Come coltivare un'orchidea

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Se siamo degli amanti delle piante e dei fiori, e vorremmo provare a creare sul nostro balcone o nel nostro giardino un bellissimo spazio di verde tutto colorato con molti fiori, ma non siamo esperti con il mondo del giardinaggio, il modo migliore per iniziare a realizzarlo è sicuramente quello di capire come vanno curate tutte le piante che abbiamo intenzione di inserire. Per fare ciò basterà recarci su internet tramite un computer e ricercare le varie guide che ci illustreranno in modo molto semplice tutte le operazioni che dovremo eseguire con molta costanza, affinché le nostre piante possa crescere sempre rigogliose. Nei passi successivi di questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a coltivare correttamente una pianta molto bella ma anche molto delicata: l'Orchidea.

25

Per prima cosa, dovremo informarci con il nostro fioraio di fiducia riguardo la specie di orchidea che abbiamo comprato. Infatti anche se coltivare questa pianta è meno complicato di quanto si pensi, a differenza di altre, la specie fa la differenza, riguardo gli accorgimenti da prendere. Se decidiamo di acquistare una cymbidium, ad esempio, dobbiamo sapere che riusciremo a farla rifiorire soltanto se la metteremo fuori, all'aria aperta, a partire dal mese di Maggio fino alla fine di Settembre, circa. Quest'orchidea ha infatti proprio bisogno del contrasto tra le giornate calde e le notti fresche per riuscire a fiorire poiché detesta il pieno sole.

35

Se escludiamo quelle della famiglia delle paphiopedilum, quasi tutte le orchidee detestano l'acqua calcarea. Evitiamo quindi di prendere l'acqua che useremo per annaffiare la nostra orchidea dal rubinetto, impieghiamo soltanto acqua piovana, acqua minerale, acqua di scongelamento del frigorifero o, in mancanza di queste appena nominate, acqua del rubinetto neutralizzata, che potremo ottenere aggiungendoci qualche goccia d'aceto o di limone.

45

Per farle crescere bene e nutrirle in maniera consona, è necessario dare del concime alle nostre orchidee, a prescindere dalla specie, ma non possiamo, però, utilizzare concime qualunque. Rispettiamo il loro periodo di riposo e soprattutto, non diamolo mai ad un'orchidea assetata. Assicuriamoci quindi di averla prima annaffiata bene e che il terriccio sia quasi ancora umido.

55

L'umidità è necessaria alle orchidee, cerchiamo quindi di vaporizzarle regolarmente all'inizio della giornata o in alternativa posizioniamo le nostre piante su un piatto pieno di ghiaia immersa nell'acqua. Evaporando, infatti, quest'acqua produrrà un'umidità benefica per la salute delle nostre piante.

Potrebbe interessarti anche

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti