Questa specie vegetale è divenuta particolarmente famosa grazie ai film ambientati nei paesi sud americani che spesso e volentieri venivano filmati in aree rurali dove i cactus...
Giardinaggio

Come rinvasare un cactus

I cactus, si sa, sono delle piante davvero molto ricercate e scenografiche. Molto spesso accade che li compriamo ancora piccoli, in vasetti di dimensioni minime e dopo qualche anno, nonostante la crescita non sia quasi mai eccessiva, siamo costretti a...
Bricolage

Come realizzare un cactus rimovibile

Assai di frequente molti di noi possiedono il cosiddetto "pollice verde", cioè la passione per le piante e gli ornamenti da giardino. Ma altrettanto spesso può capitare di non avere il tempo per dedicarsi a questa passione nel modo in cui si vorrebbe....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.