Come coltivare il fungo prataiolo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per coltivare i funghi necessariamente ci sono dei processi ben precisi da seguire: la preparazione dei substrati di coltura e la produzione dei funghi. Generalmente le aziende che attuano entrambi i suddetti momenti evolutivi vengono definite "fungaie a ciclo chiuso". Tuttavia allestire un impianto per la preparazione del substrato è abbastanza costoso e, richiede per ammortizzarlo un utilizzo continuo delle sue strutture produttive. Per coltivare il fungo prataiolo si dice sia indispensabile il solo letame di cavallo; questo materiale pur rispondendo tutt'ora ancora molto bene alle esigenze, per motivi economici e di reperibilità è stato quasi completamente sostituito da quello che viene impropriamente chiamato "substrato sintetico" che normalmente si ottiene dalla mescolanza e lavorazione di materie prime molto comuni e di facile reperibilità come: la paglia di grano, la pollina, il gesso agricolo e l'acqua. Per ulteriori informazioni su come coltivare il fungo prataiolo seguite i suggerimenti attraverso i passi di questa guida.

25

La coltivazione si effettua sia in luoghi scarsamente illuminati, che in condizione di buio completo. La temperatura dell'ambiente deve aggirarsi intorno ai 14-18° gradi. Se non disponete di un riscaldamento artificiale, è consigliabile iniziare la coltivazione in aprile-maggio, partendo dalla preparazione del substrato. Per il substrato è consigliabile utilizzare dello stallatico fresco di cavallo (se non lo trovate ricorrete alla paglia di frumento); preparate uno strato di paglia alto 20 cm, bagnatelo con l'acqua e con un prodotto che attiva la fermentazione (il substrato sarà pronto quando avrà raggiunto la temperatura media di 25°gradi).

35

Per seminare il prataiolo sbriciolate il blocchetto di micelio in frammenti di circa 2 cm di lato ed interrateli nel substrato alla distanza di 20 cm da tutte le direzioni. Poi pressate il micelio e ricopritelo con un leggero strato di substrato fine, servendovi di un setaccio. Quando vedrete affiorare dei filamenti bianchi, ricopriteli con uno strato di 2-3 cm di terriccio sterilizzato, misto a sabbia fine.

Continua la lettura
45

Per almeno altri 10 giorni mantenete il substrato alla temperatura di 25°C, affinché anche la terra di copertura possa essere incubata, cioè invasa dal micelio. Infatti è proprio l'incubazione della terra che segna il passaggio dalla fase vegetativa a quella riproduttiva. La temperatura della stanza deve essere abbassata fino a quando nel substrato non si raggiunge una temperatura di 16-18°C, per eliminare l'alto tasso di anidride carbonica prodotta nella fase di incubazione. Normalmente al trentaseiesimo giorno dalla semina potete tranquillamente raccogliere i primi prataioli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare i funghi sulla paglia

I funghi sono ormai entrati a far parte delle cucine tipiche tradizionali, ottimi per donare un tocco in più alle nostre pietanze, ne esistono di ...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi in casa

Quanti di voi hanno la passione per i funghi e si dilettano nell'andare alla ricerca di questi per i boschi!; tuttavia bisogna essere degli ...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi porcini

Come ben sappiamo i funghi presentano una grande varietà di forme, ma tutti hanno la caratteristica di non avere la clorofilla e pertanto devono nutrirsi ...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi esotici

In questo articolo vogliamo dar una mano a tutti coloro che amano andare alla ricerca di funghi, nei boschi di cui la nostra bella Italia ...
Giardinaggio

Come coltivare il sedano da coste

Quando si possiede un piccolo angolo di giardino libero, sarebbe molto interessante poter coltivare qualcosa, magari poi da gustare. Molti hanno la passione per il ...
Giardinaggio

Come seminare e coltivare i peperoni

Il peperone (Capsicum annum) è una pianta appartenente alla famiglia delle Solanacee, famiglia alla quale sono riconducibili anche altre piante come il pomodoro, la melanzana ...
Giardinaggio

Come Coltivare Il Coleus Blumei

I Coleus sono piante erbacee annuali, coltivabili in piena terra o in vaso. Possiedono un fogliame molto ornamentale, colorato, variegato, ricco di screziature o macchie ...
Giardinaggio

Come Coltivare Il Giglio Croceum

Giglio croceum, Lilium bulbiferum e giglio di San Giovanni sono tre nomi che identificano la stessa pianta: una bulbosa appartenente alla famiglia delle Liliaceae in ...
Giardinaggio

Come coltivare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta di origine asiatica appartanente alla famiglia delle Zingiberacee. Il suo nome scientifico è zingiber officinale. Nasce e si coltiva maggiormente ...
Giardinaggio

Come coltivare l'erba cipollina

Quando si parla di erba cipollina si intende una pianta utilizzata frequentemente in campo culinario. Essa è adoperata soprattutto per insaporire gli alimenti in quanto ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.