Come dipingere un mobile di legno senza carteggiare

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se in casa abbiamo un mobile che necessita di una ristrutturazione totale, in quanto si presenta piuttosto malconcio e soprattutto con delle superfici ruvide, possiamo ugualmente procedere senza tuttavia generare polvere, che si crea ad esempio se usiamo della carta abrasiva. In riferimento a ciò, ecco una guida su come dipingere un mobile di legno senza carteggiare.

25

Occorrente

  • Cementite in polvere
  • Spatola
  • Panno bianco
  • Vernice per legno
  • Pennellino sottile
  • Flatting opaco o lucido
35

Per evitare dunque di imbrattare la casa con la polvere che si crea con il carteggio, possiamo adottare due tecniche molto valide, che ci consentono alla fine di ottenere il mobile di legno con un'ottima finitura. Nei passi successivi di questa guida ne citiamo due, di cui la prima consiste nell'uso di un prodotto atto a riempire le porosità anzichè carteggiarle, mentre la seconda è in sostanza una finitura tipicamente ruvida.

45

Se dunque la superficie del mobile intendiamo dipingerla ed ottenerla liscia e setosa, la soluzione ideale è acquistare della cementite in polvere che opportunamente disciolta in acqua e sostanzialmente cremosa, va applicata sul legno con una spatola e poi accuratamente distribuita in modo uniforme. Prima che si essicchi del tutto, è sufficiente passare un panno bianco pulito appena inumidito in modo da levigare perfettamente le parti, e quindi pronte per dipingerle con la vernice prescelta. Sostanzialmente la cementite funge da primer e nel contempo da turapori del legno, ed in entrambi i casi ci consente di massimizzare il risultato senza mai utilizzare la carta abrasiva. A questo punto, non ci resta che descrivere la seconda tecnica per dipingere il mobile di legno senza carteggiarlo, e a cui abbiamo fatto accenno precedentemente.

Continua la lettura
55

In questo caso la superficie lignea del mobile se è eccessivamente porosa, può rivelarsi addirittura ideale per una finitura ruvida oppure tipicamente craquelè. Nello specifico si tratta di applicare direttamente la vernice con una spugna anzichè con un pennello, e quindi usarla come tampone in modo da riempire parzialmente le porosità presenti. Per massimizzare il risultato, possiamo poi usare un pennellino sottile, che ci consente di creare la tipica ragnatela del suddetto effetto craquelè, oppure delle venature di un mobile antico, quindi con una patina simile a quella originale. Il consiglio finale in merito a questa tipologia di restauro di un mobile senza carteggiare il legno, è di proteggere i colori applicati con del flatting spray lucido oppure opaco.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come carteggiare le porte in legno

Le porte in legno, soprattutto quelle da esterno, hanno bisogno di una manutenzione periodica in modo da garantirne la durata nel tempo. Per far questo non vi è sempre la necessità di rivolgersi ad un esperto del mestiere ma potete provvedere da voi,...
Materiali e Attrezzi

Come usare la vernice screpolante

Se abbiamo un mobile realizzato con un legno di buona qualità come ad esempio di rovere, ed intendiamo decorarlo con un effetto craquelè, possiamo intervenire in modo adeguato utilizzando la cosiddetta vernice screpolante. Quest'ultima infatti non è...
Casa

Come verniciare il legno con lo smalto ad acqua

Col passare del tempo, le porte di legno, finestre o anche le nostre cornici, possono perdere la loro lucentezza, diventare opachi e perdere la loro vernice. Se non abbiamo alcuna voglia di chiamare ed assegnare questo compito a qualcuno altro, possiamo...
Bricolage

Come decorare le sedie per la sala da pranzo

Se la nostra sala da pranzo si presenta di un colore tendenzialmente scuro perché il design impostato è di tipo classico, possiamo renderla più vivace con un piccolo accorgimento; infatti, è possibile intervenire sulle sedie rendendole più colorate...
Bricolage

Come carteggiare e decapare

Ogni amante del bricolage sa bene quanto siano importanti dei piccoli accorgimenti quando si effettuano dei lavoretti fai da te. Due accorgimenti senza dubbio preziosi per far si che i nostri lavori siano perfetti sono il carteggiare e il decapare. Per...
Casa

Come carteggiare in punti critici a mano

Le operazioni di carteggio costituiscono uno di quei processi meccanici atto a ripristinare una superficie liscia ed omogenea in grado di accogliere, successivamente, altre operazioni come stuccature, e verniciature. Il carteggio viene effettuato su una...
Bricolage

Come carteggiare con la levigatrice

La levigatrice è un oggetto che viene utilizzato quotidianamente, di solito impiegato nelle abitazioni come attrezzo per carteggiare differenti supporti, prima di fare una nuova stesura e ricoprire con diversa vernice uno specifico materiale. In questo...
Materiali e Attrezzi

Come carteggiare la vetroresina

Quando si eseguono dei lavori di riparazione, soprattutto sulle macchine o su pezzi di essa, il materiale più usato è certamente la vetroresina. Un materiale chimico molto usato per questo tipo di lavori ma che richiede delle piccole accortezze e lavorazioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.