Come fare un semenzaio in casa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Fare un semenzaio in casa è operazione semplice e può rivelarsi oltre che utile, di grande soddisfazione. Il semenzaio altro non è che un un contenitore idoneo alla germogliazione dei semi e alla prima fase di crescita delle piantine. Vediamo come realizzarne uno casalingo che adempia a queste funzioni.

26

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • contenitore in plastica o in polistirolo
  • mix di torba e sabbia
  • semi
  • nebulizzatore
  • ambiente luminoso e umido
36

Per prima cosa ci occorrerà un contenitore rettangolare non eccessivamente profondo (10/15 centimetri possono andare bene) costituito da materiale impermeabile come plastica o polistirolo e senza aperture o spiragli sui bordi; possiamo reperirlo in pescheria (si usano scatole di polistirolo per trasportare e conservare il pesce) lavandolo adeguatamente prima dell'uso, ma anche, come è ovvio, da fiorai o vivaisti. La prima operazione manuale da compiere consiste nel praticare una serie di fori di qualche millimetro di diametro (larghi quanto una cannuccia per bere), distribuiti omogeneamente, sul fondo; non troppo vicini per non indebolire la base. Serviranno a drenare l'acqua in eccesso degli innaffiamenti e a far respirare il terriccio.

46

Procediamo ora con la preparazione del composto che andrà a riempire il semenzaio e ad ospitare i semi; ricordiamoci di utilizzare guanti di gomma non ingombranti (anche quelli da cucina si prestano) e di disporre dei fogli di giornale a copertura dell'area di lavoro, per evitare di dover raccogliere, terminata l'operazione, terra per casa.
In un secchio di misura media versiamo, in parti uguali, la torba fine e la sabbia che avremo preventivamente acquistato (si trovano anche nei grandi magazzini del fai da te, piuttosto che nei vivai botanici), lavoriamo il composto con le mani fino a renderlo soffice e amalgamato; leggerezza e uniformità consentiranno alle tenere radici dei futuri germogli di espandersi con facilità. Distribuiamo sul fondo del contenitore l'amalgama a strati, premendola leggermente con il palmo della mano a più riprese, per compattarla.

Continua la lettura
56

Terminato il lavoro di riempimento, adagiamo il contenitore su una base leggermente più larga dello stesso; servirà per la raccolta dell'acqua e dei residui che filtreranno dai buchi del fondo. Possiamo adoperare allo scopo, un vecchio vassoio per bicchieri che non usiamo più o una bacinella. Nebulizziamo acqua con un vaporizzatore sulla superficie del substrato fino a renderlo umido e quasi fangoso, adatto all'alloggiamento dei semi, per il quale dovremo procedere in modi differenti, a seconda della dimensione e tipologia degli stessi.

66

Se il seme è di media grandezza, compresa tra un chicco di riso e un piccolo fagiolo, possiamo interrarlo singolarmente, a 1 o 2 centimetri di profondità, avendo cura di ricoprire il buco creato; i semi più piccoli dovremo invece, spargerli sulla superficie, badando a distribuirli uniformemente, per poi coprirli con un leggero strato di torba, oppure, a seconda del tipo di pianta, ricavare dei fori nel terriccio e riempirli ognuno con 4 o 5 semi. Chi ve li ha venduti è sicuramente in grado di suggerirvi quale tipo di semina adottare. Ricoverata la semenza, non resta che dare un'ultima leggera vaporizzata d'acqua e scegliere un posto della casa che sia luminoso, caldo e umido; ripetiamo giornalmente l'operazione per mantenere l'umidità del semenzaio costante fino alla fuoriuscita prima e all'irrobustimento poi, delle piantine.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come preparare un semenzaio

Con la parola semenzaio si intende uno spazio adibito alla germinazione dei semi e alla realizzazione delle piante da interrare. Esso si può predisporre in ...
Giardinaggio

Come seminare e preparare i semi delle piante

Le piante rappresentano gli oggetti di arredamento più raffinati ed eleganti che esistano. Esse infatti non solo conferiscono all'ambiente vivacità e colore, ma sono ...
Giardinaggio

Come realizzare un semenzaio

Uno degli hobby che molte persone amanti del giardinaggio preferiscono, è la piccola agricoltura, intendendo con questo termine, un tipo di attività agricola che si ...
Giardinaggio

Come fare un semenzaio

Il semenzaio è uno strumento molto utile per praticare il giardinaggio e l'orticoltura. Si tratta in sostanza di creare dei contenitori atti a conservare ...
Bricolage

Come Creare Un Semenzaio Casalingo Con Un Portauova

In questa guida andremo a spiegare brevemente come andare ad utilizzare dei comunissimi contenitori portauova, quelli solitamente fatti di cartone, come dei vasetti da utilizzare ...
Giardinaggio

Come coltivare i porri

Oggi vogliamo proporvi una guida che spieghi passo per passo come coltivare i porri. Il porro è una pianta erbacea della famiglia delle Amaryllidaceae. È ...
Giardinaggio

Come creare un germogliatoio decorativo in un uovo

In cucina utilizziamo le uova in moltissime preparazioni, dalle frittate ai dolci, sode o all'occhio di bue.
Il guscio finisce nel bidone dell'umido ...
Giardinaggio

Come coltivare i broccoli

Con il nome di "broccoli" si identifica una particolare varietà di cavolfiore riconducibile alla grande famiglia delle brassicacee. Dotate di infiorescenze commestibili e foglie edule ...
Giardinaggio

Come coltivare e piantare l'origano

Tra le tante erbe che si possono coltivare sia in casa che in giardino, ce ne sono molte che vanno per la maggiore. Tra queste ...
Giardinaggio

Come far germogliare i semi di lupino

I semi di lupino ovvero quelli ricavai dall’omonima pianta, oltre che commestibili si prestano anche per alcune particolari elaborazioni in erboristeria, e quindi usati ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.