Come Fare Un Mazzo Di Ortensie Origami

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L' arte dell'origami è antichissima e permette di ottenere dei manufatti davvero belli e raffinati specie se ben eseguiti. Gli origami sono delle piccole sculture realizzate con la carta, piegata in modo da ottenere delle figure. Per eseguire questo tipo di lavoro ci vuole molta pratica e pazienza, ma tuttavia non è affatto difficile. A tale proposito, ecco una guida in cui ti spieghiamo come fare un mazzo di ortensie proprio con la tecnica degli origami.

25

Occorrente

  • Carta da origami e velina
  • Nastro verde da fiorai
  • Spilli con capocchia a palla
  • Sfere in polistirolo
  • Bastoncini di legno
35

Per prima cosa, stendi la carta origami di color violetta o rosa sul tavolo, fissandola poi ai quattro lati con del nastro adesivo e tirandola bene, in modo che non formi delle antiestetiche pieghe. Partendo dall'alto, con una riga e una matita disegna adesso un reticolo che abbia ogni quadretto di 4 cm di lato. Questi saranno i petali delle ortensie, per cui tagliali tutti e comincia poi a fissare ognuno di essi su una metà della sfera di polistirolo, infilandoli con uno spillo.

45

Gli spilli dovrebbero avere la classica copertura di plastica che in questo caso devi scegliere di colore giallo, così da dare l'illusione che sia il cento del fiore. Adesso riempi bene tutta la superficie della mezza sfera di polistirolo. Per dare un effetto di pienezza, sovrapponi qualche fiore a un altro vicino. Seguendo lo stesso procedimento, realizza altre cinque sfere. A questo punto infila in ognuna di esse un bastoncino di legno, che andrai a fissare a sua volta in un' unica sfera di polistirolo. Rendi più solida la struttura di base rivestendo la pallina di polistirolo con del filo di ferro verde. Ora devi preparare lo stelo della pianta di ortensie. Procurati quindi un bastoncino di legno naturale, adatto alle dimensioni dei fiori realizzati. Rivestilo poi completamente usando del nastro adesivo verde e della colla vinilica. Inseriscilo alla fine nella pallina centrale, e rifinisci il punto di innesto con dell' altro filo di ferro. A questo punto la tua ortensia sarà pronta per essere esposta in bell'evidenza nella tua casa.

Continua la lettura
55

A margine di questa guida, sicuramente ciò che ti appariva impossibile, lo hai realizzato seguendo i consigli da noi forniti, per cui avendo capito come usare la tecnica degli origami, tanto cara alle famiglie giapponesi, potrai adesso sbizzarriti trovando in casa tanti piccoli oggetti da riciclare che insieme alla carta, elemento indispensabile per ottenere queste creazioni, potrai sbizzarrirti a realizzare tanti altri fiori con gli origami e molto simili a quelli che madre natura ci regala.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come fare un cuore di fiori con l'origami

L'origami è una antica arte nata in Giappone secoli fa, significa piegare la carta. Con gli origami si possono creare dei bellissimi oggetti che possono avere svariate funzioni. Potrete fare dei segnalibri e dei segnaposto personalizzati, oppure potrete...
Giardinaggio

Come curare le ortensie

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire ed imparare come poter curare le ortensie, nel modo migliore affinché possano essere ben fiorite e ricchi di colore. Le ortensie sono delle piante uniche e speciali, che possono essere...
Giardinaggio

Come dare colore alle ortensie

Tutti coloro che si appassionano al giardinaggio e vantano un pollice più o meno verde conoscono le ortensie. Queste piante, infatti, hanno un alto numero di estimatori fra chi vuole abbellire il giardino o il balcone. All'origine dell'apprezzamento...
Bricolage

10 idee per ghirlande primaverili

Sicuramente la primavera è la stagione che più ricorda il risveglio della natura. Ormai il gelo dell'inverno e le decorazione del Natale sono un ricordo lontano. Come dare dunque il benvenuto alla nuova stagione nel modo migliore? La risposta si trova...
Giardinaggio

Come mettere a dimora le ortensie

Il pollice verde è un attitudine che si rende necessaria soprattutto nel mettere a dimora piante molto particolari, che richiedono una conoscenza approfondita del giardinaggio, come le ortensie.Sono delle piante ornamentali molto apprezzate e indicate...
Giardinaggio

5 consigli per essiccare le ortensie

È insolita l'idea di essiccare fiori a scopo decorativo. Spesso si conservano i petali di una rosa all'interno di un libro, per ricordare il dolce momento in cui è stata donata. Oppure qualcuno secca fiori profumati per farne dei potpourri, aggiungendo...
Giardinaggio

Come potare le ortensie in vaso

Prendersi cura di fiori e piante è una passione - ed un passatempo - che richiede conoscenza. Ogni creatura della flora, infatti, ha le proprie caratteristiche peculiari. Perciò non basta apprezzare la pianta. È indispensabile conoscerne i bisogni....
Giardinaggio

Come essiccare le ortensie

Le ortensie sono tra i fiori più amati e presenti nei nostri giardini e balconi. Se desideriamo essiccarle per creare un grazioso elemento d'arredo per la nostra casa il procedimento non è difficile. Una volta essiccate, le ortensie potranno essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.