Come coltivare le piante di pomodoro sul balcone

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Se volete provare a coltivare qualche ortaggio, le piante di pomodoro potrebbero fare al caso vostro. Si tratta infatti di piante adatte a quanti sono alle prime armi, in fatto di coltivazione, dato che sono molto semplici da gestire. Tuttavia non tutti hanno la fortuna di disporre di un pezzo di terreno, soprattutto in città. Naturalmente questo non costituisce un problema perché è possibile allestire un piccolo orto anche sul balcone di casa. Come fare ce lo spiegheranno i passi di questa esauriente guida.

27

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Piantine di pomodoro, vaso in terracotta, terriccio per vegetali, vasi rettangolari, concime organico, sostegni in legno
37

In primo luogo occorre procurarsi le piantine in questione. Ovviamente anche dai semi di un pomodoro interrato nasceranno col tempo delle piantine, ma il procedimento sarebbe molto più lungo. Da marzo ad aprile, quindi, recatevi in un consorzio agrario ed acquistate sei piantine (il numero può sembrare esiguo, ma è l'ideale per un balcone). Appena arrivate a casa sarà necessario procedere con l'operazione di strapianto. I piccoli germogli alti appena 10 centimetri, infatti, dovranno avere spazio sufficiente per sviluppare le radici. Scegliete quindi un vaso in terracotta o una cassetta in legno (tipo quelle della frutta), riempiteli di terriccio per vegetali, piantateci all'interno le piantine, innaffiate ed esponete in un luogo soleggiato.

47

Continuate ad innaffiare il vaso con cadenza giornaliera, soprattutto nelle prime settimane, infatti, il pericolo che le piantine vengano bruciate dal sole è sempre in agguato. Evitate ovviamente di irrigare nelle ore più calde della giornata ed eliminate gli eccessi di acqua. Quando le piantine saranno alte il doppio rispetto a quando le avete acquistate, sarà il caso di rinvasarle. Per questa operazione procuratevi dei vasi da fiori di forma rettangolare, riempiteli con della terra nuova e sistemate in ognuno due piantine. Procedete quindi con la concimazione del terreno utilizzando possibilmente del compostaggio organico.

57

Guarda il video

67

Sarete così giunti all'ultima fase della coltivazione, ovvero quella in cui le piante cominceranno a crescere sensibilmente ed a produrre i frutti. Procuratevi quindi delle lunghe aste di legno, o magari delle canne cave: qualsiasi cosa potrebbe esservi utile per sorreggere le piante, purché sia abbastanza lunga. Il pezzo di legno inseritelo nel terreno, a circa 5 centimetri di distanza dal fusto. Con dello spago, poi, fissate la pianta al sostegno in più punti. Fatto ciò non dovrete far altro che procedere con le annaffiature giornaliere ed a partire da giugno le piante cominceranno a fiorire. Da lì, il passaggio alla formazione dei pomodori sarà automatico: vi basterà coglierli appena maturi e portarli sulla vostra tavola.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non dimenticate mai di annaffiare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti