Come coltivare la calluna

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La calluna, è una pianta che fa parte della famiglia delle Ericacee insieme l’Erica e la Daboecia. Questa pianta, è sempreverde, che viene spesso apprezzato dai coltivatori sia per le sue caratteristiche puramente estetiche sia perché, essendo una pianta rustica, non ha bisogno di grandi attenzioni per rimanere in buona salute. Però, è giusto non trascurarla, infatti, bastano soltanto piccoli accorgimenti. Di seguito, vi daremo alcuni consigli su come coltivare la calluna e come curarla in modo semplice e veloce.

26

Occorrente

  • Semi di calluna
  • Temperatura mite
  • Ambiente fresco e luminoso
  • Terriccio
  • Acqua
36

Come riconoscere

Il primo accorgimento da fare per imparare a riconoscere la calluna, è guardare attentamente le foglie, che sono uno degli elementi più immediati e facili da riconoscere. Le foglie della pianta, sono aghiformi e sempreverdi, di solito, si dispongono in quattro file orizzontali a sezione triangolare. Questa pianta è tipica di alcune zone alpine e prealpine, dove i terreni sono ideali per la fioritura della calluna in quanto relativamente secchi e molto acidi. La fioritura, può durare a volte anche per mesi interi, produce fiorellini di diverso colore con un'affascinante particolarità invernale, quando le foglie assumono un colore dorato.

46

Le dimensioni

Per quanto riguarda le dimensioni, la calluna difficilmente supera i settanta centimetri di altezza. Date le sue proprietà e composizioni, viene occasionalmente usata persino come condimento, oppure, con maggiore frequenza, come infuso per tè e camomille che viene ricavato dalle foglie. Questa pianta, può essere anche tenuta dentro casa, però è necessario prendere delle precauzioni. Se si desidera tenere la pianta dentro casa, occorre tenere la pianta in un luogo fresco e luminoso. Per chi vuole tenerla all'esterno, è opportuno tenerla in un angolo in semi-ombra. Fate molta attenzione, poiché la calluna, non sopporta le temperature che scendono sotto i sette gradi centigradi.

Continua la lettura
56

Il terriccio

Per quanto riguarda il tipo di terriccio da utilizzare è consigliabile usarne uno che sia leggermente acido, così da poter riprodurre più fedelmente possibile il terriccio naturale in cui la pianta cresce in montagna, e ricordandosi di annaffiarlo regolarmente, ma sempre con parsimonia; è importante infatti evitare che si formino ristagni d'acqua e assicurarsi che il terreno non diventi troppo secco. Sebbene la calluna resista bene anche con terreno asciutto è meglio non rischiare. Si consiglia di procedere con la potatura, subito dopo la prima fioritura in modo da ottenere una seconda pianta, generalmente in primavera.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evitare che la temperatura dell'aria scenda sotto i sette gradi
  • Potare la pianta dopo la prima fioritura
  • Annaffiare la pianta regolarmente
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Arredare casa: consigli per piante e fiori di febbraio

Uno dei modi più semplici per rendere accogliente una casa e crescervi delle piante. Esse cambiano e riscaldano l'atmosfera di qualsiasi ambiente, portandovi vitalità e freschezza, completano l'arredamento, aggiungendovi quel tocco in più e, soprattutto...
Giardinaggio

Kalanchoe: 5 consigli per coltivarla

Il nome Kalanchoe forse ci dice poco o niente ma probabilmente ce l'abbiamo in casa o l'abbiamo notata in qualche giardino. È una pianta succulenta, originaria del Madagascar e ne esistono circa 150 varietà. Il nome più diffuso in Italia è Calancola...
Giardinaggio

Come coltivare il pentas lanceolato

Il pentas lanceolato è una pianta proveniente dall'Africa che è chiamata anche stella egiziana. Essa è piuttosto diffusa e molto apprezzata soprattutto grazie alla particolarità dei suoi coloratissimi fiori che la rendono unica. Se siete degli appassionati...
Giardinaggio

Come coltivare la veronica

La veronica, è una pianta erbacea molto conosciuta. In Italia, sono ben 30 le specie spontanee delle 200 che formano il genere. La veronica sono molto graziose, la maggior parte con i fiori azzurri, con un lunghissimo periodo di fioritura. Esse, sono...
Giardinaggio

Come coltivare la photinia

La photinia è un arbusto che appartiene alla famiglia delle Rosaceae ed è di origini asiatiche. Si tratta di una pianta molto facile da coltivare anche in casa e il suo aspetto decorativo, presente durante tutto l'anno, vi ripagherà di tutte le cure...
Giardinaggio

Come coltivare e curare una pervinca del madagascar (catharanthus)

La Pervinca del Madagascar, detta anche Catharanthus Roseus, è una pianta da fiore originaria della fascia tropicale. Utilizzata spesso per abbellire le siepi e come ornamento, essa si presenta in forma di cespuglio. Le caratteristiche foglie di questa...
Giardinaggio

Come coltivare la Gloxinia

Se fate parte di quella categoria di persone col pollice verde che si dilettano nel prendersi cura delle piante, forse potrà interessarvi avere qualche suggerimento utile su come coltivare la Gloxinia Sinningia, una pianta originaria del sud America....
Giardinaggio

Come Coltivare L'Angraecum Sesquipedale

Il genere Angraecum comprende circa 200 specie che si sviluppano a 2000 metri di altezza nell'Africa meridionale in particolare nel Madagascar. Alcune sono di grandi dimensioni come l'Angraecum Sesquipedale, altre invece sono quasi delle miniature. Sono,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.