Come fare talee di rosa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il fiore che più di tutti è presente nei giardini e nei balconi, sono certamente le rosse. Esse possono essere di diverso colore, ma tutte con lo stesso profumo caratteristico. Alcune specie vengono coltivate in delle aiuole per creare un contrasto di colore, altre invece sono sfruttate per creare pergolati o in alternativa per decorare o celare spazi come muri o reti perimetrali, sfruttandone la vegetazione e soprattutto l'abbondante fioritura primaverile. Essere a conoscenza della tecnica più appropriata per moltiplicare la rosa è senza dubbio importante per arricchire il proprio giardino di altri esemplari di queste magnifiche piante. Il sistema più semplice per propagare le rose è senz'altro la moltiplicazione per talee. Se siete interessati a questo argomento, non vi resta che continuare a leggere a seguente guida e scoprirete come fare.

26

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • terriccio generico
  • guanti spessi
  • forbici o cesoie
  • vasetti di plastica
  • ormoni radicanti
36

Il periodo migliore per fare le talee di rosa è il mese di novembre, poiché le condizioni climatiche favoriscono l'attecchimento e la conseguente formazione delle radici. Per le talee di rosa è necessario munirsi di guanti da lavoro molto robusti, per evitare che le spine possano ferirvi le mani. Come prima cosa bisogna scegliere la pianta di rosa che desiderate riprodurre. È di fondamentale importanza che si tratti di una pianta robusta e non di una pianta troppo giovane, i cui rami non farebbero al caso vostro perché troppo teneri. Una volta individuata la giusta pianta, procedete tagliando con le forbici da giardino dei rami.

46

È molto importante che le talee vengano tagliate e non strappate con le mani, perché così si evitano traumi alla pianta madre. I rami vanno accorciati con l'ausilio della forbice da giardino e la loro lunghezza deve essere di circa trenta centimetri. Pulite quindi la parte da interrare, eliminando le foglie. Tenete tali rami in un secchio pieno d'acqua per due o tre giorni. Successivamente, prima di interrare le talee di rosa, potete scegliere tra due alternative: usare o meno l'ormone radicante. Se deciderete di utilizzare l'ormone radicante, dovrete togliere il rametto dall'acqua, passare la parte che dovrà essere interrata nell'ormone in polvere e poi inserirlo nella terra.

Continua la lettura
56

Se invece deciderete di procedere senza ormone, basterà semplicemente prelevare il rametto dal secchio pieno d'acqua e interrarlo. Sia nell'una, che nell'altra opzione, le talee di rose devono essere piantate in un vasetto in plastica pieno di terriccio. Una volta piantate le talee, bisogna annaffiarle usando molta delicatezza. Se le talee attecchiranno i risultati saranno già visibili in primavera, quando sul ramo compariranno le gemme, che poi si trasformeranno in tenere foglie. Dopo circa un anno potrete travasare le talee oppure piantarle direttamente nel vostro giardino senza recipiente.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Settembre e ottobre, sono i periodi migliori in cui ci sono le condizioni meteo più indicate, temperature ancora relativamente calde che si alternano alle piogge autunnali.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come moltiplicare i geranei

Se si vuole provare a riempire un giardino o un balcone di colorati gerani, senza necessariamente comprare molte piante, o seminarle e aspettare che crescano ...
Giardinaggio

Come propagare le rose rampicanti

In questa guida, pratica e veloce, che abbiamo deciso di proporre a tutti i nostri cari lettori che amano le piante, ed in particolar modo ...
Giardinaggio

Come Preparare una talea di legno tenero

Le piante sono esseri viventi e in quanto tali si riproducono. Come ben sappiamo la riproduzione può avvenire per via sessuale o vegetativa. Nella prima ...
Giardinaggio

Come Moltiplicare Le Surfinie

Le Surfinie sono piante del genere Petunia originarie del Brasile, ed appartengono alla famiglia delle Solanacee: contribuiscono a rendere particolarmente colorati i balconi da Marzo ...
Giardinaggio

Come prelevare talee di legno duro

Se siamo degli amanti del giardinaggio e ci piacerebbe riuscire a curare alla perfezione tutte le nostre piante, ma non abbiamo mai avuto modo di ...
Giardinaggio

Come moltiplicare le rose

I principali metodi di riproduzione agamica delle rose sono la talea, l’ innesto e la margotta.
La margotta richiede un intervento particolare e di una ...
Giardinaggio

Come preparare le talee legnose

La talea è un particolare metodo di riproduzione delle piante, in quanto, sono dotate di ottime capacità riproduttive. Questo metodo comporta l’utilizzo di un ...
Giardinaggio

Come moltiplicare la clematide per talea

Riempire la propria casa di piante è il modo migliore per abbellire la propria abitazione e renderla ancora più calde ed accogliente. Esistono una moltitudine ...
Giardinaggio

Come coltivare gli agrumi

Gli agrumi sono delle piante rustiche e non tollerano il clima freddo, umido e spesso nevoso delle Regioni settentrionali: essi crescono perfettamente all'aperto, nelle ...
Giardinaggio

Come ottenere talee di sedum

Sedum L., 1753 è un genere di piante succulente e "xerofile" che comprende circa 600 varietà di specie. Appartengono alla famiglia delle Crassulaceae e sono ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.