Come fare la manutenzione dei mobili antichi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se siete degli amanti dell'antiquariato, soprattutto dei mobili antichi, sapete bene che nel tempo questi preziosi e cari oggetti possono andare incontro a usura e danneggiamento, pregiudicandone la bellezza. Tuttavia, con un po' d'attenzione e di pazienza, potete mettere in pratica alcuni piccoli accorgimenti che vi aiuteranno a fare rivivere la bellezza del nostro mobile in tutto il suo antico splendore. Vediamo quindi insieme come fare la manutenzione dei mobili antichi.

26

Occorrente

  • Antitarlo
  • pennello
  • siringa
  • cera solida colorata
  • straccio di lana
  • lana d'acciaio finissima
  • olio paglierino
  • trementina
  • cera per mobili
36

Uno dei più temuti nemici dei mobili antichi è il tarlo. I segni della presenza di questo fastidioso ospite sono evidenti: il legno presenta dei piccoli fori con il bordo chiaro e spesso a terra si accumula della segatura. Se non si interviene in tempo, il legno viene progressivamente indebolito nella sua struttura, con il rischio che si rompa. Per eliminare i tarli, procuratevi un pennello ed un buon anti-tarlo e distribuite il prodotto abbondantemente, sia nelle parti interne che in quelle esterne del mobile. Se il mobile presenta delle parti verniciate, è più indicato iniettare direttamente l'anti-tarlo con una siringa dentro i fori. I buchi evidenti possono essere poi tappati con della cera solida colorata.

46

Se desiderate pulire e lucidare un mobile, dovete prima acquistare i prodotti adatti al materiale di finitura. Se la vernice è lucida o traslucida con uno spessore sottile che, se carteggiata, odora di alcool, allora la finitura è a gommalacca. Con il tempo questo materiale perde in brillantezza. Per rivitalizzare la gommalacca, potete stendere della cera per mobili in modica quantità, aspettare che asciughi e passare energicamente uno straccio di lana pulito. Se la finitura è proprio opaca, potete certamente ovviare al problema con della lana d'acciaio finissima. Passatela impregnata con della trementina e olio paglierino e, successivamente, passate la cera per mobili.

Continua la lettura
56

Se, invece, il mobile che desiderate pulire e lucidare presenta una finitura a cera utilizzate uno straccio inumidito appena di trementina. Questo tipo di finitura si riconosce subito, poiché è molto opaca e grassa al tatto. Con questo materiale strofinate energicamente, ma senza applicare eccessiva pressione sugli stessi punti per evitare di schiarire la patina. Un volta che il vostro mobile è pulito, potete semplicemente passare con un pennello o uno straccio la cera per mobili. Infine dovete solo strofinare energicamente con uno straccio di lana per lucidare e togliere la cera in eccesso. Buon lavoro!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se la vernice è lucida o traslucida con uno spessore sottile che, se carteggiata, odora di alcool, allora la finitura è a gommalacca.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come restaurare un mobile con la gomma lacca

Se possediamo un mobile antico e abbiamo il desiderio di rimetterlo a nuovo e di restaurarlo, ripristinandolo in tutte le sue caratteristiche originali, possiamo intervenire utilizzando alcune tecniche di lavorazione e, soprattutto, dei prodotti particolari...
Bricolage

Come realizzare la finitura a cera del legno

Generalmente la cera in pasta viene utilizzata per proteggere e rendere più bello il legno. Per secoli la cera d'api veniva impiegata per le rifiniture, prima che arrivassero le finiture moderne. La finitura a cera rende meravigliose le superfici in...
Bricolage

Come restaurare una cornice in legno

La cornice è l'oggetto di arredo definito "il più mobile dei mobili", poiché è l'oggetto d' arte più soggetto al gusto personale e quindi spostato e riadattato nel tempo, senza alcuno scrupolo, perché grazie alla sua funzione ornamentale è capace...
Casa

Come risanare le rigature sul legno

Quando c'è la necessità di fare dei lavoretti in casa, il più delle volte vi verrebbe da contattare un professionista. Facendo cosi sicuramente otterrete dei ottimi risultati, però sfortunatamente il costo il più delle volte è molto elevato. Perciò...
Casa

Come lucidare i mobili laccati

Se in casa abbiamo dei mobili laccati ed intendiamo rivitalizzarli perché sono diventati opachi, possiamo intervenire in modo adeguato ed usando prodotti appropriati. Si tratta di tecniche di pulizia atte a salvaguardare la patina originale e nel contempo...
Bricolage

Come risanare una cornice in legno

La cornice viene definita un oggetto di arredo più mobile dei mobili, in quanto è quell'oggetto d'arte più soggetto ai gusti personali e perciò spostato e riadattato nel tempo, perché grazie alla sue capacità ornamentale riesce a modificare radicalmente...
Casa

Le principali tecniche per la lucidatura del legno

Il legno è un bellissimo materiale per la costruzione di mobili e accessori. Una casa ammobiliata con mobili di legno dà non solo quella incantevole sensazione di antico, ma conferisce anche uno stile invidiabile. Tuttavia, il legno è un materiale...
Bricolage

Come togliere le bruciature di sigaretta dal legno

Il legno è un materiale naturale che può essere trattato in diversi modi, compresa la finitura. Quest'ultima può avvenire a cera, con vernici sintetiche, a tampone o con smalti. La superficie lignea è comunque soggetta a macchiarsi e soprattutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.