Come coltivare il tartufo in giardino

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il giardinaggio è una delle pratiche più rilassanti e dinamiche che si possa praticare. Coloro che curano il verde del proprio giardino sanno bene di cosa si parla. L'irrigazione, la potatura, la cura che ogni pianta deve ricevere, e con tutte le particolarità del caso, offrono una seria sfida per tutti coloro che intendono iniziare. Ovviamente esistono varie tipologie di coltivazioni, ne esistono categorie comuni e poi ci sono settori più specializzati, che a volte competono pure ai privati, ma non senza qualche necessario sacrificio. In questa occasione vedremo come coltivare il tartufo in giardino. Il tartufo è un genere di fungo appartenente all'ordine dei Pezizales e alla famiglia dei Tuberaceae, possiede un corpo fruttifero e la sua maggiore peculiarità sta nel fatto che nasce e si sviluppa, per tutto il corso della sua vita sottoterra. Come molti sapranno è un prodotto particolarmente pregiato e ricercato da una serie infinita di privati e ristoratori, tant'è che il suo prezzo può davvero essere stratosferico in rapporto ai quantitativi venduti. Se avete deciso di dedicarvi a questo settore allora questa è la guida che fa per voi.  

24

Preparazione del terreno

Il primo presupposto necessario affinché si possa coltivare il tartufo è quello di assicurarsi l'ottima qualità del terreno in cui andremo a disporre la pianta. Il terreno deve possedere una buona concentrazione calcarea e deve indicare un pH intorno all'otto. Altro elemento imprescindibile è che non vi siano dei ristagni idrici nel terreno circostante e che il terreno stesso sia ben areato durante la maggior parte della giornata.

34

Coltivazione e accorgimenti

Abbiamo la possibilità di scegliere tra una varia tipologia di piante da tartufo, come ad es. Il Tuber Aestivum Vitt. (Scorzone), il Tuber Borchii Vitt. (Bianchetto o Marzuolo) e il più famoso Tuber Melanosporum Vitt. (Nero pregiato), annoverati tra le classi più coltivate e ricercate dal settore. Una volta che il terreno è stato correttamente preparato la pianta di tartufo va inserita nel terreno avendo ben cura di rimuovere e ripulire la buca, che sarà necessaria per travasare la pianta.

Continua la lettura
44

Estrazione del prodotto finito e ripetizione del ciclo

Il tempo di maturazione del tartufo non è sempre preciso e può variare in base al periodo dell'anno in cui è iniziata la coltivazione. Generalmente il tempo necessario può andare da un minimo di 5 mesi fino a 8-9 mesi. Per l'estrazione è necessario non farsi prendere dalla voglia di raccogliere i tartufi tutti insieme, infatti è bene che rimanga una certa carica sporale nel terreno in modo da contribuire alla produzione futura di nuovi tartufi. Accolta. Una volta maturo il tartufo va estratto con l'ausilio di apposite palette che eviteranno di danneggiare la pianta e il tartufo stesso. Una volta estratto lasciate areare la buca per qualche giorno, affinché la carica sporale del terreno possa garantire la possibilità di una nuova maturazione in futuro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Tecniche di coltivazione del tartufo bianco

Il tartufo è un fungo sotterraneo. Come molti altri funghi, il tartufo non è in grado di trarre da solo le sostanze nutritive necessarie per vivere, quindi vive in simbiosi con un'altra pianta: esso riceve queste importanti sostanze dalla pianta, ma...
Giardinaggio

Come coltivare il tarfufo

Il tartufo è un fungo e come tale, non riesce a nutrirsi da solo, per cui prospera e cresce insieme a radici di alcune piante, scambiando con loro sostanze essenziali, come acqua e sali minerali. In questa guida, vediamo come coltivare il tartufo,...
Giardinaggio

Come coltivare i tartufi

Il mondo del giardinaggio ci consente di coltivare praticamente tutto quello che la terra può produrre. È sufficiente eseguire alcune regole, avere tanta pazienza e dedizione verso un hobby che può essere definito a tutti gli effetti una vera e propria...
Giardinaggio

Come piantare un arancio

Le piante sono esseri viventi e rappresentano una importante componente del nostro ecosistema. Attraverso il processo di fotosintesi clorofilliana convertono l'anidride carbonica in ossigeno, utilizzato da altri essere viventi, come l'uomo, nei processi...
Giardinaggio

Come coltivare il glicine

La Wisteria, o più conosciuta come glicine, è una pianta rampicante che, grazie alla sua vistosa e profumata fioritura primaverile, si rende perfetta come ornamento grazie anche alla sua capacita di arrampicasi su praticamente qualsiasi supporto che...
Giardinaggio

Come Coltivare La Betulla

Si tratta di alberi e arbusti a fogliame caduco che possono raggiungere i 15–30 m di altezza, foglie variamente formate e sfumate di giallo a seconda della specie o varietà. La specie più coltivare e diffusa è la Betulapendula (= B. Verrucosa), da...
Materiali e Attrezzi

I più pregiati marmi italiani

Se avete in mente di ristrutturare la vostra casa o solamente una stanza, magari quella da bagno, e siete indecisi sulla tipologia di materiale da utilizzare, vi invito a prendere in considerazione il marmo. Si tratta di un materiale molto resistente,...
Giardinaggio

Tutti i segreti per coltivare gli asparagi in vaso

Gli asparagi sono un tipo di verdura che si può coltivare anche in vaso. Pertanto per ottenere un'ottima crescita bisogna coinvolgere una zona adeguata del terrazzo o del balcone. In questo modo la migliore collocazione favorirà la crescita. La prima...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.