15

Come fare germogli in casa

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

Con alcune indicazioni giuste e procedendo nel modo corretto, da oggi è possibile realizzare dei germogli in casa, come se ci si trovasse all'interno di un ampio giardino o di una modernissima serra. Questa operazione risulterà inoltre molto utile, in quanto i germogli sono ricchi di proprietà benefiche e fonti di vitamine e sali minerali. In questa guida vi illustreremo quindi come fare i germogli in casa, seguendo poche semplicissime azioni.

25

Occorrente

  • Contenitori di vetro
  • Acqua
  • Semi di vegetali
  • Sacco di lino
  • Garza
  • Coltello
35

Scegliere la varietà giusta

Per realizzare dei germogli in casa occorre scegliere le varietà che desideriamo coltivare e consumare. Alcune specie davvero che possono fare al caso nostro sono la soia, il grano, le lenticchie o l'avena. Per iniziare dobbiamo procurarci un contenitore o una bottiglia di vetro o di plastica sufficientemente capiente. Occorre poi versarci dentro una bustina di semi del vegetale scelto. Successivamente dobbiamo ricoprire con dell'acqua il contenitore con i semi per circa i 4/5 della sua capienza. Elemento essenziale per far germogliare i semi è che questi ultimi siano sempre umidi e non esposti alla luce. Infatti l’oscurità favorisce l’ottimale germinazione, generando l’aria indispensabile per il loro sviluppo.

45

Collocare i semi in ammollo

A questo punto proseguiamo con il nostro lavoro facendo rimanere i semi con l’acqua per circa dieci ore all'interno del recipiente. Copriamo l’apertura del contenitore con della garza inumidita e riponiamo il tutto in un posto buio. Appena notiamo che la buccia che riveste i semi si spacca, questi sono pronti a germogliare. Dopo che siano trascorse ventiquattro ore dal germoglio dei semi, eliminiamo l’acqua versata il giorno prima e riempiamo i recipienti con dell’acqua nuova. Mentre attendiamo che i semi germoglino definitivamente, sciacquiamoli un paio di volte al giorno. Infine, verso il quarto quinto giorno, noteremo che i nostri semi raggiungeranno circa 3 cm di altezza e, quindi, saranno pronti per essere consumati.

Continua la lettura
55

Riporre dentro un sacchetto

Un altro procedimento per favorire la germinazione dei semi consiste nel mettere in ammollo i semi per una notte, asciugarli il mattino dopo e riporli dentro un sacchetto di lino che va messo a sgocciolare e che occorre bagnare regolarmente per mantenere i semi umidi. Il tutto per circa quattro giorni. I germogli solitamente vengono consumati crudi in un'insalata e si possono utilizzare in numerosi modi, come ad esempio per insaporire i secondi piatti o per condire altre pietanze. I germogli che non intendiamo consumare subito vanno conservati in frigorifero e sciacquati ogni due giorni.

16

Come far germogliare i noccioli dell'albicocca

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Molti di noi si vantano di possedere il cosiddetto "pollice verde" e, con molta passione ed impegno, riescono a coltivare un fazzoletto di terreno con risultati davvero sorprendenti. Tuttavia anche chi non ha a disposizione un orticello, ma gode di spazi su un balcone o su un terrazzo, può avere la possibilità di effettuare delle coltivazioni prettamente casalinghe di ortaggi o di alberi da frutto. Infatti il desiderio di consumare prodotti altamente biologici, specie se nati dalle nostre mani, si va diffondendo sempre di più e gli esperimenti in tal senso sono tanti e non privi di soddisfazione. Per chi non lo sapesse, la possibilità di coltivare degli alberi da frutto in vaso, partendo dal nocciolo dello stesso frutto, è viva e reale. Esistono diversi tipi di piante da frutto che si prestano a questo tipo di coltivazione: l'avocado, il pesco, il ciliegio, il nespolo ed anche l'albicocco. Armandoci pertanto di tempo e di pazienza e procurandoci un terriccio di buona qualità ed i semi della pianta prescelta (meglio ancora estraendoli dalla frutta fresca appena consumata), la presente guida ci indicherà, nella fattispecie, come far germogliare i noccioli dell'albicocca.

26

Occorrente

  • Buon terriccio, noccioli di albicocca, vasi per piante.
36

La pianta dell’albicocco possiede un tronco dal colore scuro con fenditure in superficie che ne indicano l'età; ha foglie dentellate a forma di cuore acuminato e fiori ermafroditi, dalla corolla bianco rosata, che fanno bella mostra sulla pianta, riuniti in mazzetti. Il frutto è uno fra i doni più belli, gustosi e profumati di madre natura: succoso e polposo, viene infatti impiegato per la preparazione di marmellate, succhi da bere, sciroppi, dolci, conserve e via dicendo. Il nocciolo che si trova al suo interno non è commestibile, perché leggermente velenoso, ma è proprio da esso che avrà vita la nostra nuova pianta.

46

Consideriamo che dovremo iniziare la coltivazione nella stagione autunnale o in quella invernale, utilizzando un nocciolo intero o appena intaccato nella sua superficie. In questa prima fase, è consigliabile avvalerci di un vaso più piccolo, che ci consenta di gestire al meglio la delicata operazione dell'interramento del seme. Ricordiamo anche di utilizzare un solo nocciolo per ogni vaso usato.

Continua la lettura
56

Proseguiamo interrando il nocciolo dell'albicocca, che abbiamo estratto dal frutto, seminandolo alla profondità di circa cinque centimetri. Il terriccio dovrà essere ben drenato, leggermente alcalino, profondo e di medio impasto. Posizioniamo la pianta alla luce ed al sole ed innaffiamola ogni qual volta si renderà necessario, avendo cura di proteggerla dal vento, dal freddo e dall'umidità. In linea di massima, potremo notare la germinazione della pianta già nella successiva stagione primaverile. È quello infatti il momento adatto per trasferire la pianta in un vaso di dimensioni maggiori. Vedremo, con soddisfazione, nascere i primi frutti dopo circa quattro anni. I primi fiori della pianta sbocceranno a primavera e potremo gustare i frutti maturi già nel mese di giugno.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Piantare un solo nocciolo per ogni vaso.
18

Come coltivare i germogli in un barattolo

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Un alimento decisamente ricco di proprietà nutritive sono i germogli. Essi non dovrebbero mancare assolutamente all'interno di una dieta sana e varia. La notizia ottima è il fatto che essi si possono facilmente coltivare in casa, con l'utilizzo di pochissimi strumenti. È davvero semplice creare nella propria cucina un orticello in miniatura: è sicuramente un'attività divertente ed anche utile. Potremo così disporre di alimenti ricchi di sali minerali e vitamine. Come dovete procedere? Facile! In questa guida che vi state accingendo a leggere, troverete tutte le informazioni necessarie per la coltivazione, con l'ausilio di un semplice barattolo di vetro. Vi stupirete della semplicità della procedura.

28

Occorrente

  • vaso di vetro, retina, elastico, semi, acqua
38

È facilissimo riuscire ad ottenere dei germogli da qualsiasi seme: dai legumi, come soia, lenticchie, ceci; ai cereali, come orzo, grano saraceno, frumento, riso; passando per i semi oleaginosi, come i semi di lino, girasole e zucca; fino ad arrivare ai vegetali ed agli ortaggi, come rucola, cavolo rosso, crescione, ecc.. Tuttavia, è sempre meglio scegliere semenze di carattere integrale, provenienti da un'agricoltura di tipo biologico, al fine d'escludere che nei germogli ci siano tracce di prodotti chimici impiegati convenzionalmente in agricoltura. Ciò che invece non dovrete utilizzare, sono i semi di pomodoro, peperone, melanzana e patata (appartenenti al gruppo delle solanacee), perché in essi è presente una sostanza lievemente tossica chiamata solanina.

48

Per cominciare, vi occorrerà una semplice retina (potrete utilizzare della tela di iuta ben lavata a trama larga), un vaso di vetro dalla ottima capienza e con apertura ampia e, infine, un elastico da inserirvi attorno. Adesso, dopo aver preso due cucchiai di semi che sceglierete voi (se siete alle prime armi, vi consiglio le lenticchie, facilissime da far germogliare), ricordando che ogni semenza ha un tempo differente di germogliazione. Qualora voleste variare, dovrete usare più vasetti di vetro. Andate a lavare bene i semi, per poi scolarli e inserirli nel recipiente, coprendoli con l'acqua. Mettete la rete sul barattolo, fissandola con l’elastico.

Continua la lettura
58

Dopo aver terminato la procedura, lasciate riposare per circa una notte, andando a sistemare i contenitori al buio per almeno 12 ore. La mattina successiva, andrete ad eliminare l'acqua presente nel recipiente, avendo cura di farlo sgocciolare bene. Mettete nuovamente un po' d'acqua fredda nel vasetto (facendola penetrare dalla retina), per poi scuoterlo, andando a risciacquare i semi. Svuotate una seconda volta il vaso, ripetendo l'operazione descritta nelle righe precedenti e, quando esso terminerà di sgocciolare, riponetelo nuovamente al buio per altre 12 ore.

68

Continuate così, ripetendo per altre 5 o 6 volte l'intera procedura ogni 12 ore, fino a quando avrete ottenuto dei germogli di tre/quattro centimetri. A questo punto, avrete terminato l'intero procedimento. Tuttavia, vi consiglio di mettere il barattolo (o tutti quelli che avete preparato) alla luce del Sole al fine d'arricchirlo di clorofilla. Lavate bene i germogli prima di consumarli e gustateli preparando insalate e zuppe, oppure facendoli saltare leggermente in padella o cuocendoli al vapore. I germogli possono essere conservati in frigorifero per un massimo di 5/6 giorni.
Visitate anche: http://www.greenme.it/abitare/orto-e-giardino/17665-orto-in-casa-senza-balcone-o-terrazzo.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • se non sapete cosa usare come retina, coprite il vasetto con un colino da tè: andrà benissimo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
17

Come coltivare i germogli sul balcone

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla vostra passione. Anche in spazi ristretti è possibile coltivare le sementi ed i germogli che più vi aggradano, semplicemente seguendo alcuni consigli riportati negli step di questa guida. Di seguito vi descriveremo come fare per coltivare i germogli sul balcone.

27

Occorrente

  • Barattolo in vetro, garza, sementi, acqua fresca, acqua tiepida
37

Perché coltivare i germogli sul balcone? La risposta è molto semplice: si tratta di alimenti economici e dalle molteplici proprietà, la cui coltivazione non è complessa e richiede pochi sforzi e poche risorse. Tra i più consigliati vi sono quelli di soia, di fumento, di miglio, ma anche di girasole e grano saraceno. Se inoltre avete la passione per i legumi, potete ricorrere anche alle lenticchie, ai fagioli, ma anche ai piselli, alla zucca ed al riso. Il primo passo è quello di lavare in maniera accurata i semi, in modo tale da eliminare qualsiasi residuo li ricopra. Dopodiché prendete un vaso in vetro e riponeteli all'interno, avendo cura di immergerli in acqua fresca. Non chiudete però il vaso con il coperchio ermetico, bensì con una garza tenuta ferma da un semplice elastico: ciò consente ai semi di avere il giusto apporto di ossigeno. Riponete il vaso in un ambiente fresco e buio per l'intera notte, a patto che la temperatura della stanza non superi i 20 gradi.

47

Trascorso il tempo d'attesa, aprite il vaso ed estraete i semi, quindi procedete a lavarli con acqua tiepida. Dopo averli scolati per bene rimetteteli all'interno del vaso, copritelo nuovamente con la garza e tenetelo capovolto su un piattino. Non resta che attendere che i germogli fioriscano, ma ricordate che per questo step le tempistiche variano in relazione al tipo di seme che state coltivando: per il girasole, ad esempio, sono sufficienti due giorni, mentre per il frumento si deve attendere sino a 10 giorni. Lungo i giorni d'attesa, sciacquate quotidianamente i semi con un po' d'acqua fresca per poi riporli nel vaso in vetro, che potete adagiare sul davanzale della finestra o su appositi supporti direttamente sul pavimento del balcone. In alternativa potete creare delle cassette colorate all'interno delle quali posizionare tutti i vasi con le sementi.

Continua la lettura
57

Non appena i semi saranno germogliati avrete un vostro orticello totalmente colorato. Il risultato sarà eccezionale e sarete sicuramente orgogliosi dei frutti del vostro lavoro. Come si può capire, non si tratta di un procedimento complesso, ma è necessaria una certa costanza perché il tutto proceda al meglio. Se il progetto riesce, potrete dar vita ad un orticello ancor più ampio, a dimostrazione che anche negli spazi più stretti si possono coltivare sia i germogli che le piante.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Provate con poche sementi; se riuscite nel progetto, proseguite sino a creare un orto più ampio
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.