Come e quando potare l'albicocco

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'albicocco o albero di albicocche è un arbusto che, una volta piantato nel giardino, impiega un paio di anni per svilupparsi e per produrre i frutti. All'inizio la fioritura sarà modesta, ma poi nel tempo se coltivato bene e potato secondo le regole, riuscirà a dare una bella produzione e dei frutti davvero corposi, grossi e saporiti. Nella seguente guida, passo dopo passo, vi forniremo maggiori informazioni su come e quando potare l'albicocco.

26

Perchè effettuare la potatura

Se l'arbusto è già sviluppato in natura, in genere, raggiunge altezze di 12-13 metri. Nell'orto, per generare una buona produzione, il contadino non permette mai che questo albero raggiunga tali dimensioni, e quindi lo pota per dare più forza ai rami inferiori, dandogli una forma ad ombrello. Infatti se la pianta è alta, deve nutrirsi di più per dare forza anche ai rami più alti, mentre se è più bassa riuscirà a distribuire meglio la sua energia donandola ai frutti. In primavera fiorisce e i suoi fiori si sviluppano a gruppetti aderendo perfettamente all'attaccatura delle foglie. Questo arbusto ama i climi tiepidi e miti e molto asciutti.

36

Come effettuare la potatura

Per la potatura si procede così: inizialmente, si deve cimare per togliere le parti secche o mal messe e abbassare i rami per raccogliere quel che produce. In effetti, se non si attuasse questa manovra, l'albicocco raggiungerebbe le dimensioni precedentemente scritte. Si suggerisce di eliminare la parte legnosa che si forma da gemme latenti, vale a dire da germogli rimasti a dormire per molte stagioni, conosciuta col nome di succhione. È importante non eseguire una completa potatura, adempiendola solo dove serve, osservando attentamente l'alberello, per valutare quali rami selezionare. Infatti, si devono tagliare trasversalmente quelli che procurano ombreggiamento dentro la chioma e le ramificazioni che si aprono verso l'esterno.

Continua la lettura
46

Quando effettuare la potatura

È bene sapere che questa manovra può essere di produzione perché si effettua non per migliorare la qualità dei frutti, ma per incidere meravigliosamente sulla loro quantità prodotta e di allevamento o di formazione perché si esegue per condizionare l'aspetto dell'albero. Ecco perché si parla di "potatura verde" (tra primavera ed estate, periodo più adatto), di quella che si avanza da marzo a maggio per considerare i rami più corti, tralasciando i misti da esaminare nei mesi giugno/luglio, mentre ad agosto si attua sull'albicocco completato di gemme a fiore. È importante, inoltre menzionare la "potatura secca" che, seguendo il clima si mette in atto a fine autunno, inizi inverno.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura dell'albicocco

Le albicocche sono i frutti più buoni dell'estate, morbide e gustose imbastiscono la tavola da maggio a giugno. L'albero che le produce (se collocato su un terreno idoneo e un clima adeguato), non ha bisogno di particolari cure, ma non bisogna mai sottovalutare...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di albicocco

L'albicocco è uno degli alberi maggiormente diffusi nel paesaggio meridionale. Nel sud della nostra penisola, infatti, l'albicocco trova il clima ideale per svilupparsi e per regalare, nella giusta stagione, non solo un tocco di colore al giardino, ma...
Giardinaggio

Come Potare Un Mirabolano

Il Mirabolano appartiene al genere Prunus (come ciliegio, albicocco ecc.), ed è originario della penisola Balcanica, chiamato anche rusticano grazie alla sua adattabilità. È un arbusto dalla chioma aperta che può raggiungere gli otto metri di altezza;...
Giardinaggio

Come coltivare un albicocco nano in vaso

Se non abbiamo un giardino ed adoriamo le coltivazioni, non è il caso di disperarci, poiché è importante sapere che anche in vaso si possono coltivare alcune specie di piante da frutto e tra queste vale la pena citare l’albicocco nano. Si tratta...
Giardinaggio

Come potare il verde di un albero da frutto

Con la parola "potatura verde" ci si riferisce ad alcune specifiche pratiche della potatura attraverso la quale si va a sfoltire la chioma di tutte le piante da frutto. Questo serve a favorire il graduale rinnovamento di quest'ultima ed una maggiore produzione...
Giardinaggio

Come coltivare un albicocco

Coltivare l'albicocco è il desiderio di molti coltivatori per la bellezza della sua fioritura e per la morbidezza e il particolare gusto della sua frutta. Si tratta di un conosciuto albero da frutto che necessita di ampi spazi per la sua crescita e fioritura....
Giardinaggio

Albicocche: come fare la potatura e la raccolta

Gli alberi da frutto hanno bisogno di attenzioni molto particolari, l'albicocco come le altre specie di frutto necessita di una potatura e a sua volta della raccolta. La potatura di formazione o detta anche di allevamento è molto importante per un agricoltore....
Giardinaggio

Come potare la vigna

Per i viticoltori la potatura a secco è di fondamentale importanza durante il periodo invernale. Questo procedimento che di norma si dovrebbe attuare solo dopo la perdita delle foglie da parte delle viti, ossia quando esse sono entrate nella fase di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.