Come fare un costume da gentiluomo del Settecento

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se siete invitati ad un party in costume ed intendete presentarvi con un look particolare come ad esempio del settecento, potete realizzare un abito da gentiluomo che sicuramente susciterà attenzione ed apprezzamento. A tale proposito, ecco una guida su come fare questo originale e raffinato costume.

25

Occorrente

  • panciotto
  • tessuto di raso, velluto o damasco
  • foulard di pizzo
  • Forbici, ago e filo e macchina da cucire
35

Indossare un pantalone aderente

Se desiderate riprodurre un tipico costume settecentesco maschile, all'epoca indossato durante i banchetti, le feste, nei "caffé", ecco come fare. Il primo, immancabile indumento da indossare è il panta, un vero e proprio pantalone aderente, a quei tempi di grande moda per gli uomini, che dona al corpo maschile un aspetto strutturato e scultoreo. La mascolinità è data dagli accessori e decorazioni sugli abiti, sfoggiati come trofei, che ricordano molto anche l'epoca delle guerre e dei nemici sconfitti.

45

Procurarsi un panciotto

Un must della moda maschile settecentesca è il panciotto. Si tratta di uno spolverino abbastanza lungo, leggermente ampio alla base. Il tessuto di questo capo di abbigliamento, particolarmente elegante e di grande valore, è il raso per la stagione estiva, e il velluto per la stagione invernale. Il colletto ritto e allungato, svolgeva l'importante funzione di proteggere il collo, ma era anche simbolo di prestigio ed autorità, esaltando la figura di chi lo indossava. Si trattava di una vera opera d'arte, decorato con ricami di filo dorato o argentato. All'interno del panciotto è importante la presenza di un foulard di pizzo bianco, annodato a ventaglio che fa da "bavaglino" sul petto. Tipico di questo abito è la presenza di maniche di pizzo che fuoriescono dai polsi del panciotto fino a coprire la metà delle mani, seguendo lo stesso disegno del bavaglio. Procurarvi un panciotto tra l'altro non dovrebbe essere difficile, visto che ancora oggi viene proposto insieme ad un vestito classico e di in caso contrario ne potete creare uno ricavandolo da una camicia di stoffa scura ed abbastanza spessa, eliminandoci le maniche.

Continua la lettura
55

Realizzare un mantello

Nel settecento su vestiti da gentiluomo era molto in voga l'uso di un mantello ampio e senza maniche, annodato con un colletto impreziosito di merletti d'oro e d'argento, ed in genere il colore doveva essere simile al resto dei capi di abbigliamento sin qui descritti. Realizzare un mantello non è difficile: infatti, dopo aver acquistato la stoffa in un negozio specializzato, basta tagliarla a forma di mantello e poi ribordarla. Infine, per le gambe potete usare dei stivali di cuoio, con delle falde di pelle che nel settecento arrivavano fino ai polpacci e, a volte anche a metà della coscia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come realizzare un costume da Hobbit per Carnevale

Creare un costume Hobbit per Carnevale è molto semplice. Ha descritto per primo, l'abbigliamento di questi personaggi, il creatore del loro mondo, J. R. R. Tolkien: "Gli hobbit si vestono con calzoni di velluto verde, panciotto rosso o giallo, giacchetta...
Cucito

Come fare un costume da aristocratico del '600

Il XVII secolo, tra seicento e settecento è stato un secolo in cui sono accaduti molti avvenimenti storici, tra cui la rivoluzione scientifica, la nascita del Barocco e del Manierismo, la nascita dell'Accademia, la Guerra Civile Inglese e la Guerra dei...
Cucito

Come realizzare un costume da Dracula

I vampiri non sono personaggi molto allegri ma non passano mai di moda! Quindi, ai festeggiamenti del prossimo Carnevale, probabilmente ne spunterà qualcuno. Vi è venuta l'idea di mascherarvi impersonando il terribile e famoso conte Dracula? Non sarà...
Cucito

Come realizzare un costume tirolese

Realizzare un costume tipico tirolese rappresenta, sicuramente, un'impresa di indubbia difficoltà. È un compito difficile da portare ad esecuzione, anche se è realizzabile da chiunque si diletti nell'arte del taglio e del cucito, utilizzando come base...
Cucito

Come Realizzare Un Mantello Per Un Costume Di Carnevale

Se avete in previsione di partecipare a una festa in maschera o quest'anno per carnevale avete intenzione di indossare un costume che preveda l'utilizzo di un mantello, che si tratti di una dama, un vampiro, un pirata o il principe azzurro, sappiate che...
Cucito

Come fare a casa un costume ottocentesco

Il look ottocentesco suscita ancora tantissimo fascino tra gli appassionati di sartoria. Creare abiti tipici di quest'epoca è possibile, ma si pensa che siano necessarie enormi competenze in materia. Nonostante sia generalmente vero, possiamo comunque...
Cucito

Come confezionare un abito da vampiro

Da alcuni anni anche da noi, in Italia, si festeggia Halloween. Questa festa è di origine anglosassone e rappresenta il saluto all'inverno imminente. Per questa festa tutto è ispirato al mondo dei morti e si è soliti travestirsi con abiti spettrali...
Cucito

Come fare un costume da principe

Quando arriva il giorno di carnevale oppure si deve partecipare ad un ballo in maschera è indispensabile avere un costume che possa stupire gli amici e che allo stesso tempo dà la possibilità di risparmiare sia tempo che denaro. In questo caso bisogna...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.