Come costruire uno scambiatore di calore in plastica

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se intendiamo costruire uno scambiatore di calore, è possibile farlo in un modo abbastanza semplice e utilizzando la plastica. Nello specifico si tratta di realizzare un sistema che serve a riscaldare una sostanza fredda come ad esempio dell’acqua, che scorre attraverso un altro liquido caldo attingendo da quest’ultimo il calore, con il conseguente risultato che la prima diventa calda e la seconda si raffredda. In sintesi questo fenomeno viene definito scambio di energia termica, e nei passi successivi vediamo nel dettaglio come procedere alla realizzazione.

25

Occorrente

  • Tubi flessibili in plastica
  • Tubicini in rame
  • Saldatore a stagno
  • Staffe per il fissaggio sulle condotte
35

Gli scambiatori di tipo industriale in genere vengono realizzati con delle tubazioni in rame, proprio per l’elevata capacità di questo elemento di trattenere il calore. Se tuttavia abbiamo deciso di utilizzare la plastica, è importante sapere che ad esempio quella di tipo flessibile, si può usare per fare in casa uno scambiatore di calore abbastanza efficiente e dalla classica forma a spirale.

45

Innanzitutto ci procuriamo dunque un buon quantitativo di questo materiale, e il migliore è quello che si trova nei negozi di termoidraulica, e di solito serve per i compressori e per i vaporizzatori, ed inoltre è costituito da un tubicino abbastanza spesso del diametro di circa un centimetro. Un altro tipo di tubo necessario per fare lo scambiatore, è quello in rame. Dopo questa lunga ma doverosa introduzione, possiamo dunque iniziare il lavoro creando innanzitutto con il tubicino in rame una sorta di curva a forma di “ L” che capovolta, la inseriamo in un tubo in plastica. La stessa operazione va fatta anche per gli altri tubi in plastica, dove si fanno alloggiare le suddette curve ad angolo retto del rame. A questo punto altre curve ad “L” vanno inserite negli stessi fori ma opposti alle precedenti, il che significa che sulle estremità dei tubi in plastica ci appare una sagoma simile alla lettera “T".

Continua la lettura
55

Terminata la preparazione, lo scambiatore va sigillato con dello stagno su tutti i lati, e ogni singolo tubo viene saldato l’uno affianco all’altro come se fosse una serpentina. A lavoro ultimato, possiamo notare che l’acqua calda entrando da un lato e proveniente da una condotta riscaldata, grazie allo scambiatore ad essa agganciato (e poi saldato), fa si che quella fredda che si trova nella condotta adiacente ne preleva il calore con la medesima gradazione, come si evince dal dettaglio della foto allegata. In pochi passi abbiamo dunque visto come può avvenire lo scambio termico di un liquido da una condotta all'altra, attraverso dei tubi in plastica misti a rame.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come calibrare una sonda di temperatura

Quando si parla di sonda di temperatura si fa riferimento ad un accessorio che rientra nell'ambito delle caldaie. Il funzionamento regolare della caldaia, ossia la sua capacità di fornire acqua calda e alimentazione continuata ai riscaldamenti, è assicurato...
Materiali e Attrezzi

Come costruire un locale caldaia in legno

Per riscaldare gli ambienti di casa durante la stagione fredda si usano vari sistemi. Questi si distinguono per tipologia e genere di sorgente. Quest'ultima si può produrre con impianti centralizzati. Oppure producendo calore nei singoli locali. Ovviamente...
Casa

10 regole per la corretta manutenzione della caldaia

Quando il primo freddo inizia a farsi sentire, occorre già aver predisposto tutti gli strumenti necessari per garantirsi in casa il giusto grado di comfort termico. Quando dunque si rende necessaria l'accensione di una caldaia, occorre sempre che questo...
Materiali e Attrezzi

Consigli per curvare i tubi in rame

Se abbiamo deciso di installare una condotta idrica per irrigare ad esempio il giardino, ed intendiamo utilizzare dei tubi in rame, sorge il problema su come piegarli per creare le opportune curve o gomiti. Tuttavia ci sono alcune tecniche ben precise,...
Casa

Come rimuovere la sabbia in un pozzo trivellato

La pulizia di un pozzo trivellato dalla sabbia è uno dei problemi più ricorrenti per chi voglia garantire sempre una perfetta efficienza dello stesso. Si tratta di operazioni tecniche non sempre semplici da effettuare in quanto richiedono l'utilizzo...
Altri Hobby

Come riciclare un tubo da irrigazione

Spesso, dentro la nostra abitazione, troviamo oggetti e materiali inutilizzati che potrebbero avere una seconda vita. Molte volte, infatti, gli oggetti posso essere riutilizzati in modo diverso dal loro uso abitudinario. Tutte le cose, con un po' di fantasia,...
Materiali e Attrezzi

Come usare il piegatubi

Se amate il fai da te e intendete cimentarvi in un lavoro che riguarda l’idraulica, e nello specifico la creazione di una condotta che consente di portare l’acqua o il gas dalla casa al giardino, è necessario avere a disposizione oltre a dei tubi...
Casa

Come coprire tubi esterni

La copertura dei tubi esterni è un'esigenza che non va assolutamente sottovalutata. Le basse temperature invernali possono infatti arrecare danni gravi all'impianto. Il momento più critico è sicuramente la notte, quando all'interno delle tubature l'acqua...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.