Come coltivare il cardo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In questo articolo vogliamo aiutarvi a capire in che modo poter coltivare il cado. Grazie ad alcuni facili consigli potrete intraprendere tranquillamente nel vostro giardino o nella vostra campagna, la coltura del cardo (Cynara cardunculus), un ortaggio di grande importanza per la nostra cucina. Iniziamo subito con il dire che ci sono numerose varietà di questa pianta, tra cui le più importanti sono il Bolognese, assai rustico, il Cardo Gigante ed il Cardo di Chieri. Vediamo quindi insieme, passo dopo passo, come coltivare il cardo in maniera corretta.

26

Occorrente

  • Semi di cardo
36

Come prima cosa è bene sapere che il cardo è una pianta che gradisce un clima piuttosto temperato. Per iniziare una coltivazione di questa pianta, dovete sapere anche che il cardo non dimostra particolari esigenze per ciò che concerne il terreno. Però a questo dovete aggiungere che sarebbe meglio utilizzare dei terreni che siano piuttosto freschi, ma anche profondi, leggermente compatti, ben dotati di sostanza organica e anche irrigui. Un altro molto utile consiglio è quello di non ripetere mai la coltura sullo stesso appezzamento di terreno, prima che siano trascorsi ben tre anni.

46

Infatti il cardo è una coltura da rinnovo e quindi lo potete anche utilizzare per aprire una rotazione agraria. Ama avere un terreno di ricircolo, in modo da potersi adeguare meglio e crescere rigoglioso. È bene sapere che il cardo può anche essere associato a diverse colture orticole, e questo soprattutto all'inizio del suo ciclo. Si può avvicinare ad ortaggi come i ravanelli, la cipolle, le lattughe, gli spinaci ed anche le care carote. Per ciò che riguarda la semina del vostro cardo, dovete ricordare che si deve effettuare in semenzaio, che dovrà essere a sua volta ben riscaldato, intorno al periodo che va da febbraio a marzo.

Continua la lettura
56

Potreste anche effettuare la semina direttamente in pieno campo, ma questo procedimento andrà eseguito nel periodo che va da aprile a maggio. Il tutto deve esser fatto ponendo circa quattro o cinque semi per ogni buchetta, che realizzerete nel terreno, ad una profondità di circa uno o due centimetri. Il trapianto dovrà essere eseguito allorché le piantine avranno emesso circa sei o otto foglie. Per ottenere un buon prodotto, e quindi degli ottimi cardi, dovete ricorrere anche all'impiego di carducci o polloni. Potete effettuare la raccolta del cardo nel periodo che va da settembre, per tutto l'anno, fino a febbraio. Non mi resta che augurarvi buon lavoro!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potete effettuare la raccolta del cardo nel periodo che va da settembre, per tutto l'anno, fino a febbraio.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come essiccare fiori recisi per composizioni

In questo articolo, vogliamo parlarvi di un argomento molto bello ed anche del tutto profumato. Stiamo parlando di come poter essiccare nella maniera corretta e veloce, i fiori recisi, per creare delle bellissime composizioni. Sono veramente in tanti,...
Giardinaggio

Come coltivare la bietola da coste

Trovarla sul mercato per gustarla nella nostra alimentazione quotidiana non è un'impresa, poiché la bietola è presente per tutto il periodo dell'anno (anche se per molti è più apprezzata in inverno) e soprattutto coltivata su tutto il territorio...
Giardinaggio

Coltura del lino: la macerazione a terra

In questa guida che abbiamo ben pensato di proporvi, vogliamo cercare di capire csa sia la coltura del lino e nello specifico cosa sia e come viene eseguita, la macerazione a terra.Vogliamo spiegarvi tutto questo, perchpè riteniamo sia un argomento veramente...
Giardinaggio

Come coltivare dei cipollotti in casa

Una delle ultime tendenze nell'ambito del fai da te e del giardinaggio è quella dell'orto in casa. Coltivare frutta e verdura è un ottimo metodo per risparmiare qualche soldo. Inoltre regala la soddisfazione di crescere alimenti genuini, sani, frutto...
Giardinaggio

Come coltivare il cavolo cappuccio

La coltivazione di verdure ed ortaggi richiede un minimo di esperienza, ed un piccolo apprezzamento di terreno o qualche vaso rettangolare molto capiente, che consenta di realizzare un piccolo orto anche quando non si possiede un giardino. Alcune coltivazioni...
Giardinaggio

Come seminare e coltivare i peperoni

Il peperone (Capsicum annum) è una pianta appartenente alla famiglia delle Solanacee, famiglia alla quale sono riconducibili anche altre piante come il pomodoro, la melanzana o la patata. Esistono diverse varietà di peperone che principalmente vengono...
Giardinaggio

Come coltivare i pomodori

La pianta del pomodoro, che è originaria del Sud America, viene coltivata comunemente per l'uso alimentare. Dei suoi frutti, i pomodori, se ne fa davvero un largo uso, si può infatti decidere di consumarli freschi, servendoli nell'insalata, oppure utilizzarli...
Giardinaggio

Come Praticare Il Sovescio nell'orto

La pratica del sovescio serve non solo a rigenerare il terreno, ma è anche un utile sistema di protezione contro l’erosione del suolo a causa di acqua e vento. Non è difficile da eseguire, soprattutto in un orto domestico: si basa sulla coltivazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.