Come creare uno shampoo secco

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

All'interno della presente guida, andremo a concentrarci sul fai da te, in versione molto particolare, in quanto andremo a offrirvi qualche utile indicazione per farvi comprendere Come creare uno shampoo secco. E come potreste fare? Andando nella vostra dispensa (o al supermercato, qualora vi manchi qualche ingrediente). Vi sarà sicuramente capitato, almeno una volta nella vita, di dover uscire di corsa e di non avere tempo per lavare i vostri capelli. Sicuramente sarete andate un po' in crisi e vi sarete arrampicate sugli specchi, sottovalutando l'esistenza di un valido aiuto: lo shampoo secco.

26

Occorrente

  • Farina 00
  • Farina di riso (di ceci, di mais)
  • Amido di patate (o di mais)
  • Oli essenziali (vaniglia, lavanda, ecc)
  • Barattolo per conserve
  • Flaconcino spray riciclato
36

La composizione dello shampoo secco

Per quanto riguarda la composizione dello shampoo secco, esso è composto da un insieme di polveri, che vanno a creare nel capello di ambiente di carattere secco. Per poterne creare uno, semplicemente, dovrete andare a recuperare queste polveri. Ma cos'è lo shampoo secco? Lo shampoo secco è una valida alternativa al classico shampoo, che potrebbe esservi utile tutte quelle volte in cui non avrete tempo per dedicarvi al classico shampoo. Ma esso è un valido aiuto anche nel caso in cui abbiate dei capelli particolarmente grassi, dato che le sostanze contenute nello shampoo a secco tendono a creare un ambiente "secco" per la cute.

46

Gli ingredienti

Cominciate con il prendere una ciotola e versateci dentro della farina 00, la farina di riso (di mais o ceci) un po' di amido di patate (anche quello di mais va benissimo), e degli oli essenziali (quello alla vaniglia, o alla lavanda, ecc) a vostro piacimento. Quando tutti gli ingredienti come saranno nella ciotola prendete un cucchiaio e cominciate ad amalgamare il composto. Proseguite andando ad amalgamare per bene tutta la composizione di ingredienti, fino a quando non avrete completamente mescolato le gocce di olio essenziale con tutte le polveri.

Continua la lettura
56

I negozi specializzati

Per quanto riguarda lo shampoo secco, potrete facilmente trovarlo in tutti i negozi specializzati in accessori per parrucchiere e per capelli, nei negozi di saponi, ma anche in negozi generali. Tuttavia, bisogna dire che ha delle qualità anche negative, in quanto, essendo ricco di agenti chimici, col tempo, i capelli andrebbero a seccarsi. È proprio per questo motivo che il fai da te, in questo caso, potrebbe essere una strada preferibile, in modo da poter usare prodotti naturali per la preparazione. Adesso non dovrete far altro che conservare il composto in un barattolo di vetro, e chiuderlo ermeticamente. Se vi sarà possibile potreste conservare il composto anche in una bottiglia spray riciclata, in modo da semplificarvi l'utilizzo. La scadenza del composto è pari a quella degli ingredienti adoperati, e l'utilizzo vi sarà semplice: spruzzate, oppure intingete le mani nel composto, e passatelo nei capelli, insistendo un po' sulla radice. Infine spazzolate ed il gioco è fatto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Adoperatelo con cura, senza abusarne, in quanto secca la cute. Se ne sconsiglia l'uso a chi soffre di forfora.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come cambiare e pulire il filtro del condizionatore

Ormai in molti usiamo il condizionatore per tenere l'ambiente fresco durante l'estate, e alcuni di noi lo usiamo anche per riscaldarci durante i periodi invernali. Spesso compriamo il condizionatore, da terra o a parete che sia, lo montiamo, lo accendiamo,...
Giardinaggio

Come fare il miglior substrato per i cactus

Siete sempre alla ricerca di nuove tecniche e di nuovi metodi di lavoro per occuparvi in modo efficace delle vostre piante? Oppure volete mettere alla prova il vostro pollice verde ma non sapete da che parte iniziare? Niente paura, ci sono tante soluzioni...
Casa

Come aggiustare e lavare la mascherina antipolvere

Quando si lavora in ambienti con una elevata presenza di polveri, l'incidenza sulle vie respiratorie è molto alta, così come i rischi che ne conseguono. La mascherina antipolvere è la risposta alle problematiche di chi lavora in ambienti ad alto rischio....
Casa

Come riutilizzare un vecchio mobile

Se avete un mobile vecchio, o uno malandato, ma vi dispiace buttarlo o darlo via, potreste provare a recuperarlo. Riutilizzare un vecchio mobile non è un'operazione che comporta molte spese, o richiede tanta abilità, l'unica cosa di cui avrete bisogno...
Materiali e Attrezzi

Come tagliare un piatto diamantato in alluminio

Il piatto diamantato in alluminio anche detto disco diamantato è una nuova alternativa ai dischi abrasivi sottili, è capace di tagliare ogni metallo e dura sicuramente molto di più di un normale disco abrasivo avendo uno spessore maggiore ed essendo...
Altri Hobby

Come proteggere l'orto dallo smog

Chi vive in città sa cosa vuol dire ottimizzare al meglio tutti gli spazi urbani a discapito delle aree verdi a proprietà privata. I grandi palazzi o i numerosi condomini non consentono di disporre di aree da coltivare quindi, chi desidera usufruire...
Materiali e Attrezzi

Come preparare lo stucco in polvere

Di tanto in tanto capita di dover eseguire dei lavoretti di manutenzione all'interno della propria abitazione, come stuccare dei buchi nel muro, o qualcos'altro del genere. Se dovete restaurare pareti interne o esterne, mobili in legno, o del ferro potrete...
Materiali e Attrezzi

Come usare il fissante per eternit

L'Eternit è un fibrocemento brevettatato nel 1901 da Ludwig Hatschek, un materiale prevalentemente a base di amianto che oggi non è più in commercio, sostituito da altri materiali non cancerogeni. Il suo nome deriva dal latino "aeternitas", ovvero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.