Come moltiplicare i cactus

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il cactus appartiene ad una tipologia di piante non gradita da tutti. La sua forma spinosa e il suo poco bisogno di cure lo fa essere meno apprezzato e meno coltivato. Chi invece avrà modo di conoscere le sue forme e caratteristiche ne apprezzerà l' originalità e semplicità. La sua coltivazione infatti darà grande soddisfazione nel periodo della fioritura. Se anche a voi piacerebbe avere molte piante dovreste imparare come moltiplicare il cactus. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo come fare.

26

Occorrente

  • Sabbia
  • Carbone vegetale
  • Coltello
  • Vasetti
36

Diversi sono i metodi per moltiplicare i cactus: il più comune è quello in cui si utilizzano i getti o le talee. Questo intervento può essere compiuto in qualsiasi periodo dell’anno, ma la primavera sarà la stagione migliore. Per quanto riguarda i getti, dovrete utilizzare quelli più giovani. Essendo più forti infatti avranno maggiori possibilità di attecchire. Ne otterrete uno tagliandolo dalla pianta madre. Completata l’operazione, dovrete mettere sul taglio un po' di carbone vegetale in polvere o della sabbia per far cicatrizzare la ferita. Il getto, al contrario, andrà messo a riposare all’aria aperta e potrà essere interrato un giorno o due dopo, da quando avrà smesso di uscire il liquido.

46

In alcuni tipi di pianta sarà possibile la moltiplicazione attraverso una foglia. Dovrete reciderla e trattarla come un getto normale. Dopo essere stata trapiantata, essa darà rapidamente vita ad una nuova gemma e poi morirà. La moltiplicazione tramite gemma sarà facile oltre che utile. Gran parte delle piante grasse producono veri e propri piccoli cactus (gemme appunto) che dovrete togliere anche se non avrete intenzione di creare altre piante. Queste gemme infatti potrebbero rovinare la base del cactus madre, facendola marcire o indebolendola molto. Togliendole avrete delle talee, cioè vere e proprie nuove piantine uguali alla pianta madre.

Continua la lettura
56

Essendo molto morbide potrete staccarle senza l’utilizzo di coltelli: la stessa ferita si rimarginerà in pochi giorni. Anche in tal caso, utilizzare del carbone vegetale o della sabbia per aiutare la ferita a rimarginarsi. Ottenuta la talea, dovrete aspettare alcuni giorni prima di interrarla in un vaso con sabbia fine al posto del terriccio. Nei primi tempi, potrete sostenerla costruendo con dei rametti una specie di armatura per tenerla dritta. Quando alla talea nasceranno nuove spine significherà che il processo di moltiplicazione sarà andato a buon fine. Avrete così ottenuto un nuovo cactus.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per innaffiare, aspettate che l'attecchimento sia raggiunto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come fare per coltivare gli Echinopsis

Gli Echinopsis sono una famiglia di cactus, conosciuti anche come ricci di mare o gigli di Pasqua. Hanno una forma tondeggiante e prevedono ramificazioni con piccole spine. Molte specie producono bellissimi fiori in colori che vanno dal magenta al bianco....
Giardinaggio

Come creare un terrario per cactus

I terrari sono quelle simpatiche e decorative soluzioni domestiche che consistono nel mantenere le piante all'interno di differenti contenitori. In pratica, sono dei veri e propri giardini in miniatura, che presentano un aspetto molto grazioso, ed al...
Giardinaggio

Come coltivare i cactus

I cactus si annoverano fra le piante grasse o succulente. Infatti, essendo tipici delle aree desertiche e semi desertiche, sono in grado di immagazzinare dell'acqua. Questa viene trattenuta e poi rilasciata nei loro tessuti per poter sopravvivere ai lunghi...
Giardinaggio

5 cactus per il tuo giardino

Se sei appassionata delle piante grasse, e in particolare, hai una particolare attenzione e gradimento per i cactus, ecco di seguito un elenco di cinque tipologie di cactus che potresti tenere nel tuo giardino. Prima di tutto però, è importante sapere...
Giardinaggio

Come curare i cactus in casa in inverno

I cactus sono delle particolari piante grasse o succulente che catturano sempre più l'attenzione di appassionati o veri e propri collezionisti per la loro forma, il colore, le spine e i splendidi fiori che con il tempo e la pazienza sono in grado di...
Bricolage

Come realizzare un cactus rimovibile

Assai di frequente molti di noi possiedono il cosiddetto "pollice verde", cioè la passione per le piante e gli ornamenti da giardino. Ma altrettanto spesso può capitare di non avere il tempo per dedicarsi a questa passione nel modo in cui si vorrebbe....
Giardinaggio

Come curare un cactus

In natura esistono piante dall'aspetto particolare, resistenti e amanti del sole. Tra le tutte le piante con queste caratteristiche troviamo il cactus. Una pianta molto conosciuta e di facile coltivazione. La loro particolarità consiste nell'accumulare...
Giardinaggio

Come potare un albero di cactus

Se intendete coltivare un albero di cactus è importante sapere che necessita di una potatura, che tuttavia deve essere effettuata solo se necessaria, quindi se le sue dimensioni sono eccessive o perché ha una parte malata. In riferimento a ciò,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.