17

Come dipingere un mobile di legno

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

A volte nelle nostre soffitte, nelle cantine o nei ripostigli, può succedere che si accumuli un enorme quantitativo di oggetti di vario tipo, tra cui anche mobili. Di solito, si tratta di elementi d'arredo ancora in buono stato di conservazione, che possono quindi, essere ancora utilizzati. Oppure questa, può diventare l'occasione giusta per cimentarsi in un'attività di restauro e di decorazione. Dipingere un mobile di legno antico può essere, infatti, un meraviglioso passatempo. Vediamo insieme allora come dipingere un mobile di legno.

27

Occorrente

  • Cementite
  • Colori a smalto
  • Pennelli di diverse dimensioni
  • Telo plastificato
  • Carta vetrata
  • Panno in microfibra
  • Spray pulente per legno
37

Come prima cosa, è necessario provvedere alla pulizia della superficie da dipingere, rimuovendo accuratamente tutti gli acari sedimentati nel corso del tempo e la polvere formata, oltre a qualsiasi altra traccia di sporcizia presente. Quest'operazione, serve anche a notare le condizioni del mobile. Se quest'ultimo presenta delle imperfezioni, bisogna andare a levigare con della carta vetrata fine. Nel caso in cui, il mobile in legno sia intatto, basta passare un buon prodotto specifico per la pulizia su di un panno in microfibra. A questo punto, proteggete con un telo plastificato la superficie di lavoro per poter cominciare.

47

Prima di ridipingere, occorre stendere su tutte le parti del mobile in legno uno strato omogeneo e ben tirato di cementite applicata con il pennello, facendo molta attenzione ad evitare strati troppo spessi o accumuli di prodotto. Una volta controllato che la cementite si sia perfettamente asciugata, e che abbia quindi creato una base ottimale per permettere al successivo strato di colore di aderire meglio, è possibile cominciare a dipingere. Dovete diluire il colore a smalto mescolandolo accuratamente, per poi cominciare a stenderlo con il pennello, senza dimenticare di farlo scaricare dopo averlo intinto. È preferibile che le pennellate seguano il più possibile sempre la stessa direzione e che lo strato di colore sia il meno spesso possibile, così da evitare sgocciolature, soprattutto lungo le superfici verticali o inclinate.

Continua la lettura
57

Per fare in modo che l'asciugatura di un colore a smalto sia ottimale, è necessario attendere almeno un giorno, considerando che potrebbe essere necessario anche un tempo maggiore, soprattutto se l'ambiente in cui si trova il mobile è abbastanza umido. In ogni caso, il mio consiglio è di attendere fino ad una completa asciugatura, prima di procedere con la stesura del secondo strato di colore. Per coprire perfettamente la superficie del mobile, sono sufficienti due strati di colore a smalto. Tuttavia, esistono sempre le eccezioni. Una volta asciugato l'ultimo strato, il mobile è pronto per essere usato come più vi piace.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per rendere il vostro mobile in legno più caratteristico, potrete decorarlo con degli stencil
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
18

Come imparare a dipingere facilmente

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

C'è sempre piaciuto dipingere, ma abbiamo sempre pensato di non essere portati per l'arte. Adesso è il momento buono per metterci alla prova. Infatti, è possibile imparare, facilmente e velocemente a dipingere, seguendo le regole fondamentali di questa meravigliosa Arte. Certo non diventeremo degli aspiranti maestri pittorici ma certamente riusciremo a realizzare un bellissimo dipinto a tutti gli effetti e potremo presto dire: "l'ho fatto io". Attraverso gli esaurienti passi di questa guida scopriremo come imparare a dipingere facilmente.

28

Occorrente

  • colori acrilici
  • pennelli piatti sintetici di varie misure
  • tela bianca o tavolozza di legno già levigata
  • matita
  • nastro adesivo
  • carta grafite
  • immagine di un dipinto a scelta
  • biccheri e piatti di plastica
  • carta assorbente
  • carta da lucido
38

Se abbiamo scelto di dipingere sulla tavolozza di legno o mdf (Medium density fibreboard, pannello di fibra a media densità), innanzitutto dobbiamo preparare la base, stendendo 2 mani di acrilico bianco e lasciando asciugare. Apprestiamoci a realizzare alcune bozze dell'immagine su cui intendiamo lavorare, finché non avremo raggiunto un risultato che ci soddisfa. A questo punto, quindi coloriamola, per avere un idea più di massima su ciò che andremo a dipingere. Ricopiamo sulla carta da lucido i contorni principali dell'immagine precedentemente scelta e poi, riportiamoli sulla tela o sulla tavolozza con la carta grafite, fissandola con del nastro adesivo, per evitare che si muova.

48

Ora con l'ausilio di una matita, ripassiamo i contorni del disegno, prima di togliere il nastro adesivo accertiamoci con cura, di aver riportato tutti i particolari della vostra immagine. Ora siamo pronti ad iniziate a dipingere le zone più grandi e chiare e, infine passiamo man mano a quelle più scure, sovrapponendo dove occorre quelle già dipinte, in ultimo procediamo con il dipingere i particolari.

Continua la lettura
58

Ricordiamo che le parti del disegno più lontane saranno più chiare, mentre quelle in primo piano saranno più scure, più accentuate e definite. Per ricreare rilievi e sfumature prepariamo tre diverse tonalità dello stesso colore che abbiamo usato precedentemente; una media, una chiara (che si ottiene mescolando un po' di bianco) ed una scura (che si ottiene mescolando un po' di marrone).

68

Incominciamo a stendere il colore medio su tutto il contorno del disegno, quindi consideriamo da quale parte arriva la luce e schiariamo i contorni con la tonalità più chiara e, se occorre anche con del bianco puro sovrapposto alle pennellate chiare. Poi, procediamo con le parti in ombra, cioè dalla parte opposta alle chiare ripassiamo sempre i contorni con la tonalità scura, ovviamente se occorre anche con del marrone sovrapponendolo alle pennellate precedenti. È fondamentale osservare in modo costante la bozza dell'immagine che stiamo realizzando, ciò renderà più semplice dipingere al meglio il quadro.

78

Guarda il video

88

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:
16

Come dipingere le venature del legno

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Il legno è un materiale vivo di bellezza naturale che ben si adatta alla lavorazione di mobili ed oggetti di artigiano di vario tipo. Usato anche nell'edilizia è ottimo per la realizzazioni di creazioni artistiche. L'albero cresce in diametro ogni anno formando nuovi anelli di corteccia. In condizioni normali viene formato un anello ogni anno ed in sezione trasversale si osserva una serie di anelli concentrici. Lo studio di questi anelli è effettuato dalla Dendrocronologia, studio che permette di datare l'albero. Ogni anello è costituito da due strati più o meno definiti. La parte più vicina al centro, di colore più chiaro e trama più diradata, si forma durante la stagione primaverile, quando la crescita è più rapida. È per questo chiamato legno precoce, legno primaverile o legno primaticcio. Si possono sfruttare le venature che variano in base al tipo di legno e all'età dello stesso per creare oggetti decorativi. Vediamo insieme come dipingere le venature del legno.

26

Occorrente

  • carta vetrata
  • mordente a base d'acqua
  • vernice naturale
  • cera colorante per mobili
  • panno morbido
  • pennello grande
  • pennello piccolo
36

Trattamento del legno

Prima di procedere al lavoro che evidenzierà le venature si dovrà procedere al trattamento e alla preparazione del legno. Il legno naturale andrà pulito e scartavetrato con carta vetrata a grana media e successivamente levigato con quella più fine. Il legno verniciato invece andrà precedentemente trattato con uno sverniciatore e poi scartavetrato a dovere. Seguirà la stessa lavorazione del legno grezzo.

46

Tintura del legno

Per chiudere i porri del legno ed ottenere una lucidatura omogenea è necessario passare del tura pori (prodotto specifico) a pennello e dopo aver lasciato asciugare carteggiare con carta vetrata a grana fine. Alle volte sono necessarie due mani specie se il legno è molto disomogeneo ed assorbe il prodotto in maniera diversa nelle varie zone. Successivamente si può passare alla tintura del legno con mordente. Il mordente ha un colore meno intenso, in base all'essenza/colore scelta. La caratteristica di questo materiale è quella di avere un'asciugatura più rapida rispetto ad altri prodotti.

Continua la lettura
56

Lucidatura del legno

Le vernici naturali e ad acqua sono quelle attualmente più consigliate. Per esaltare le venature del legno è bene usare un mordente chiaro ed usare tinte naturali o neutre. Il lavoro tinto si potrà rifinire con una mano di lucido o attraverso la lucidatura a tampone mediante l'applicazione di cera. La cera andrà applicata a più riprese con un panno morbido o con tampone ed applicata con movimenti rotatori. Conferirà al legno un aspetto molto caldo e naturale. Questo tipo di materiale è usato per ripristinare la naturale tinta del legno o per ridipingere mobili sbiaditi dall'usura del tempo. Il prodotto servirà anche a proteggere il lavoro che si è realizzato rendendolo idrorepellente ed esaltando le belle venature del legno. .

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scegliere il mordente con attenzione.
  • Preparare bene la base da verniciare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
17

Come dipingere i mobili in legno di betulla

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Dipingere i mobili in legno di betulla è un progetto semplice che si può affrontare da soli, e che consente di risparmiare parecchio denaro e dare nuova vita al vostro mobilio. La betulla è considerato uno dei legni migliori da dipingere, poiché la sua superficie si adatta bene alla pittura, e questa durerà a lungo nel tempo. Sarà tuttavia necessario preparare adeguatamente i mobili prima di dipingerli, ma se il lavoro sarà eseguito con attenzione, il risultato sarà perfetto. Utilizzando uno smalto per interni, infine, sarete in grado di rifinire la pittura alla perfezione. A questo proposito, vediamo riportati qui di seguito alcuni brevi passi che vi aiuteranno a capire come dipingere i mobili in legno di betulla.

27

Occorrente

  • Nastro da imbianchino
  • Carta vetrata a grana finissima
  • Panno
  • Primer
  • Smalto per interni
  • Pennelli assortiti
37

Per iniziare, mascherate eventuali aree che non volete siano verniciate. Manopole, maniglie, cerniere ed altri elementi dovranno essere ricoperti con del nastro da imbianchino. Le aree circostanti, invece, possono essere mascherate utilizzando della carta gommata, disponibile in qualsiasi negozio di vernici. Scartavetrate i mobili con una carta vetrata a grana finissima, per eliminare eventuali imperfezioni della superficie del legno, con lunghi movimenti regolari. Se la vecchia vernice non è presente, avrete bisogno di eliminare "il lucido" dalla superficie, consentendo alla nuova vernice di aderire meglio.

47

Dopo la carteggiatura, pulite i mobili con un panno per rimuovere la polvere che si è depositata sulla superficie dopo il processo di levigatura. Se la polvere non viene rimossa, infatti, causerà una finitura ruvida e sarà visibile attraverso la pittura. Applicate più strati leggeri di primer per legno, utilizzando un prodotto che sia dello stesso colore dello smalto per finitura. Lasciate asciugare la vernice tra una mano e l'altra, facendo trascorrere un lasso di tempo di almeno ventiquattr'ore.

Continua la lettura
57

Quando il primer sarà asciugato completamente, scartavetrate nuovamente la superficie del mobilio, in modo da rendere il legno abbastanza ruvido per la successiva applicazione dello smalto. Ripulite i mobili con un panno, rimuovendo la polvere di carteggiatura ed applicate una prima mano di smalto con un pennello, depositando sottili strati di vernice. Strati di vernice troppo spessi, infatti, tendono a sviluppare irregolarità e non si asciugano in modo uniforme. Continuate ad applicare mani di vernice, rispettando tempi di asciugatura di almeno trentasei ore tra una mano e l'altra, fino ad ottenere il colore desiderato. Infine, rimuovete le mascherature e lasciate asciugare la vernice per quarantotto ore, prima di utilizzare il mobilio.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Assicuratevi di avere una corretta ventilazione, se eseguite la pittura all'interno. Respirare a lungo i fumi della vernice non è sano.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.