Come fare il craquelè sul legno

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il termine craquelé indica una tecnica di pittura che offre la possibilità di andare a creare una sorta di ragnatela o delle crepe su una superficie di legno. In questo modo questa andrà ad assumere un aspetto antichizzato. Per andare a ricreare questo tipo di lavorazione potete affidarvi, in linea generale, a due tecniche: la prima prevede la preparazione diretta del craquelé seguita dalla pittura mentre la seconda prevede le operazioni inverse (si va cioè prima a creare il disegno con la pittura e successivamente si applica questa tecnica). Il metodo più adatto è sicuramente il primo e, in questa guida, andremo a vedere passo dopo passo come è possibile andare a fare il craquelè sul legno.

24

Per prima cosa è necessario che vi procuriate tutto il materiale e le attrezzature che vi occorreranno. Queste comprendono: colori acrilici di due tonalità diverse (uno per lo sfondo ed uno per la ragnatela), colla vinilica, idropittura, carta abrasiva dalla grana media e sottile, pennelli e solventi (deve essere adatto alla pittura acrilica) che vi occorrerà proprio per andare a ricreare questo particolare effetto.

34

Per far si che il risultato sia buono e soddisfacente è importante che la superficie sulla quale andrete a lavorare sia perfettamente liscia ed omogenea (in questo modo il colore risulterà al meglio). Per questo motivo è importante che andiate ad uniformare il legno con la carta abrasiva (prima quella a grana media e poi sottile). Ora potete cominciare a preparare la superficie per ricevere al meglio il colore. Per svolgere questo passaggio dovete creare un strato uniforme di colla vinilica (fate attenzione a non andare a creare bolle e striature) e lasciate asciugare il tutto. Ora potete andare a dare una, o due (nel caso in cui stiate lavorando su di un legno molto poroso come il multistrato), mani di idropittura celeste. Una volta che anche questa sarà asciutta andate nuovamente a levigare con precisione sempre con l'aiuto della carta abrasiva.

Continua la lettura
44

Ora non vi resta altro che scegliere quelli che saranno i colori che avranno le crepe. Se avete dato una tinta dalle tonalità celesti di base un effetto molto bello sarà dato dal color giallo ocra. Andrete ad utilizzare questo colore dopo che avrete disegnato un'immagine che rispecchia appieno il vostro gusto personale; ad esempio un vaso di fiori. Ora potete andare a ricreare il tanto atteso effetto craquelè. Aggiungete alla vernice acrilica giallo ocra il solvente e, semplicemente, andate con un pennello a ricoprire tutto il disegno. Noterete che l'immagine si "spaccherà" e verrà a formarsi, finalmente, la ragnatela.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Craquelé: come colorare le crepe con bitume di giudea

Il Craquelé è quel particolare metodo attraverso il quale viene riconosciuto l'aspetto anticato di alcuni oggetti o mobili. Questi spesso hanno una verniciatura Craquelé, cioè quasi screpolata e logorata dal passare del tempo. Per questa tecnica permette...
Bricolage

Come fare il craquelè di finitura

Se siete amanti del bricolage e dei lavori manuali, dovete per forza provare la tecnica del craquelè di finitura. Basta con il solito Découpage! O meglio, sì al decoupage, ma decorato con la tecnica del craquelè di finitura! Apritevi a nuovi orizzonti...
Bricolage

Come decorare una lampada in ceramica con découpage pittorico ed effetto craquelé

Ti chiedi come decorare una lampada in ceramica con découpage pittorico ed effetto craquelé.Hai comprato una lampada pensando di decorarla, ma ti sembra un'impresa impossibile?Hai pensato alla tecnica giusta. Con un po di pazienza e qualche buon consiglio...
Bricolage

Craquelè su legno: 5 errori comuni da evitare

A tutti è capitato, durante una visita al museo, di osservare dei quadri antichi e di notare sui volti o nei paesaggi rappresentati delle piccole crepe. La prima cosa a cui si è pensato è che il tempo ha avuto questo effetto sul legno. Ma chiunque...
Bricolage

Come decorare una vecchia tinozza con effetto craquelé

Il decoupage è una tecnica di decorazione davvero versatile. Grazie ai molteplici stili con cui poterla effettuare, possiamo decorare qualsiasi oggetto abbiamo in casa, anche una vecchia tinozza. Nel tutorial che andremo ad illustrare, spiegheremo passo...
Altri Hobby

Craquelè su ceramica: 5 errori comuni da evitare

In questa guida verranno date alcune utili e interessanti informazioni sul craquelè su ceramica: 5 errori comuni da evitare. Questa tecnica poco conosciuta, è molto particolare e consente di ottenere degli oggetti con un effetto di crepature sulla superficie....
Bricolage

Come usare il bitume di giudea

Per eseguire dei lavori di decorazione uno tra i materiali che viene maggiormente utilizzato è sicuramente il cosiddetto bitume di giudea. Si tratta di un composto contenente bitume, standolio, argilla ed essenza di trementina. Una volta acquistato il...
Bricolage

Come creare un quaderno con carta foulard

La carta foulard assomiglia alla carta di riso. La differenza è che la carta foulard è ottenuta miscelando all'impasto fiori secchi, o foglie o fibre della seta. Questa carta risulta molto trasparente, una volta incollata, si vedranno solo i dettagli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.