Come eliminare il vino rosso dai tessuti

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'Italia è di certo la patria del vino, dato che propone tantissime tipologie di vini bianchi e rossi. Dunque a tavola non può mai mancare il vino per accompagnare i pasti. Ma il vino rosso è il peggior nemico dei tessuti. Infatti una macchia di vino non è facile da togliere e occorre molta accortezza per eliminarla senza rovinare il tessuto. Dunque, oltre che consigliarvi di bere il vino con moderazione ed attenzione, questa guida si propone di spiegarvi come eliminare il vino rosso dai tessuti.

27

Occorrente

  • acqua; sapone; carta assorbente; perboato di potassio
37

Il vino rosso è ricco di tannino e nitrato, il quale lo rende molto denso e trasforma il contenuto di uva in una sostanza che ha la qualità di essere assorbito molto bene dall'organismo, ma viene anche assorbito dai tessuti colorandoli molto a fondo. Per questa ragione per poter rimuovere le macchie di vino è necessario seguire alcuni accorgimenti. Se volete evitare i prodotti chimici che si possono acquistare nei negozi, allora dovete procedere nel modo seguente.

47

Una delle cose più importanti da fare è quello di cercare di non far rimanere aloni sui tessuti appena macchiati. La prima operazione è quella di fare assorbire il vino con della carta assorbente o con della stoffa di cotone bianco e, successivamente, lavare con acqua fredda. Se la macchia non dovesse andar via, e ciò capita soprattutto per le stoffe resistenti come il cotone, il lino, la lana ect. Occorre coprire la macchia con del sale e fare agire per circa 10 minuti e poi risciacquare con acqua fredda e sapone.

Continua la lettura
57

Un'altra alternativa è quella di posizionare la stoffa macchiata su una pentola fermando i bordi con delle mollette per tenerla tesa al massimo e fare cadere sulla macchia, da una altezza di circa 30 centimetri, dell'acqua bollente. Subito dopo lavare la stoffa regolarmente. Se il tessuto è molto delicato stendere sempre il punto macchiato su una pentola e aggiungere abbondante alcool fino a farlo assorbire del tutto; poi bagnarlo con abbondante aceto bianco per non rimanere aloni ed infine sciacquare il tessuto con acqua bollente.

67

Per smacchiare i tessuti delicati o quelli di pelle, al posto del sale si può adoperare del latte bollente, il quale è in grado si assorbire la macchia. Per i tessuti di lana o di seta è possibile adoperare del succo di limone, il quale contiene un grado di acidità molto basso. Un'alternativa è quella di utilizzare il perboato di potassio, da sciogliere in un po' di acqua e da applicare con moderazione direttamente sulla macchia.

77

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come restaurare una vecchia poltrona

Il recupero di vecchi oggetti è senza ombra di dubbio un'opera di notevole pregio. Questo perché oltre all'eventuale riutilizzo ci cimenteremo in una operazione che ci permetterà l'ottenimento di molta soddisfazione. Infatti fare qualcosa con le proprie...
Altri Hobby

Come restaurare una cassettiera

Avete trovato dei vecchi complementi d'arredo in soffitta o magari presso un mercatino dell'usato? Perché non approfittarne per ridare loro una nuova vita cercando di recuperarne l'antico fascino? Nei prossimi passi vi spiegheremo come restaurare una...
Bricolage

Come Costruire Un Riccio Di Terracotta

Sin da piccoli siamo stati abituati a lavori manuali, soprattutto con la creta, che hanno messo alla prova la nostra fantasia, realizzando piccole sculture ed opere d'arte che rappresentavano la nostra espressione in quell'epoca. Con il tempo poi siamo...
Giardinaggio

10 consigli per coltivare la lavanda

La lavandula, meglio conosciuta con il nome di lavanda, è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. Ne esistono specie differenti da quella più diffusa in natura, la lavanda Latifolia, a quella più comunemente coltivata dall'uomo,...
Giardinaggio

10 consigli per mettere a dimora la lavanda

Amate le atmosfere della Provenza francese, con quei meravigliosi campi di color violetto pieni di lavanda in fiore? La lavanda è una delle vostre piante preferite e vorreste tanto avere una parte del giardino che emani celestiali profumi? Sappiate allora...
Casa

Come lucidare il gres porcellanato

Qualche tempo fa i pavimenti venivano piastrellati con il cotto, la pietra, il marmo. Questi materiali erano durevoli, ma diventavano opachi con un semplice calpestio. Per questo motivo si doveva passare la cera per renderli lucidi. Per il cotto era possibile...
Giardinaggio

Come evitare la bolla del pesco

Quando si ha la passione per l'orto, si cerca di curare ogni pianta nel migliore modo possibile. Purtroppo però può accadere che, nonostante tutto l'amore che possiamo trasmettere a ciò che si coltiva, funghi o parassati attacchino la vegetazione con...
Casa

Come dipingere le pareti con la pittura ad olio

Una tecnica assai difficile ma di grande effetto scenico è la pittura ad olio; se questa poi la si adopera per dipingere le pareti di casa o di un locale, allora il risultato sarà davvero strabiliante. Generalmente la pittura ad olio viene utilizzata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.