Come costruire una panchina di legno

di Nicolò Dalla Valentina difficoltà: media

Come costruire una panchina di legno A causa della crisi, non di rado molte persone iniziano a costruire delle cose con le proprie mani. C’è chi si crea degli abiti, chi degli accessori, chi riutilizza dei tappi di bottiglia per creare un vassoio colorato. La guida sarà particolarmente indicata per coloro che vogliono capire e imparare a costruire una panchina in legno.

Assicurati di avere a portata di mano: martello chiodi assi di legno (di lunghezza/spessore soggettivo) assi di metallo (se si decide di fare lo schienale) trapano lima

1 Prima di iniziare a dire come bisogna fare cosa, dobbiamo fare una netta distinzione fra panca e panchina. Una panca in stile rustico è un semplice pezzo di legno, livellato, poggiato su due sostegni (che possono essere ceppi di legno o sostegni metallici) e che, essendo panche, non hanno lo schienale (un po' come le panche che utilizzano i bambini dell'asilo nelle scuole materne). Questa è l’unica differenza con la panchina.

2 Fare una panca è più semplice rispetto a fare una panchina. Il procedimento qui di seguito spiegato potrà essere adattato anche nel caso in cui vogliate creare la prima sopra citata. Come base sono sufficienti due grossi ceppi di legno (ad esempio anche pezzi di rami abbastanza grossi) oppure dei sostegni metallici (o in legno, è equivalente) che possano sostenere il peso di coloro che vi si siederanno, ed una tavola (o degli assi di legno) abbastanza lunga e spessa. La tavola, ovviamente, vi sconsiglio di farla di compensato, con legni morbidi, o che si ammorbidiscono con un po’ d’acqua, in quanto, essendo originariamente progettato per esterno, credo sia più facile che vengano esposti agli agenti atmosferici (pensate alle panchine che si trovano nelle villette pubbliche: non si rompono se uno vi si siede sopra, anche se ha appena finito di piovere). Se la tavola è unica, prima di iniziare a montarla vi consiglio di livellarla per bene, evitando così di ritrovarvi qualche scheggia addosso ai vestiti, ed essere certi che lo spessore sia uguale per tutta la superficie (altrimenti sarebbe alquanto scomoda).

Continua la lettura

3 Prima di montare la base.  Però, dovrete lavorare sui supporti metallici necessari per lo schienale.  Approfondimento Come realizzare una panchina fai da te (clicca qui) I supporti devono essere piegati ad un ampiezza di circa 90°, per garantire comodità a chi si dovrà sedere.  Il sostegno può anche essere realizzato in legno, ma in tal caso la struttura dovrà essere diversa.  L’angolo, inoltre, non dovrà essere di 90° netti, ma deve essere fatta dando una certa rotondità, in modo tale da non rendere pericolosa la panchina per chiunque vi si avvicini da dietro (pensate sempre a dei bambini o, al contrario, a degli anziani che hanno problemi nei movimenti).  Per evitare la formazione della ruggine vi consiglio prima di zincare il pezzo oppure utilizzare delle barre di acciaio inox.  Fissate, infine i supporti di metallo che faranno da base per quello che sarà lo schienale.. 

4 Dopo aver ottenuto quello che è lo scheletro, si può montare la base. Nel caso in cui si tratta di una tavola (come precedentemente detto sopra), basta poggiarla sui supporti e utilizzare il trapano (e/o martello) e i chiodi per installarla definitivamente. Le uniche accortezze che posso consigliarvi è, innanzitutto, di fare in modo che lo scheletro si veda il meno possibile quando ci si siede, poi di regolare la distanza e la posizione della base per evitare l'instabilità della struttura. Dopo aver fissato i chiodi, state attenti a quelli che potrebbero sporgere, rovinando i vestiti o causando piccoli tagli.

5 Se invece scegliete di utilizzare degli assi di legno separati, in quel caso il procedimento di livellazione dei singoli assi rimane invariato rispetto la base intera. La distanza fra un asse di legno ed un altro è commisurata sia alla larghezza di questo, sia alla larghezza della vostra base d’appoggio (dove ci si siede). Per esempio, se la larghezza della base è di 50 centimetri e utilizzerete quattro assi dalla larghezza di 9 centimetri, lo spazio fra un asse ed un altro dovrà essere di circa 3/4 centimetri. Per montare è sufficiente posizionare il primo asse all'estremità (sto partendo dal punto più vicino se si vede la panchina difronte, con lo parte anteriore dello schienale visibile) e fissarlo con due chiodi (una da una parte e uno dall'altra, oppure con due chiodi per lato se lo spessore della tavola è abbastanza grande).

6 Lo stesso procedimento utilizzato per la base, dovrete utilizzarlo per lo schienale. Dopo aver terminato anche lo schienale, la struttura della panca sarà pronta. Potrà essere abbellita, se volete, da una fase che include la verniciatura (il colore dipende dall'ambiente in cui dovrete metterla) oppure ricoprendola con un materiale che la rende più lucida e più resistente alle intemperie. La difficoltà di questo bricolage sta nell'esperienza di chi decide di cimentarsi.

7 Approfondimenti e curiosità:
La panchina (diminutivo di panca, dall'antico sassone banch) è solitamente un elemento dell'arredo urbano: si tratta di un sedile che può ospitare più persone, solitamente situato all'aperto in aree pubbliche come piazze o parchi. Normalmente è realizzata in legno, pietra o metallo e può avere o meno dei braccioli. Ma è facile trovarla anche di materiale plastico, specialmente quella destinata ai giardini di case private. Il materiale più comunemente utilizzato per la costruzione di panchine è il legno ma diffusissimi sono anche i prodotti in materiale plastico, in alluminio o in acciaio alleggerito, capaci di diminuirne notevolmente il peso. In alcuni modelli particolarmente evoluti viene usata anche fibra di carbonio, che conferisce all'oggetto resistenza e grande leggerezza. La maggior parte dei tipi di lucidatura comporta due fasi: preparazione di fondo e finitura. Nella lucidatura di tipo industriale attualmente si usano in prevalenza vernici bicomponenti a base poliuretanica (con acceleranti o catalizzatori), volendo procedere manualmente esistono in commercio diversi prodotti che danno ottimi risultati. Per esposizioni all'esterno gli "impregnanti" sono la soluzione migliore in quanto anziché formare una pellicola protettiva esterna (o film) penetrano nelle fibre fino a quasi due mm.

Non dimenticare mai: rivolgersi sempre da uno specialista

Come fare una panchina con dei vecchi sci Come assemblare una panchina rustica Come costruire una panchina in pietra e in legno Come realizzare un seggiolone in legno

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili