Come fare un detersivo monodose

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se in casa all'improvviso ci accorgiamo di essere rimasti senza detersivo, possiamo rimediare creandone uno monodose. Si tratta infatti, di riciclare alcuni prodotti che abbiamo, e miscelarli adeguatamente tra loro, per farne uno efficiente ed in grado di risolvere nell'immediato il problema. Nei passi successivi di questa guida, vediamo dunque nel dettaglio come procedere per questa importante performance.

26

Occorrente

  • Sapone neutro
  • Detersivo per piatti
  • Soda caustica
  • Amido
  • Acqua ossigenata
  • Bicarbonato di sodio
  • Limone o aceto
36

Recuperare l'occorrente

Rovistando nel ripostiglio dei saponi, e in quello dei cosmetici o dei medicinali, possiamo dunque trovare ciò che è necessario per realizzare il nostro detersivo d'emergenza. Nello specifico abbiamo bisogno di un prodotto a base di sapone, quindi va bene anche quello neutro per il viso, oppure in alternativa il liquido per lavare i piatti. Nel reparto dei cosmetici o dei medicinali possiamo invece prendere dell'acqua ossigenata, che tra l'altro ha un notevole potere sbiancante. Infine, per ottimizzare il risultato, occorre adottare una tecnica di lavorazione che si sviluppa in tre fasi.

46

Preparare il detersivo monodose

La prima cosa da fare è mettere sul fuoco una pentola con all'interno dell'acqua, e poi con un coltello tagliamo un buon quantitativo di scaglie di sapone neutro, oppure versiamo una mezza tazzina da caffè di detersivo dei piatti, cercando di non eccedere per evitare che si generi troppa schiuma. Non appena comincia la fase di bollitura, mescoliamo con un cucchiaio di legno, in modo che il detersivo si sciolga del tutto. A questo punto, ci occorre qualcosa che tendi a renderlo più solido, quindi se abbiamo la soda caustica, magari utilizzata la settimana precedente per sturare il lavabo, la possiamo aggiungere al liquido. In alternativa, l'amido (anche per dolci) può essere valido per ottenere un buon aggregante. Risolto anche questo passaggio, otteniamo dunque un detersivo che ci consente di pulire e sgrassare (a mano) gli indumenti, e volendo possiamo anche aggiungere alcune gocce di aceto o limone come disinfettante.

Continua la lettura
56

Impiegare uno sbiancante

Il terzo ed ultimo passaggio prevede l'uso di uno sbiancante e come già accennato l'acqua ossigenata è ideale, poiché agisce sulle fibre senza scolorirle, specie se la inseriamo nel composto in precedenza preparato, insieme a del bicarbonato di sodio. Quest'ultimo, completa di fatto l'azione detergente con un naturale e lieve effetto abrasivo, in grado quindi di tirare fuori anche le macchie più ostili. Se dunque l'esperimento è stato eseguito alla perfezione, e i risultati sono eccellenti, allora quando abbiamo meno fretta, in modo semplice, possiamo anche prepararne almeno un litro ed utilizzarlo ogni giorno, consapevoli che si tratta di un prodotto altamente ecologico oltre che a costo zero.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare una scatola porta tisane in legno

È sempre bello, quando si è in casa, abbandonarsi al sapore di una calda tisana. Peccato però che, nella maggior parte dei casi, le bustine monodose di infuso siano mescolate tra loro o disposte in modo disordinato. Per mettere ordine alla nostra dispensa...
Casa

Come disinfettare il bucato in lavatrice

A volte, il semplice lavaggio del bucato con il detersivo non risulta essere sufficiente. Appare infatti necessario procedere a disinfettare lo stesso. Esistono molteplici metodi per effettuare la disinfezione del bucato, alcuni naturali e altri sintetici....
Casa

10 idee per organizzare l’armadietto dei medicinali

La casa è organizzata grazie all'ausilio di vari mobili destinati ognuno ad una sua funzione specifica. Gli armadi per contenere i vestiti, le scarpiere per stivali e scarpe, le dispense per i generi alimentari e per le stoviglie, le librerie per i libri...
Bricolage

10 trucchi per sbiancare le scarpe da ginnastica

Le scarpe da ginnastica, soprattutto a causa dell'uso che se ne fa, si sporcano rapidamente. Inoltre, soprattutto se si tratta di scarpe di colore chiaro, è facile che si ingialliscano a causa dell'azione del sole, della polvere o di altri agenti. In...
Casa

Come rinnovare le fughe scure dei pavimenti

Elemento fondamentale per dei buoni pavimenti, sia dal punto di vista estetico che complessivo, è la fuga e il sistema di realizzazione, le sue dimensioni, il materiale utilizzato e la sua posa in opera. Ma come mantenere le fughe sempre in ottimo stato?...
Bricolage

Come trasformare i flaconcini dei medicinali in porta spezie

Com'è bello riciclare gli oggetti! Ass="sub">Chi ama il riciclo creativo e decide di riadattare oggetti ed oggettini vari che sembrano inutili in qualcosa che può servire in casa, sa bene che conservare anche le cianfrusaglie più curiose, assurde ed...
Bricolage

Come realizzare un mobile per lavabo

In questa guida andrete a vedere come realizzare un mobile per lavabo. Il mobile per lavabo in questione può rivelarsi un'ottima dispensa per tutto. Partendo dai vostri cosmetici fino ad arrivare a tutti i vostri medicinali. Questi potrete benissimo...
Giardinaggio

Come coltivare le erbe aromatiche

Sono dette "erbe aromatiche" quelle piante ricche di profumo e di aroma, che comunemente usiamo in cucina per dare più sapore ai nostri cibi o alle nostre bevande, come l'origano, la salvia, il rosmarino, il cerfoglio, l'alloro, il basilico, ecc. Queste...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.