Come conservare al meglio gli oggetti di acciaio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come ben sappiamo l'acciaio è una lega di ferro che contiene più del 10% di cromo. La superficie è ricoperta di ossido duro ed, il momento in cui questo rivestimento viene rimosso, inizia il processo di ossidazione, favorendo l'insorgere di macchie ed aloni. Tuttavia, gli utensili e pentolame in acciaio sono particolarmente belli ed oggi molto facili da trovare in case dallo stile minimale, dove l'acciaio trova largo impiego. Col tempo, però, tali oggetti possono rovinarsi presentando delle brutte macchie grigiastre. Aggiungiamo che, per mantenerli belli e lucidi come appena acquistati, basterà seguire questi piccoli e semplici accorgimenti esposti attraverso i passi di questa guida, su come conservare al meglio gli oggetti di acciaio.

26

Occorrente

  • farina
  • succo di limone
  • bicarbonato
  • panno asciutto
  • aceto bianco
  • olio extravergine d'oliva
  • cenere
36

Un antico ma, sempre attuale ed efficace metodo di pulizia dell'acciaio è quello dell'olio d'oliva e, della cenere. Ciò che dovete fare è, prendere dell'olio da tavola e cenere di sigaretta o di camino, formando una specie di saponetta che, passerete in uno straccio morbido poi, sfregate vigorosamente l'oggetto da trattare e, asciugate subito con carta di giornale per eliminare i residui del composto e con esso, la maggior parte delle macchie. Completate la pulizia servendovi di uno straccio di lana o di flanella con il quale luciderete gli oggetti.

46

Per quanto riguarda la pulizia delle casseruole di acciaio inossidabile, è necessario che siano trattate con un po' di riguardo se si vuole che conservino a lungo il loro bell'aspetto brillante. In particolare, quando cucinate qualsiasi tipo di legume, non salate mai l'acqua fredda poiché il sale si dissolve solo ad alte temperature e non arrecherà danno alle casseruole. Se, invece, salerete l'acqua fredda, il sale si fisserà sulle pareti della casseruola lasciando punti di corrosione.

Continua la lettura
56

Al contrario, l'acqua di cottura delle patate che contiene molto amido dà alle casseruole un nuovo splendore, a condizione però che prima della cottura non siano state pelate. Addirittura la buccia delle patate viene appositamente usata per pulire le casseruole. Per la pulizia del lavello, invece, si possono usare altre strategie. Prima di tutto eliminate dalla lista sia la candeggina che l'acqua dura. È per questo che non bisogna lasciare tracce di acqua sull'acciaio. Preferite, invece, l'aceto bianco passato sulla superficie con un panno asciutto. In alternativa, succo di limone e bicarbonato mescolati insieme sono ottimi per eliminare macchie di calcare o di ruggine. Da segnalare anche la farina. Spargetene un po' sul lavello e sfregate con un panno asciutto. Dopo il risciacquo vedrete che splendore!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Idee per nascondere danni sul pavimento

Qualche volta può capitare che il pavimento si danneggi in seguito alla caduta di qualche oggetto pesante o per colpa di un prodotto chimico particolarmente aggressivo o un alimento acido come il limone. Se volete nascondere gli eventuali danni sul pavimento,...
Casa

Come sgorgare un lavello o un lavabo

L'accumulo di molte impurità (come residui di sapone, capelli, avanzi di cibo, ecc.) sono la causa principale degli ingorghi degli scarichi. I metodi per disintasarli prevedono l'uso di un prodotto chimico oppure l'adoperare metodi meccanici come lo...
Bricolage

Come recuperare un marmo rovinato

Il marmo è un materiale bellissimo e pregiato, ma assorbe facilmente i liquidi, perciò intaccabile da sostanze acide quali aceto, limone e profumo. Il piano di cucina e bagno sono quelli maggiormente esposti alle sostanze acide che corrodono la lucidatura,...
Bricolage

Come pulire una vecchia pipa

Se siete fumatori di pipa sapete quanto sia importante procedere regolarmente alla sua pulizia. Ma se dovesse capitarvi di ritrovarne una in qualche cassetto sarà necessaria una pulizia ben più approfondita. Leggendo la seguente guida vi forniremo...
Bricolage

Come usare la matita litografica

La tecnica più indicata per chi vuole ottenere una vasta gamma di tonalità di grigi ed anche il bianco e il nero puri, è quella che fa uso della matita litografica. Pur essendo un po' laboriosa, questa tecnica consente di ottenere tali effetti con...
Giardinaggio

10 modi per riutilizzare la cenere del camino in giardino

Dopo una bella serata attorno al camino dovrete dedicarvi alla pulitura del caminetto raccogliendo ed eliminando la cenere. Invece di buttarla potrete conservarla e riutilizzarla in giardino. La cenere è perciò un prezioso elemento, economico e possibile...
Bricolage

10 idee per usare la cenere

Tutti considerano la cenere come una delle cose più sporche. Scoprite quanto può essere utile una cosa apparentemente insignificante!Questo prodotto, che è possibile ottenere a costo zero, si presta a diversi usi particolari.Di seguito, dieci idee...
Giardinaggio

Come Utilizzare La Cenere Come Concime

Tutti conosciamo il potere sbiancante delle ceneri, se usate per il bucato dei capi delicati, ma non tutti sappiamo che, questo elemento naturale, può diventare un ottimo alleato nella cura delle nostre piante. Se durante l'inverno e la primavera (per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.