Come coltivare prezzemolo in casa

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Avere il pollice verde non è un'attitudine comune a tutti. Serve infatti una certa passione per il mondo del giardinaggio per avere delle piante sane e rigogliose. Il prezzemolo è un ingrediente fondamentale della cucina italiana, utilizzato per arricchire numerose pietanze, con il suo sapore leggermente amaro e pungente, e per donare una colorata decorazione ai nostri piatti. Coltivare il prezzemolo in casa, su balconi e terrazzi, è molto semplice ed è un ottimo metodo per avere, sempre a disposizione e a portata di mano, il prodotto fresco e genuino. È un pianta originaria delle regioni mediterranee, che cresce nelle zone a clima temperato; l'unica attenzione indispensabile è quindi quella di proteggerlo dall'eccessivo freddo. Vediamo, quindi, come coltivare prezzemolo in casa.

26

Occorrente

  • Semi di prezzemolo
  • Vaso in terracotta abbastanza profondo
  • Terriccio
  • Argilla espansa
36

La semina in vaso, all'aperto, deve avvenire tra marzo e aprile. Si adatta a qualsiasi tipo di terreno, ma con un terriccio ricco di contenuto organico offrirà raccolti più abbondanti. I semi, posti sul terriccio in file regolari, vanno ricoperti da un leggero strato di terra e collocati in un luogo soleggiato, avendo cura di mantenere il terreno costantemente umido. La germinazione è abbastanza lenta e avviene in un tempo compreso, approssimativamente, tra i dieci e i trenta giorni; per facilitare e accelerare il processo è possibile porre i semi a bagno in acqua tiepida per un'intera notte prima della semina. Una volta cresciute, le piantine andranno diradate e distanziate. Il trapianto non è una pratica necessaria né molto diffusa. Le radici del prezzemolo tendono a crescere in profondità, per cui è buona pratica utilizzare vasi di terracotta abbastanza profondi.

46

Per una crescita ottimale sistemate le vostre piante in un luogo soleggiato o semi-ombreggiato e abbiate cura di innaffiarlo con regolarità.
A crescita avvenuta, sarà possibile effettuare dei tagli ai rami più esterni, al fine di rendere la pianta più compatta e produttiva. La raccolta avviene tra marzo e dicembre, in base al periodo di semina, e deve essere effettuata asportando le foglie situate più in alto o recidendo interamente gli steli, con tagli netti.

Continua la lettura
56

I concimi e le cure.
Se si sceglie di effettuare la coltivazione biennale è consigliato l'utilizzo di un concime ricco di sostanze organiche durante la ripresa vegetativa, ovvero in primavera.
Poiché durante il secondo anno del suo ciclo vegetativo produce i fiori, per chi lo coltiva come pianta aromatica, è consigliabile estirparlo la primavera successiva alla semina e ripiantarlo.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riprodurre le piante aromatiche

Le piante aromatiche sono uno degli ingredienti più utilizzate nella cucina. Che sia quella tradizionale o aromatica. Non solo. Sono usate anche per le bevande. Tè, tisane, acqua aromatizzata. Combinate con la frutta, ci forniscono bevande piacevoli...
Giardinaggio

Come coltivare l'anice

La parola anice ci ricorda il nome di alcune droghe ed erbe che posseggono un aroma caratteristico e gradevole, dovuto alla presenza di un olio essenziale detto anetolo. Molto noto è l'anice verde o ancio (Pimpinella anisum), pianta erbacea annua appartenente...
Giardinaggio

Mese di marzo: lavori nell’orto

Finalmente sentiamo odore di primavera nell'aria: è arrivato il mese di marzo e con esso anche il momento di dedicarci ai lavori nell’orto. È tutto un mese di gran fermento, con varie operazioni da effettuarsi, per rendere il nostro orto sempre più...
Giardinaggio

Come Coltivare L'Asclepias Curassavica

L'Asclepias Curassavica è un arbusto sempreverde originario dell'America centrale e meridionale, diffuso da tempo come pianta selvatica in gran parte delle zone tropicali e subtropicali del globo. Esso raggiunge i cinquanta o ottanta centimetri di altezza,...
Giardinaggio

Come coltivare la scabiosa del Caucaso

La Scabiosa Caucasica è una pianta perenne originaria del Caucaso, può arrivare a crescere fino a 60 centimetri e ha dei grandi fiori di un colore blu profondo; mentre la crescita del fogliame è piuttosto scarsa. Si tratta, tutto sommato, di una specie...
Giardinaggio

Guida alla semina di aprile

In botanica, esistono differenti modalità di semina e ciascuna di essa segue determinati periodi dell'anno, fondandosi essenzialmente con il riferimento della luna (calante oppure crescente), ma specialmente sulle quattro stagioni. Il periodo maggiormente...
Giardinaggio

5 ortaggi da seminare a settembre

Anche se per molte piante l'inverno è un momento di riposo vegetativo, non è detto che l'orto rimanga vuoto durante i mesi freddi; infatti a molte verdure giova un poco di gelo, che ne migliora le qualità organolettiche e spesso anche il sapore. Non...
Giardinaggio

Come coltivare fagiolini in casa o in giardino

In un orto ben organizzato, non possono mancare verdure e fagiolini. Ogni pianta è capace di dar vita a molti esemplari, risulta molto semplice, la coltivazione sia in terra che in vaso. In estate, i fagiolini possono essere un piatto fresco e genuino,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.