Come Costruire Un Elettroforo Di Volta

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

L'elettroforo di Volta, detto anche elettroforo perpetuo, fu inventato nel 1775 da Alessandro Volta. L'elettroforo è stato il primo esempio di macchina ad elettrostatica in cui si verifica il fenomeno dell'induzione. L'induzione si verifica in esso quando gli elettroni, che sono liberi di muoversi sono respinti dalla carica negativa della tavola di plastica e, al contatto, vengono respinti con gran facilità verso terra attraverso il nostro corpo. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo proprio come costruire correttamente un elettroforo di Volta.

28

Occorrente

  • polistirolo
  • carta d'alluminio (stagnola)
  • un pennarello
  • un cilindro o simile di materiale isolante (plastica)
  • colla
  • forbici
  • un panno di lana
  • una tavoletta di plastica
38

Per prima cosa bisognerà creare la parte piatta dell'elettroforo detta "scudo".
Per lo scudo bisognerà procurarsi una tavoletta di polistirolo e ricavarne (tramite l'utilizzo di un bicchiere o un piatto, dipende dalle dimensioni che si vorranno dare allo strumento) una circonferenza. Con le forbici poi, bisognerà tagliare il disco appena disegnato, facendo attenzione a non romperlo. Una volta ricavato il disco poi bisognerà avvolgerlo con della carta stagnola in modo uniforme, chiudendolo e facendo aderire la carta al polistirolo.

48

Per la costruzione del manico isolante, che permetterà di non richiamare gli elettroni dal nostro corpo al disco, bisognerà procurarsi un'asta, un barra di plastica maneggiabile. Se necessario dovremo ridurre le dimensioni dell'asta affinché sia proporzionata allo strumento e per farlo ci si dovrà munire di colla per fissare il manico al centro del cilindro, aspettando se necessario la conseguente asciugatura.

Continua la lettura
58

Per la base isolante basterà procurarsi una tavoletta in plastica, che verrà caricata da un panno in lana. Grazie ad esso la base si caricherà negativamente e, grazie al fenomeno dell'induzione, appoggiando l'elettroforo sulla base caricata, e sulla parte in alluminio di esso un dito, gli elettroni dell'elettroforo percorranno il nostro corpo verso il terreno. Così l'elettroforo si caricherà positivamente, per carenza di elettroni.

68

Quindi seguendo i pochi e semplici passaggi riportati all'interno di questa guida, sapremo finalmente come fare per riuscire a costruire correttamente un elettroforo di Volta. Per chi è alle prime armi con questo tipo di lavori, potrà trovare i passaggi precedenti leggermente complicati, tuttavia con un po' di pazienza e provando varie volte, riusciremo alla fine ad ottenere un risultato perfetto. A questo punto non ci resta che procurarci tutto il materiale indicato in questa guida, per poter subito iniziare a realizzare questo particolare strumento.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come costruire una levigatrice a nastro

La levigatrice a nastro è un ottimo strumento per tutti i lavori di levigatura grezza. Ma com'è possibile costruirne una? Per prima cosa, quali strumenti occorrono? Per costruire una levigatrice a nastro ci serve un legno multistrato solido, dei pattini...
Bricolage

Come realizzare una composizione di fiori di campo

Il fiore è l'organo riproduttivo delle Angiosperme, nel quale si sviluppano i gametofiti, avviene la fecondazione e si sviluppa il seme. Il fiore deriva dalla differenziazione dell'apice di un rametto le cui foglie hanno perduto quasi sempre la capacità...
Casa

Come prevenire l'elettricità statica in casa

È ormai assodato che gli ambienti domestici e di lavoro, risentono notevolmente dell' inquinamento elettromagnetico dovuto al continuo utilizzo del computer, monitor, cellulari, tablet, ed i vari dispositivi elettronici presenti, inclusi gli elettrodomestici....
Materiali e Attrezzi

Cosa fare se l'intonaco si gonfia

L'intonaco della casa si gonfia a causa dell'umidità di risalita. L'acqua si diffonde all'interno dei materiali di costruzione dell'immobile e la porosità di questi materiali favorisce la sua l'espansione. A differenza di come si possa pensare, non...
Materiali e Attrezzi

Come applicare la vernice epossidica sull'alluminio

La vernice epossidica è una polvere, caricata positivamente, a base di resina sintetica molto diffusa per la verniciatura di oggetti in acciaio, alluminio, vetri e metalli zincati, poiché riveste le superfici con un film protettivo evitandone la corrosione...
Bricolage

Come fare un'agenda fai da te

Al giorno d'oggi, data la grande mole di lavoro che investe ogni giorno tutti noi, ricordarsi di appuntamenti e date importanti sembra ormai impossibile. Per questo munirsi di un'agenda è il modo ideale per poter affrontare gli impegni della giornata...
Altri Hobby

Come fare uno scudo da indiano

Se si vuole realizzare un simpatico giocattolo per il proprio bambino utilizzando il metodo del fai da te questa guida è sicuramente l'ideale. Per eseguire questo tipo di lavoro basta davvero poco: alcuni oggetti da riciclo, un po' di colla oppure nastro...
Casa

Come progettare l'impianto elettrico

Quando ci si accinge a costruire una nuova abitazione, o semplicemente ad una ristrutturazione, uno degli aspetti che non può passare di certo in secondo piano è proprio l'impianto elettrico. La sua progettazione deve essere eseguita alla perfezione,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.