17

Come fare un tappeto con vecchi asciugamani

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Se si dispongono pile di vecchi asciugamani che sono stati utilizzati per anni e anni, in alcune aree possono essere più usurati rispetto ad altri, prima di gettarli controllate le parti più nuove del telo che si può ancora riutilizzare in parecchi modi, colorati o in tinta unita, di spugna, di cotone, macchiati, oltre ad essere ottimi panni per la pulizia, in cucina, come appoggia pentole sul tavolo per spolverare, lavare i pavimenti, la macchina, sono utilissimi per qualsiasi faccenda. Diamo ora dunque inizio a questa guida su come fare un tappeto con vecchi asciugamani.

27

Occorrente

  • Vecchi asciugamani
  • Forbici
  • Rete quadrettata per il fondo
  • Metro
37

Usando fantasia e tempo si pensa come riciclarli con pochissimi euro, si realizzano dei bellissimi tappeti per la casa, usandoli nel bagno, stanze da letto, davanti al portone, nel cortile, i tappetini sono sempre usati per le nostre esigenze, con della rete e forbici si crea degli arazzi unici, di lunghezza, larghezza, con diverse forme.. Il lavoro è abbastanza lungo da terminare, potete farlo nei ritagli di tempo, guardando la televisione oppure seduti in giardino prendendo il sole. Con questa guida vediamo come fare un tappeto con vecchi asciugamani.

47

Dando una seconda vita agli asciugamani che sono destinati per la pattumiera, si creano degli zerbini accoglienti, unici e originali, l’uso non è limitato e va utilizzato, dove occorre, in qualsiasi bagno fornirà un assorbente per l’acqua, per le camere per un comodo e morbido appoggia piedi, davanti al lavandino, la doccia oppure di fronte vostra poltrona preferita, un tappeto per un cucciolo.

Continua la lettura
57

Potete creare dei disegni, a scacchi, intrecciato, un cerchio nel centro, con il bordo di un colore diverso. Acquistate in ferramenta oppure in merceria della rete con quadrati di due centimetri per il fondo di misura desiderata. Tagliate le tovaglie a strisce di dieci centimetri di altezza e di due di ampiezza adeguata alla misura, se sono di colori diversi, abbinate le tinte. Le parti vanno inserite uno per volta, piegate una fettuccia a metà e iniziate a inserire la fascia in ogni quadrato decorando prima i bordi, tirate la prima banda di stoffa e fissate con doppio nodo.

67

Lavorate tutti i contorni completate prima di passare a quella successiva. Legate le fasce sulle linee verticali di una tonalità e le orizzontali di un’altra finché tutti i quadrati sono terminati. Adesso il tappeto è finito, con diversi colori e pronto da utilizzare, da regalare che sono molto graditi. Siamo giunti al termine di questa guida.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Abbinate i colori iniziando dai bordi
17

Come realizzare un tappeto con ritagli di stoffe

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Nelle case di ognuno di noi sicuramente esistono dei ritagli di vecchie tende, tovaglie o delle stoffe che si sono tenute da parte per creare qualcosa ma che sono rimaste nel fondo del cassetto senza essere state ancora utilizzate. È proprio per questo motivo che nella guida che seguirà, spiegherò come realizzare un tappeto con ritagli di stoffe ed ottenere così un nuovo oggetto pratico, utile e soprattutto originale.

27

Occorrente

  • Retina antiscivolo per tappeti
  • ritagli di stoffe
  • forbice
  • ago
  • filo di cotone
37

Lo scendiletto

Uno, tra i tappeti più semplici e versatili da fare con ritagli di stoffe è rappresentato dallo scendiletto, ancora molto usato in ogni casa e soprattutto comodo quando si scende dal letto. Prima di procedere all'acquisto sarà bene prendere le misure del tappeto che andrete a realizzare. Abbiate l'accortezza poi di usare ritagli di stoffa simili per struttura. Usate una forbice per tagliare la stoffa a strisce, lunghe 15 cm e larghe 2-3 cm. Cercate naturalmente di essere i più lineari possibili in modo da ottenere un risultato eccellente. Per lavorare meglio sistemate la rete in verticale e cominciate a infilare le strisce di stoffa nei quadratini, legandoli con 2 nodi, in modo che siano stabili.

47

Tappeto per bagno

Se invece volete un tappeto assorbente, tipo quello per il bagno o per la cucina, allora usate dei vecchi asciugamani o anche teloni da spiaggia tagliati allo stesso modo; basterà guradare un po' per casa.
Le stoffe, oltre che legate, possono essere anche intrecciate. Partite da questa idea per creare un tappeto molto originale e versatile, adattabile ad ambienti diversi. Per realizzarlo il consiglio è di usare una vecchia tovaglia (meglio se sono quelle grandi, per tavoli da 12 persone) oppure vecchie lenzuola matrimoniali in cotone. Anche in questo caso tagliate con una forbice le strisce per tutta la lunghezza e, quando avrete finito, cominciate a cucire le strisce tre per volta.

Continua la lettura
57

Trecce di stoffa

Dopo averle intrecciate tutte fissatele su una base a sua volta di stoffa, meglio se semirigida, e tenetela ferma con una leggera imbastitura. Per facilitare questo passaggio basterà aiutarvi con delle mollette.
Le trecce di stoffa dovrete sistemarle in modo circolare, a spirale o a ellisse, in modo che il vostro tappeto abbia un disegno regolare ed esteticamente gradevole. Se non volete cucire il tappeto sulla base potete usare la colla. In questo caso vi consiglio di acquistare quella specifica per tessuti, in grado di resistere ai lavaggi. Quando avrete finito sarete felici di vedere un tappetto fatto con le vostre mani, unico e inimitabile.

67

Guarda il video

17

Come realizzare un tappeto con materiale di riciclo

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

La tendenza al riciclo sta prendendo sempre più piede negli ultimi anni in cui si mette al primo posto il rispetto per l'ambiente. Molte persone abili ed originali hanno fatto del riciclo una vera e propria arte, sfruttando l'ingegno, la creatività e vari materiali di recupero. In questo modo viene data una nuova vita ad oggetti ormai inutilizzati creando oggetti di ogni tipo e genere. Ecco che le catene delle biciclette si trasformano in lampadari; tappi di bottiglia, monili e abiti dismessi diventano borse ed accessori moderni. Seguendo lo stesso principio possiamo dar vita a dei tappeti di varie dimensioni e materiali (cotone, lana e fibre sintetiche). Vediamo insieme seguendo gli utili consigli di questa guida come realizzare un tappeto con materiale di riciclo.

27

Occorrente

  • Vecchie coperte
  • Teli
  • Magliette ed indumenti dismessi
  • Filati e fettucce
  • Ago e filo
  • Creatività e manualità
37

Utilizzare fettucce o scarti di stoffa

Le tecniche "Handmade", artigianali, per creare dei tappeti con del materiale di riciclo sono tante e varie. Basterà utilizzare fettucce, scarti di stoffa, vecchi abiti ed altro. Uno dei tanti metodi di realizzazione di tappeti consiste nell'intreccio di filati e fettucce colorate di stoffa riciclati. Si tratta semplicemente di lavorare insieme diversi materiali di recupero per creare un complemento d'arredo utile e adatto ad ogni ambiente della casa. La tecnica attraverso la quale vengono assemblati diversi scarti di stoffa si chiama "patchwork". In passato, e tutt'oggi nei paesi più poveri, questa tecnica viene utilizzata per necessità ed è diventata di gran moda.

47

Intrecciare la stoffa

Procuriamoci delle magliette che non indossiamo più e tagliamole in strisce di varia larghezza. Con queste poi realizziamo delle trecce di varie dimensioni. Queste trecce di stoffa cucite insieme, in lunghezza o larghezza, formeranno un tappeto con materiale di riciclo. Con dei tessuti pesanti come la lana possiamo creare dei caldi tappeti invernali, perfetti da usare come scendiletto in lana intrecciata. Non occorrono particolari dati, visto che bisognerà semplicemente intrecciare la stoffa proprio come si fa con i capelli. Oltre ad intrecciare bisogna fare delle cuciture lineari semplici oppure a zig zag, affinché i vari pezzi di stoffa rimangano fermi. Procedendo allo stesso modo possiamo comporre delle piccole tessere di qualsiasi forma geometria da assemblare poi insieme con ago e filo.

Continua la lettura
57

Arricchire il tappetto con delle decorazioni

Il materiale di riciclo troverà ampio spazio anche per realizzare un colorato tappeto per il gioco dei bambini. In questo caso possiamo scegliere stoffe di diverso colore e tipologia, proveniente da coperte o teli. Per rendere il tappeto più comodo potremmo cucire sul retro del cotone e sul fronte la lana. Inoltre è possibile arricchirlo con delle decorazioni come funghi, fiori o altro ancora. Si consiglia di inserire un'imbottitura tra i due teli e di realizzare delle cuciture molto fitte e resistenti ad esempio a forma di rombo, quadrato oppure altre forme. In questo modo creeremo un effetto trapuntato che terrà ferma la lana sintetica all'interno. Nelle nostre soffitte e cantine troveremo sicuramente vecchie coperte e copriletto non utilizziamo più.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Pianificate il lavoro iniziando dai materiali a disposizione, decidendo le dimensioni e il tipo di lavorazione da effettuare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
16

Come fare un tappeto con trecce di stoffa

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

Possedete un anonimo appartamento e cercate un modo per renderlo un po' più personale? Un tappeto è senza dubbio un ottimo accessorio per rendere il vostro appartamento molto più confortevole. Non bisogna spendere somme eccessive per avere un tappeto persiano, oppure di alto design, poiché potrete realizzarne uno semplicemente con degli avanzi di stoffa che avete in casa, oppure che potrete recuperare da un tappezziere. In particolare, nella presente guida, vi spiegherò come fare un tappeto con trecce di stoffa. Potrete riutilizzare questa idea per creare delle tovagliette oppure dei sottopentola, ovviamente con dimensioni ridotte. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • stralci di stoffa
  • ago e filo
36

Come prima cosa, recuperate tutti gli stralci di stoffa che riuscite a trovare, possibilmente di diversi colori e fantasie. Il risultato sarà di gran lunga migliore. Fatto ciò, tagliate la stoffa in tante strisce di uguale larghezza (1,5 centimentro circa). Fate molta attenzione durante questa operazione, poiché la lunghezza deve essere differente per i vari pezzi di tessuto: questa può variare dai 20 ai 70 centimetri. In seguito, cucite insieme gli stralci di stoffa, ottenendo tre pezzi lunghi circa 6 metri e larghi 1,5 centimetri, dopodiché unite le tre strisce ottenute cucendole nel senso della lunghezza e rivoltatele in modo che le cuciture vengano nascoste.

46

Se possedete una macchina da cucire, il lavoro diventerà molto più rapido e meno faticoso, ma se non doveste averla non preoccupatevi, impiegherete più tempo a finire, ma il risultato sarà ugualmente meraviglioso. Ricordate che potrete utilizzare anche tessuti diversi, come cotone, seta, lino e così via. Più saranno diverse le stoffe che utilizzerete, più il risultato sarà fantasioso e originale. Successivamente, procuratevi tre lunghi tubi dei colori che preferite, quindi prendete le tre strisce ottenute e fissatele in cima. Cominciate a creare una treccia a tre capi, stando attenti a creare una treccia compatta e regolare: vi basterà stringere bene le strisce di tessuto ad ogni intreccio.

Continua la lettura
56

A questo punto, per formare la treccia, utilizzate tre strisce o gruppi dello stesso materiale e della stessa misura. Per facilitare il lavoro, potrete legare i tre capi ad un gancio, in modo che le mani siano libere di lavorare e tirare uniformemente il tessuto. Terminata la treccia chiudetela all'estremità, sigillandola per bene. Adesso siete pronti per creare il vostro tappeto. Avvolgete la treccia su sè stessa e cucitela a spirale, dopodiché continuate fino a che il tappeto non avrà raggiunto la misura desiderata. Buon lavoro!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.