Come e quando potare il gelsomino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I fiori sono sempre molto belli da vedere e, quasi tutti, molto profumati. In particolar modo il gelsomino ha un colore meraviglioso e un profumo molto delicato, dolce e poco invadente. Per questo avere un giardino pieno di gelsomini è una goduria per gli occhi e per l'olfatto. Ma, come tutte le piante, il gelsomino ha bisogno di tanta cura e attenzioni. In particolar modo, se viene lasciato senza cura, potrebbe crescere a dismisura, andando a provocare dei danni. Dunque è necessario potarlo di tanto in tanto e mantenerlo della giusta lunghezza. Questa guida si propone appunto di spiegarvi come e quando potare il gelsomino.

26

Occorrente

  • Forbici da giardiniere
  • Concime liquido
36

L'operazione di potatura va fatta sempre nel periodo antecedente alla primavera, quando cioè le giornate cominciano ad essere più lunghe e serene ma fa ancora freddo. Prima di iniziare a potare, osservate bene la pianta e cercate di capire come procedere. Questo dipende dalla zona in cui vi trovate, infatti la potatura del gelsomino varia a seconda del clima. Fate inoltre attenzione alle parti secche, che vanno rimosse a mano. Qualora appaiano i segni di una malattia, rivolgetevi ad un esperto prima che sia troppo tardi.

46

Se abitate in zone fredde dovete dare alla pianta una forma cespugliosa. Potatela in altezza e in tutta la sua circonferenza. Potete tenere questa pianta anche in vaso, ma naturalmente dovrà essere grande. Affinché il gelsomino possa avere una crescita regolare, e una conformazione quanto più omogenea possibile, sarebbe opportuno seguire delle fasi temporali che aiutano a dare un'aspetto quanto più gradevole alla pianta e ai fiori, che regaleranno un profumo molto intenso. Infatti e proprio l'aspetto della gradualità e temporalità delle potature che permette di mantenere la pianta in un buono stato di salute.

Continua la lettura
56

Solitamente nei primi anni di vita vanno potati i rami alla base per una porzione dei due terzi della lunghezza totale. Si procede in questo modo per i successivi due o tre anni, fino a quando la pianta non sarà adulta; a quel punto potete passare a tagliare rami interi, per migliorarla ed avere una pianta sempre giovane. Come detto prima, non eccedete nella potatura, perché la pianta poi non vi ripagherà con i suoi fiori profumati, o meglio ne farà davvero pochi. A proposito dei fiori, questi appena secchi vanno rimossi. Sbocciano da Giugno a Luglio. Subito dopo la potatura dovete concimare il gelsomino; l'ideale è senza dubbio quello liquido. Nell'arco di un anno potete concimarla se necessario tre volte.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Subito dopo la potatura dovete concimare il gelsomino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

5 decorazioni con il gelsomino

Il gelsomino, è una profumatissima pianta che fa parte della famiglia delle Oleaceae. Si contano circa 200 specie diverse di Jasminum, con caratteristiche diverse. Il gelsomino può essere rampicante o arbustivo, ma questo è determinato anche dalle...
Giardinaggio

Come coltivare i gelsomini

Jasminum L. è un genere di piante (che include varie specie del gelsomino) appartenente alla famiglia Oleaceae. Comprende circa 200 specie arbustive e rampicanti alte fino a 4-6 metri, tra cui le più note e coltivate come piante ornamentali sono: il...
Giardinaggio

Come coltivare il gelsomino

Il gelsomino è una pianta molto diffusa in Italia. Basti pensare che nelle zone con clima temperato è usata anche per la realizzazione di siepi ornamentali. In effetti si fa notare sia per i suoi fiorellini bianchi a forma di stella, sia per il suo...
Giardinaggio

Come Coltivare Il Gelsomino Di San Giuseppe

Il Jasminum nudiflorum, anche detto Gelsomino di San Giuseppe, fu introdotto in Europa soltanto nel 1844 e deve il suo nome al fatto che fiorisce in primavera e, in particolare, attorno al 19 marzo o giorno di San Giuseppe. È un rampicante vigoroso che...
Giardinaggio

Come curare il gelsomino rampicante

Il giardinaggio, è sicuramente per chi piace un qualcosa di molto bello e di appassionante. Tuttavia ci sono delle piante ornamentali che sono molto belle e che necessitano di scrupolose cure ed attenzioni affinché possano crescere sane e soprattutto...
Giardinaggio

Come Coltivare La Plumbago Capensis

Il genere Plumbago fa parte della famiglia delle Plumbaginaceae in cui si annoverano piante note con il nome di Plumbaggine o Gelsomino azzurro.Si tratta di una tipologia a pianta rampicante simile al gelsomino, che si può adoperare come pianta per tappezzare...
Giardinaggio

Come coltivare il gelsomino azzurro

Chiunque sia un vero appassionato del giardinaggio, avrà come uno dei suoi obiettivi personali, senza alcun ombra di dubbio, quello di coltivarsi il gelsomino azzurro. Questa pianta dal colore azzurro ovviamente, riesce a regalare un tocco di delicatezza...
Giardinaggio

Come coltivare Stephanotis da una talea

La Stephanotis è una pianta originaria delle zone temperate tropicali meglio conosciuta come Gelsomino del Madagascar comprende cinque tipi di arbusti rampicanti. Può essere coltivato sia in casa che in serra. Tuttavia ricordiamo che, nonostante abbia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.