Come lavorare l'argilla

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'argilla è un materiale assolutamente versatile. Sin dall'antichità i suoi utilizzi sono stati tra i più vari, dalla cosmetica alla produzione di ceramiche. Questo perché l'argilla è un composto minerale che nel momento in cui viene idratato diventa un materiale plastico che si lascia lavorare, permettendo quindi di essere modellato a proprio piacimento. Una volta asciugato e cotto risulta particolarmente resistente. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo come lavorare l'argilla.

26

Dividere l'argilla in panetti

L'argilla per scultura può essere acquistata nei rivenditori di articoli per il découpage o belle arti. L'argilla venduta è pronta all'uso perché già pressata e non necessita di processi per l'eliminazione delle bolle d'aria, tuttavia è buona cosa battere l'argilla con un mattarello prima del suo utilizzo per evitare che la scultura, una volta cotta, possa rompersi. Per suddividere i panetti e procurarsi solo la quantità di cui si ha bisogno è necessario un filo di nylon o un filo di ferro che abbiano l'estremità protetta, ad esempio da manici di legno, chiamato ''taglia creta''. Il filo andrà posizionato nella parte superiore del panetto e andrà poi spinto verso il basso così da tagliare la sezione voluta.

36

Lavorare l'argilla con la tecnica del colombino

Quando si avrà la quantità di creta necessaria si potrà dare libero sfogo alla fantasia. Lavorare l'argilla, infatti, permette la creazione di sculture con bassorilievi, altorilievi e figure a tutto tondo. Uno degli utilizzi più diffusi della lavorazione della creta rimane, tuttavia, la creazione di utensili, in particolare vasi e piatti. La tecnica di base che permette di lavorare l'argilla affinché abbia la forma di un vaso è la tecnica del ''colombino''. È necessario essere in possesso di un torniello, quello strumento che girando permette di dare alla nostra scultura una forma tondeggiante. Il procedimento inizia con la stesura della creta servendosi dell'apposito mattarello.

Continua la lettura
46

Lavorare l'argilla con le mani

Stesa la creta, dovete posizionarla sul tornio e decidere il diametro che dovrà avere la base del vostro vaso, servendovi delle scanalature presenti sul tornio stesso. Ora è il momento di preparare i colombini, delle strisce di argilla di forma tondeggiante dello spessore di 2 centimetri lavorate a mano. Ogni colombino andrà posizionato sulla base e poi man mano su quello precedente aiutandosi con l'utilizzo della barbottina, una colla ottenuta dalla miscela di acqua e argilla, e andrà poi lavorato con le dita per renderlo quanto più liscio e omogeneo possibile.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come Modellare L'Argilla Con La Tecnica A Lucignolo

La tecnica a lucignolo, detta anche colombino (termine usato per indicare una particolare lavorazione dell'argilla), da parte delle popolazioni del Sud America, ed esteso impropriamente anche all'artigianato delle popolazioni europee. Essa è stata utilizzata...
Bricolage

Come purificare i cristalli con l'argilla

In base alla tradizione, i cristalli assorbono con estrema semplicità l’energia dell’ambiente circostante che, con il tempo, può andare ad alterare la loro struttura molecolare, limitandone qualità e benefici. Per questo motivo, è necessario sottoporre...
Bricolage

Come levigare le sculture di argilla

Se avete il desiderio di imparare le tecniche per poter realizzare delle sculture utilizzando l'argilla, allora la seguente guida potrebbe fare proprio al caso vostro. In particolare vi mostreremo come levigare le sculture di argilla, più precisamente...
Bricolage

Come Levigare Le Pareti Delle Sculture Di Argilla

Le sculture di argilla, una volta realizzate e formate, possono essere lasciate così come sono, ovvero in maniera rustica, oppure, in alternativa, possono essere levigate e lisciate, il tutto a seconda dello scopo della scultura, dell'importanza della...
Bricolage

Come creare bassorilievi di creta

La creta è uno dei materiali più flessibili ed utilizzati per realizzare oggetti di diverso tipo. Sono molti gli artisti o creativi che usano questo materiale per creare oggetti interessati, usati per decorare le proprie abitazioni o anche per venderli...
Bricolage

Come cuocere l'argilla con la polvere di legno

L'argilla dopo essere stata lavorata, cioè dopo aver creato il pezzo. Deve seguire alcuni passaggi fondamentali per dirsi finita, tali passaggi sono diversi a seconda che si voglia realizzare una terracotta grezza, o un pezzo decorato e smaltato. Il...
Casa

Come creare una brocca con la tecnica a colombino

La brocca è un recipiente usato per contenere alimenti liquidi, generalmente acqua. Tradizionalmente caratterizzata da una forma tondeggiante e panciuta, con un beccuccio per versare e sul lato opposto un manico ad ansa per reggerla, può essere realizzata...
Bricolage

Come decorare l'argilla

L'argilla è uno dei tanti minerali della terra e, più precisamente, rappresenta un insieme di vari tipi di minerali tra cui l'oro e il ferro, solo per citarne alcuni. Questa varietà di minerali, mescolati tra loro, fanno sì che l'argilla assuma diverse...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.