Come coltivare la capelvenere

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La pianta di Capelvenere (nome scientifico Adiantum Capillus Veneris) è una felce erbacea di piccole dimensioni, appartenente alla famiglia delle Polipodiaceae. Proveniente dal Brasile, raggiunge un’altezza 30-40 cm e una larghezza di 60 cm. Ha fronde lunghe, flessuose, costituite da pinnule a forma romboidale o a ventaglio; il Capelvenere ha un colore variabile, dal verde intenso al verde-azzurro, al verde-giallo, al verde-bronzeo. I rami tendono a piegarsi delicatamente verso il basso, con un movimento delicato e morbido: proprio per questo suo aspetto, il capelvenere viene associato alla capigliatura di Venere, prototipo di bellezza ed eleganza. Una delle sue varietà più diffuse è l’Adiantum fragrantissimum, cosiddetto per il suo profumo gradevole ed inebriante. In questo tutorial, vi illustreremo come coltivare e curare adeguatamente il capelvenere. Leggete con attenzione e prendete nota dei suggerimenti riportati.

27

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Ambiente ombreggiato e fresco
  • Terriccio ben drenato e morbido
  • Concime liquido per piante a foglie verdi
  • Antiparassitari in polvere o a spray (in caso di malattie)
37

Il capelvenere è una pianta decorativa, di facile coltivazione in vaso. Posizionatela in ambienti luminosi, non in pieno sole e umidi. Ricordate che la pianta non tollera i raggi solari diretti, quindi disponetela in luoghi dove arriva solo luce soffusa. Inoltre, ama un habitat umido, con una temperatura che non dovrebbe mai superare i 20°C. Per accrescere l'umidità, mettete il vaso in un sottovaso con uno strato di ghiaia umida sul fondo. La scelta del terriccio è un altro aspetto da non trascurare: deve essere costituito da torba, terriccio di foglie, un po' di sabbia o perlite. La terra deve essere morbida, organica, fresca e mai satura d'acqua, poiché la pianta soffre se c’è ristagno idrico. In inverno ha bisogno di un periodo di riposo vegetativo ad una temperatura di 12-15°.

47

In estate, dovete provvedere ad irrigare il capelvenere regolarmente, così da mantenere sempre umido il terreno. E’ bene effettuare frequenti aspersioni d'acqua sulla chioma. Durante la stagione fredda, invece, potete provvedere ad innaffiarlo ogni due settimane: raccomandiamo vivamente di mantenere la felce lontano da fonti di calore dirette. Per la concimazione, vi suggeriamo di distribuire del comune concime liquido (meglio se specifico per arbusti a foglie verdi) una volta ogni 20 giorni, nella stagione primaverile. Durante il resto dell’anno, vi basterà ripetere il trattamento una volta ogni due mesi.

57

Guarda il video

Continua la lettura
67

Il periodo migliore per la riproduzione del capelvenere è in primavera. Per la moltiplicazione della pianta, dovete semplicemente dividere i rizomi e collocarli in vasi, con un terriccio a base di sabbia e torba. Collocateli, quindi, in un ambiente ombreggiato, innaffiando con regolarità. Le malattie più frequenti che possono colpire la felce sono dovuti ad attacchi di parassiti, come porcellini di terra, cocciniglia e minatori delle foglie. L’ideale è trattare la pianta con insetticidi, a spray o in polvere.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non collocate mai il capelvenere ai raggi diretti del sole: l’ambiente deve essere umido ed ombreggiato.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Coltivare Una Felce-asplenio

La Felce-Asplenio è una splendida pianta originaria dell'Asia Tropicale che si caratterizza per il suo fogliame lanceolato di grandi dimensioni. Le foglie di una ...
Giardinaggio

Come Riprodurre Una Pianta Di Felce

La felce è una delle piante più belle e particolari che esistono in natura; la si può distinguere facilmente dalle altre piante grazie alle sue ...
Giardinaggio

Come coltivare in casa la felce comune

Le felci sono una delle piante più antiche esistenti sulla terra, forse una delle prime nate sul pianeta. La felce è una pianta sempreverde priva ...
Giardinaggio

Come coltivare la Cyrtomium Falcatum

La Cyrtomium Falcatum (o agrifoglio giapponese) è una meravigliosa felce sempre verde grazie alle sue foglie lucide con estremità segmentate. Questa pianta originaria dell' Asia ...
Altri Hobby

Come realizzare un bouquet estivo

I fiori accompagnano la sposa in ogni momento delle nozze. Questi vanno sistemati in casa, in chiesa. Oppure in municipio e perfino durante il rinfresco ...
Giardinaggio

Come coltivare La Scindapsus Aurus (Pothos)

La Scindapsus Aurus è chiamata comunemente Pothos ed è una bella pianta che si presta a essere coltivata in appartamento dove potrà costituire un angolo ...
Giardinaggio

Come coltivare il timo

Il Timo è una pianta aromatica che non necessita di particolari condizioni climatiche, infatti la si può trovare sia in montagna che in pianura, ma ...
Giardinaggio

Come Coltivare La Medinilla Magnifica

Se amate le piante ed in particolare quelle di appartamento, potete coltivare la Medinilla Magnifica, che garantisce molti fiori nel periodo invernale. La suddetta pianta ...
Giardinaggio

10 piante adatte a zone con poco sole

Per rendere un terrazzo o un balcone decorativo è essenziale aggiungere delle piante. Questo, infatti, diventa un problema per chi vive in zone con poco ...
Giardinaggio

Come coltivare l'anturio

Stai cercando una pianta davvero speciale per abbellire al meglio la tua casa? Allora ecco la soluzione al tuo problema. Ti basterà seguire questa guida ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.