Come creare un sostegno per le piante rampicanti

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Le piante rampicanti e quelle ricadenti, se sono ben curate, rappresentano un abbellimento di sicuro effetto per le abitazioni, per i balconi e per i giardini. Per far sviluppare in altezza questo genere di piante è necessario avvalersi dell'utilizzo di un supporto verticale. Questo, infatti, ne garantisce il giusto sostegno e consente di direzionarne la crescita a proprio piacimento. In commercio esistono svariate tipologie di sostegni per rampicanti, generalmente in schiuma oppure in plastica e di colore verde, opportunamente studiate per mimetizzarsi con il fogliame. Se si ama particolarmente l'arte del fai da te, è possibile realizzare autonomamente un tutore perfetto per questo scopo, utilizzando semplicemente una rete metallica e del muschio. Con questo sistema si riesce ad ottenere delle piante esteticamente belle e molto robuste. Inoltre, si ottengono delle foglie più grandi e maggiormente vigorose. Leggendo questa semplice ed esauriente guida vi spiegheremo come creare questo sostegno per le piante rampicanti.

25

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Sfagno umido
  • Rete metallica
  • Cocci e ghiaia
  • Terra
  • Filo di ferro o filo di cotone
35

Innanzitutto è necessario procurarsi un rettangolo di rete metallica di dimensioni non minori di 50 x 20 centimetri. Il nostro consiglio è quello di usare della rete plastificata di colore verde, dal momento che presenta un migliore impatto dal punto di vista estetico e non è soggetta ad arrugginimento. Inoltre, è consigliato anche l'utilizzo dello sfagno essiccato. Entrambi sono facilmente reperibili in un qualunque negozio di bricolage oppure nei negozi specializzati. Lo sfagno è una tipologia di muschio molto leggera e con caratteristiche di permeabilità all'acqua eccellenti.

45

A questo punto, occorre posizionare la rete su un tavolo da lavoro e disporre sopra di essa lo sfagno, precedentemente umidificato con uno spruzzino. Arrotolare la rete a formare una sorta di cilindro, facendo combaciare le due estremità longitudinali della rete, per poi fissare queste ultime con del fil di ferro rivestito in plastica oppure con del cotone. Prendere, quindi, un vaso di circa 20 centimetri di diametro e riempire il fondo con 2-3 centimetri di cocci e di ghiaia, per poi sistemare il cilindro di rete metallica in posizione centrale, con la base appoggiata sul fondo del vaso. A seguire, riempire tre quarti del restante spazio con del terriccio. È buona regola, a seguire, accertarsi di fissare accuratamente il cilindro, servendosi della terra per mantenerlo eretto.

Continua la lettura
55

Successivamente, è possibile inserire la propria pianta nel vaso, per poi coprire con il terriccio oppure con un altro strato di sfagno lo spazio precedentemente lasciato. Fissare i rami e le radici avventizie alla rete metallica, dal basso verso l'altro, con dei fili di ferro o di cotone, avendo cura di mantenere intervalli di circa 10/15 centimetri. È possibile mantenere sempre umido il muschio, versando l'acqua direttamente dall'imboccatura del cilindro. In questa maniera, infatti, lo sfagno all'interno della rete garantirà il giusto livello di umidità alle radici aeree della pianta e ne favorirà una crescita alquanto rapida e sana.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come far rifiorire le orchidee

L'orchidea è il simbolo della perfezione e dell'armonia e per ottenere la rifioritura è molto importante prestare attenzione all'ambiente in cui collocherete ...
Casa

Come creare una lampada fai da te

Uno degli oggetti d'arredamento più usati per rendere la casa più bella ed accogliente sono le lampade. Ne esistono di diverse forme e aspetti ...
Giardinaggio

Come fare un supporto per le piante

In questa guida vedremo come fare prendendo il caso dei rampicanti. Prendersi cura delle piante è una passione per molte persone dal "pollice verde". Alcune ...
Giardinaggio

Come realizzare un kokedama

Dal Giappone e dall'Oriente in generale arrivano, anche nel nostro continente, moltissime tendenze in fatto di casa e arredamento. Se già moltissime persone in ...
Giardinaggio

I migliori supporti per rampicanti

Per abbellire il nostro giardino non c'è niente di meglio che considerare di utilizzare dei supporti per dei rampicanti, ovvero delle assi, o delle ...
Giardinaggio

Come coltivare fagiolini in casa o in giardino

In un orto ben organizzato, non possono mancare verdure e fagiolini. Ogni pianta è capace di dar vita a molti esemplari, risulta molto semplice, la ...
Giardinaggio

Come coltivare il platycerium bifurcatum

La Platycerium Bifurcatum, è originaria di diverse regioni dei Paesi tropicali, dell'Africa, dell'Asia e dell'Australia. Il suo nome deriva da due parole ...
Giardinaggio

Come scegliere delle piante rampicanti

Le piante sono uno splendido modo per decorare l'interno o l'esterno della casa. Per ogni ambiente, però, deve essere scelto il giusto tipo ...
Giardinaggio

Come abbellire il bonsai con il muschio

Per tutti gli appassionati di giardinaggio, o del pollice verde, come s dice in giro, abbellire il bonsai con il muschio rappresenta una delle scelte ...
Giardinaggio

Come fare un arco per rampicanti

Per abbellire il nostro giardino una delle soluzioni più suggestive sono le piante rampicanti. Infatti queste con i loro fiori e i loro colori offrono ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.