Come fare l'elettrolisi dell'acqua

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'elettrolisi dell'acqua, letteralmente "elettricità" e "divisione", è il termine con cui si descrive il fenomeno attraverso cui, grazie all'apporto di energia elettrica, l'acqua viene scomposta dei due gas che la compongono, ovvero l'idrogeno e l'ossigeno. Ma ora basta con la teoria, veniamo alla pratica: vediamo come fare. Continuate a leggere e vi illustrerò sinteticamente tutti i passaggi necessari affinché riusciate a produrre correttamente un processo di elettrolisi dell'acqua.

26

Occorrente

  • trasformatore da 4,5 volt
  • due fili elettrici
  • un vasetto di vetro con apposito tappo in plastica
  • acqua
  • bicarbonato di sodio
  • plastilina
  • due mine di matita
36

La teoria

La formazione di potenziale elettrico a contatto con l'acqua fa provoca la comparsa di ioni positivi, che vengono attratti dall'elettrodo negativo (detto catodo), e di ioni negativi, comprendenti gli ioni di idrossido, che si spostano invece nella direzione dell'elettrodo positivo (detto anodo). Quando si raggiunge una differenza di potenziale sufficiente, avviene l'elettrolisi, dove l'ossigeno gassoso è prodotto dal gas all'anodo e l'idrogeno dal catodo. Nel momento in cui si esegue il processo di elettrolisi dell'acqua, solitamente è necessario diluire in essa di composizioni saline, in modo da ridurre al minimo la perdita di potenza di pilotaggio della corrente elettrica che attraversa la soluzione. Tuttavia, la presenza di tale soluzioni saline nell'acqua non è un requisito fondamentale perché l'elettrolisi avvenga.

46

La procedura

Prima di tutto, provvedete a creare due fori nel tappo di plastica del vasetto che vi siete procurati, nel quale infileremo poi i due cavi elettrici. Per questa operazione potete utilizzare la punta di un paio di forbici o di una lama sufficientemente appuntita. I due fori che creerete dovranno essere ricoperti con la plastilina in modo ermetico, senza lasciar passare aria. Gli altri due estremi dei cavi devono esserei in contatto fra loro attraverso la batteria per far sì che il processo avvenga correttamente. I fili all'interno del vasetto dovranno essere invece saldati alle due mine di matita in modo completo, disposti parallelamente con la testa opposta e divisi da un pezzo di legno. Giunti a questo punto, potete cominciare a riempire il vasetto di vetro con dell'acqua e del bicarbonato di sodio. Ciò significa che un filo deve essere collegato a un polo negativo (più lungo), mentre l'altro a quello positivo (più corto).

Continua la lettura
56

In conclusione

Il passo successivo, ovvero quello finale, consiste nel chiudere il barattolo e collegare i due fili elettrici alla batteria; in questo modo, si otterrà la scomposizione tra l'idrogeno e l'ossigeno. Noterete dopo qualche istante la comparsa di gas all'interno del barattolo: significa che avete eseguito l'operazione in modo corretto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Dopo l'ultimo passaggio attendete almeno due o tre ore affinché il processo si possa notare a occhio nudo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come calibrare un conduttimetro

ll conduttimetro, meglio conosciuto con il nome di conducimetro, è un tipo di strumento che ha come funzione quella di misurare la conduttività elettrica di un materiale oppure di una soluzione. La capacità che possiede in sè un materiale nella conduzione...
Materiali e Attrezzi

Come costruire un gruppo di continuità

Il gruppo di continuità, denominato anche UPS (Uninterruptible Power Supply), è fondamentale per tutte quelle apparecchiature che non possono rimanere senza corrente, come quelle ospedaliere o i supermercati, anche in caso di disservizio della stessa...
Casa

Come canalizzare una stufa a pellet

La stufa a pellet è un apparecchio molto utilizzato negli ultimi anni, è molto simile alla stufa a legna ma utilizza il pellet come combustibile. La stufa a pellet, è in grado di riscaldare un ambiente in breve tempo. È importante però, capire quale...
Casa

Come riparare una crepa nello specchio

Quando si rompe uno specchio,  la prima cosa che si fa è gettarlo via! Ovviamente prendendo in considerazione di acquistarne da subito uno nuovo. Questo gesto impulsivo diviene da diversi fattori. Il più comune riguarda il tipo di rottura. La prima...
Materiali e Attrezzi

Come cromare l'acciaio

L'acciaio è una lega formata principalmente da ferro e carbonio e può presentare, nel corso del tempo, dei tratti di ruggine. Per evitare ciò è necessario cromare l'acciaio, ovvero creare una pellicola protettiva facendo reagire il cromo con l'ossigeno....
Materiali e Attrezzi

Come costruire una luce a infrarossi

Le lampade ad infrarossi son luci che sfruttando la radiazione ad infrarossi e che forniscono una notevole fonte di calore nell'ambiente in cui sono collocate. La radiazione ad infrarossi ha una frequenza elettromagnetica inferiore a quella della luce...
Casa

Come Verificare La Funzionalità Di Un Diodo

Il diodo è un componente elettronico attivo e semilineare composto da due terminali, che consente il flusso di corrente elettrica in un solo ed unico verso, e che lo blocca completamente nell'altro. A volte può essere utile rendersi conto se il diodo...
Altri Hobby

Come misurare il PH in un acquario

Un acquario grande e ricco di pesci presuppone una grande cura da parte del suo proprietario. Egli dovrà infatti, necessariamente, tenere sotto controllo la temperatura, la limpidezza dell'acqua, il suo livello di acidità/basicità, per far sì che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.