Come coltivare un ulivo sul balcone

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Chi ha la fortuna di possedere un balcone, adora vederlo, quasi sempre, adornato da piante e fiori, in modo da possedere nel proprio appartamento un piccolo giardino. Nella maggior parte dei casi, questo tentativo, è accompagnato dalla scelta di acquistare classici fiori come i gerani o altri simili, che, pur essendo adatti a soddisfare le nostre esigenze, d'altro canto sono molto delicati e andranno a rovinarsi con molta facilità. Si può pensare, quindi, di creare un piccolo angolo verde con qualche alberello un po' più duraturo, infatti,
soprattutto in Nord Italia si vedono frequentemente balconi abbelliti con degli Ulivi, pianta sempreverde e particolare. Esistono molte varietà di questa pianta, quali il Pendolino o Leccino che, contrariamente ad altre, resistono molto bene anche a climi rigidi.
Detto ciò, andiamo a vedere nello specifico, gli accorgimenti più importanti da tenere per coltivare questa pianta d'ulivo su di un balcone.

25

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Terreno fertile
  • Torba
  • Acqua
  • Vaso ( possibilmente in cotto )
  • Sottovaso
  • Innaffiatoio
  • Sabbia
  • Balcone
  • Piantina di Ulivo
  • Sostanza organica per concimare
35

Premesse

Partiamo subito col dire che questa pianta, tipicamente mediterranea, non va mai messa all'interno, neppure in periodi in cui la temperatura appare assai rigida. Ponetela, invece, nell'angolo più soleggiato del vostro balcone, in modo che, anche in inverno inoltrato, possa catturare qualche tiepido raggio di sole, ed accumularlo. Eventualmente, proteggetela, circondando il vaso con un telo protettivo.

45

Terreno adatto e giusto drenaggio

Un aspetto imprescindibile da non sottovalutare, è il tipo di terriccio utilizzato che, per la coltivazione da vaso, si rivela, infatti, fondamentale per assicurare buona salute al vostro alberello: quindi, miscelate metà terra fertile, un quarto di torba e un quarto di sabbione, concimatelo con 40 grammi di sostanza organica e ricaverete il terreno ideale per la nostra pianta.
Considerate però, che l'ulivo ha uno sviluppo abbastanza rapido e che il vaso deve essere di dimensioni adeguate a quelle della pianta (come tutte le piante del resto). L'ulivo, necessita anche di un ottimo drenaggio, quindi, per evitare pericolosi ristagni d'acqua, che porterebbero alla fine delle radici con conseguente morte della pianta, meglio dare la preferenza a vasi in cotto, più traspiranti di quelli in plastica. Non esagerate però con l'acqua che devono essere abbondanti ma non frequenti, controllate, quindi, con frequenza i ristagli d'acqua nel sottovaso, in modo da tener sempre sotto controllo l'idratazione della pianta senza formazioni di eventuali muffe.

Continua la lettura

Approfondimento

Come si pianta un ulivo
55

Conclusioni

Infine, cercate di tenere sempre sotto controllo, eventuali parassiti, che come spesso accade, possono rivelarsi un problema.
Di conseguenza, bisogna tener conto del fatto che la vostra pianta potrebbe essere attaccata da diversi parassiti, fra i quali, il più frequente per questa specie, risulta essere la cocciniglia, che fortunatamente, è però facilmente individuabile. Per prevenzione, controllate con frequenza il lato inferiore delle foglie e i rami della pianta. Se vi accorgete della presenza di piccoli scudi, la cocciniglia per l'appunto, rimuoveteli con delicatezza dalle foglie e imbevetele con un po' d'acqua e alcol in modo da disinfettare il tutto. Grazie a tutte queste spiegazioni, non ci resta altro che procurarci una piccola piantina di ulivo e piantare il tutto sul nostro balcone sempreverde.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare l'impatiens Nuova Guinea

l'impatiens Nuova Guinea è una pianta a fiori del genere Impatiens che presenta una fioritura abbondante e prolungata. Il nome del genere si riferisce ...
Giardinaggio

Come piantare un ulivo secolare

Se disponiamo di ampio giardino o di un appezzamento di terreno, si può decidere di abbellire la propria proprietà piantando alberi e piante che più ...
Giardinaggio

Come coltivare l'howea forsteriana

Se siamo degli amanti del giardinaggio e ci piacerebbe inserire una bellissima zona di verde su un balcone, un giardino o un terrazzo della nostra ...
Giardinaggio

Come coltivare l'albero di ulivo

Se avete un giardino od un piccolo appezzamento di terreno incolto che non sapete come piantumare, il vostro pensiero dovrebbe andare all'ulivo. Si tratta ...
Giardinaggio

Come coltivare l'edera in vaso

Se siamo degli amanti del verde e ci piacerebbe sistemare il nostro balcone o giardino con delle bellissime piante, ma non abbiamo mai avuto modo ...
Giardinaggio

Come coltivare e curare una zamioculcas

Sono davvero tante le persone che decidono di dedicarsi al giardinaggio: in questo modo, infatti, è possibile poter tenere nel proprio giardino o sul proprio ...
Giardinaggio

Come realizzare un'orticello sul balcone

Al giorno d'oggi, coltivare o creare un giardino sul terrazzo è diventata una moda ed una necessità. Cosa c'è di più appagante di ...
Giardinaggio

Come potare un albero di ulivo secolare

L’ulivo con i suoi frutti, le olive, è una pianta da frutto originaria del Medio Oriente da sempre utilizzate per l'alimentazione e per ...
Giardinaggio

Come coltivare l'edera

Se siete degli esperti oppure dei semplici appassionato di botanica, questa guida fa al caso vostro. Tratteremo di come coltivare l'edera in vaso. Vi ...
Giardinaggio

Come riconoscere e coltivare la Feijoa

La Feijoa, chiamata anche Acca sellowiana, è un arbusto originario del Sudamerica. Essa è coltivata nell'Italia meridionale e nelle regioni dal clima temperato come ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.