Come curare le piante carnivore in inverno

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Le piante carnivore sono piante erbacee che si nutrono di insetti e piccoli artropodi. Il motivo di questo comportamento è dovuto all'adattamento agli ambienti ostili in cui si sviluppano quali paludi o rocce. Questi risultano poveri di azoto ed altri nutrienti per cui le piante carnivore li ricavano dalle proteine animali. Questo tipo di piante, nella maggioranza dei casi, sono perenni. Il loro apparato radicale è poco sviluppato al contrario delle foglie dove risiedono le trappole per catturare gli insetti. Queste ultime possono essere adesive, a tagliola e ad ascidio. Per sapere come curare le piante carnivore in inverno si deve considerare la diversità delle specie e la loro origine. Per alcune piante carnivore, infatti, è necessario il riposo invernale, per altre no. Vediamo allora come comportarci.

24

Piante con riposo invernale

Le piante che necessitano del riposo invernale vanno tenute all'aperto o, se non si può, in casa ma in un ambiente privo di riscaldamento ma luminoso ed arieggiato. Questo tipo di piante ha necessità del freddo. In inverno non richiedono di molta acqua e vanno dunque solo inumidite. Controllate sempre l'eventuale presenza di muffa nei vasi, che potrebbe essere causata dall'umidità. Tra le piante che richiedono un periodo di riposo troviamo la Drosera temperata, la Drosera subtropicale, la Pinguicula, la Darlingtonia, la Sarracenia, la Dionaea.

34

Piante senza riposo invernale

Le piante che non necessitano di riposo invernale vanno poste in un ambiente riscaldato e non all'esterno. I loro sottovasi vanno mantenuti colmi d'acqua, in quanto anche in inverno sono nel periodo vegetativo. L'ideale per il loro mantenimento nel periodo invernale sarebbe una serra riscaldata. Infatti, per questo tipo di piante il freddo è assolutamente dannoso. Appartengono a questa categoria di piante la Drosera tropicale che richiede una temperatura che va dai 10°C ai 15°C, e la Nepenthes per cui la temperatura giusta si aggira intorno ai 15°C.

Continua la lettura
44

Cenni storici

Il primo ad occuparsi di piante carnivore fu il famoso naturalista Charles Darwin. Sono state catalogate circa 600 specie di queste piante erbacee un tempo chiamate "insettivore" per la loro caratteristica di mangiare insetti. È stato Francis Ernest Lloyd a rinominarle nel 1942 "piante carnivore". Queste piante in natura non sono poi così diffuse, e le stesse piante, quando hanno migliori possibilità di sopravvivenza scelgono la non carnivorosità. In effetti l'essere carnivore è una scelta obbligata legata ad un habitat ostile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

le migliori piante carnivore per eliminare gli insetti

Le piante carnivore, denominate anche "insettivore" hanno la proprietà e la caratteristica di consumare ed intrappolare animali e protozoi, in particolar modo gli insetti, allo scopo di nutrirsi. Tale peculiarità è stata ottenuta a causa della loro...
Giardinaggio

Come tener lontani i piccioni dalle piante carnivore

Chi ama coltivare piante carnivore, e vive in città, si trova prima o poi alle prese con l'invadenza dei piccioni! Cocciuti e insistenti, questi volatili amano molto i terrazzi come i balconi, dove vengono coltivate queste piante che becchettano in continuazione,...
Giardinaggio

Come curare le piante carnivore

In questo periodo, le piante carnivore hanno raggiunto davvero l'apice della notorietà: infatti sono sempre di più le persone che si contornano di questi vegetali provenienti da Paesi davvero lontani ma poi, una volta a casa, sanno come comportarsi...
Giardinaggio

Come coltivare le piante nel terrario

Un bel terrario può essere anche oggetto di arredamento, tanto quanto un acquario, quindi se decidiamo di metterlo in casa dobbiamo procurarci un contenitore di vetro o di plastica che si adatti al meglio al nostro arredamento. Per un terraio da terrazza...
Giardinaggio

Come riconoscere la pinguicola vulgaris

Anche in Italia come in altri luoghi crescono e si sviluppano le piante carnivore. Ad esempio la Pinguicola Alpina oltre a stare sulle Alpi, la troviamo sui Pirenei e nell'Emisfero Boreale. La maggior parte di questi vegetali appartengono alla Famiglia...
Giardinaggio

Come coltivare e prendersi cura di una pianta di Dracula

La pianta di Dracula, nota anche come "Dionea Dracula", è una bellissima pianta carnivora ma, come tutte le piante di questa categoria richiede particolari attenzioni ed accorgimenti per crescere sana e fiorire. Segui le indicazioni di questo articolo...
Giardinaggio

Come effettuare lavori sulle erbacee perenni

Con erbacee perenni si definisce una vasta serie di piante che non terminano il loro ciclo di vita annualmente ma che si sviluppano a dimora per più di due anni.  Sono una vera risorsa per tappezzare porzioni di terreno, creare bordure o impiantare...
Giardinaggio

10 fiori che attirano le farfalle

I fiori sono parte della natura e con la loro presenza rallegrano e riempono giardini e terrazzi. Hanno caratteristiche diverse e multiforme. Ma vengono apprezzati in particolar modo per i loro colori e profumi. Tanto che, molte specie di fiori attirano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.