Come gettare il calcestruzzo premiscelato in modo corretto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando si parla di calcestruzzo, la memoria si ricollega immediatamente al calcestruzzo romano. Questa tecnica costruttiva antica utilizzava malta e pietre, per realizzare delle strutture murarie molto resistenti alla compressione. Oggi, il termine più utilizzato in Italia è ancora calcestruzzo, ma la denominazione più giusta è conglomerato di cemento. Se siamo amanti del fai-da-te e vogliamo fare dei piccoli lavoretti artigianali, dovremmo imparare ad utilizzare questo materiale. Vediamo allora come gettare il calcestruzzo premiscelato in modo corretto.

27

Occorrente

  • Calcestruzzo premiscelato fresco
  • Pala
  • Staggia
  • Badile
  • Frattazzo
  • Scopa a setole dure
37

L'operazione di posa

L'operazione di posa del calcestruzzo, viene detto "getto". Tale operazione deve essere eseguita subito dopo la confezione e sempre prima che abbia inizio la presa del cemento. Per cominciare a compiere questa operazione, dovremmo gettare l'impasto nelle apposite casseforme, per realizzare le strutture indicate nei disegni esecutivi. Il sistema più semplice è quello di disporre di una gru a braccio, con un benna che può scaricare il calcestruzzo direttamente nel punto stabilito. Quindi, trasportiamo il calcestruzzo all'estremità più lontana della cassaforma e versiamolo a strati intervallando la colata con la compattazione.

47

Eseguire il getto

Ricordiamo di eseguire questo getto sempre a strati orizzontali, di spessore variabile a seconda della dimensione massima degli inerti e del mezzo che stiamo utilizzando.

Durante il getto, bisognerà evitare di aggiungere acqua nel calcestruzzo, mentre sarebbe opportuno bagnare le casseforme se sono realizzate con tavole di legno. Successivamente, riempiamo ogni eventuale avvallamento con badilate di calcestruzzo fresco e ripassate con la staggia per livellare la superficie. Una volta passata tutta la fascia con la staggia, ritorniamo indietro, muovendola continuamente a zig zag.

Continua la lettura
57

Operazione di finitura

Fatto ciò, potremmo passare all'operazione di finitura. Per ottenere una superficie liscia, potremmo utilizzare un frattazzo, ossia un piccolo arnese costituito da una sottile tavoletta di legno con manico. Per la finitura, dovremmo passare sul calcestruzzo fresco il dorso di un badile, in maniera tale da formare dei disegni a spirale. Se vogliamo ottenere una finitura antisdrucciolevole e più regolare, passiamo leggermente la superficie della gettata con una scopa dura, in modo da rendere la superficie leggermente increspata. Infine, recintiamo la zona intorno al calcestruzzo e lasciamo così asciugare il cemento.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se il calcestruzzo è assestato a mano, lo spessore non sarà maggiore di 15 cm; se il costipamento è effettuato con vibratori, lo strato può anche essere di 40-50 cm.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come eseguire la gettata del calcestruzzo per la costruzione di una scala

Per la costruzione di una scala in calcestruzzo, sia che si tratti una scala interna o esterna, è necessario prima prendere visione di alcuni elementi base per il calcolo della dimensione e della quantità degli scalini. È un passaggio importante poiché...
Materiali e Attrezzi

Calcestruzzo stampato: pro e contro

Il calcestruzzo stampato sta diventando sempre più un marchio di garanzia per installazioni esterne, per tutta una serie di ragioni. Si tratta infatti di un pavimento di cemento sul quale è possibile stampare il disegno o la trama preferita prima che...
Casa

Come costruire una cassaforma in legno

Una cassaforma è una lavorazione di base, indispensabile per poter gettare le fondamenta di qualunque tipo in muratura, che si intenda eseguire. La cassaforma serve per creare una barriera. Barriera che serve ad evitare al calcestruzzo umido di uscire...
Materiali e Attrezzi

Come fare il calcestruzzo

Il calcestruzzo è uno dei materiali da costruzione più utilizzato sia per parti strutturali che per elementi decorativi. La sua particolare composizione, che analizzeremo successivamente, conferisce al calcestruzzo una elevata resistenza a compressione...
Materiali e Attrezzi

Consigli d'uso del calcestruzzo

Il calcestruzzo è uno dei materiali più utilizzati nella moderna edilizia. Tecnicamente esso è un cosiddetto "conglomerato", composto da acqua, legante (di solito il cemento), ghiaia, sabbia e ulteriori, eventuali, aggiunte, che ne modificano le caratteristiche...
Materiali e Attrezzi

Come aggiungere il calcestruzzo per costruire un'aiuola rialzata

Le aiuole rialzate hanno fini sia ornamentali che funzionali. Esse rappresentano una soluzione molto semplice, sia per migliorare la qualità del terreno che per cambiare le condizioni di crescita di quelle piante che possono aver bisogno di vari aiuti...
Materiali e Attrezzi

Consigli per sigillare i massetti in calcestruzzo

Ristrutturare una casa, significa ricominciare a pensare a qualsiasi piccolo particolare da rimettere a nuovo. Una casa ha sempre bisogno di stabilità e in molti casi, il pavimento è la prima cosa cui bisogna pensare oltre alle pareti. Quando si deve...
Materiali e Attrezzi

Come impastare il calcestruzzo

Il calcestruzzo è un aggregato di sabbia, ciottoli, ghiaia uniti al cemento reso morbido dall'aggiunta di acqua. Si presta a diversi tipi di lavorazione, dalle rifiniture edili alle fondazioni. Come impastare il calcestruzzo? Per impastare il calcestruzzo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.