Come moltiplicare le piante di alloro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'alloro è un arbusto sempreverde, molto popolare ed adatto per la coltivazione in contenitori o direttamente nel terreno. Tuttavia, una pianta aromatica come l'alloro non può certo mancare sul nostro balcone. Diciamo che si adatta allo spazio di cui disponiamo, anche se tende a crescere e ad espandersi velocemente. Le sue foglie, dalle proprietà digestive, possono essere utilizzate fresche o essiccate e, trovano impiego nelle ricette più svariate di carne, di pesce, ecc. Se viene tagliato, il fogliame di un colore verde scuro è in grado di creare incredibili forme, ideale in un ingresso con un look perfetto specialmente su un patio. Adesso lasciamoci guidare dai passi di questa guida per sapere come moltiplicare le piante di alloro.

26

L'alloro può essere coltivato in diversi modi. Infatti, prospera bene in vasi contenitori, soprattutto se innaffiato regolarmente e posizionato in un luogo riparato dalle piogge, ma ben soleggiato o in penombra. Nel giardino, l'alloro cresce come un grande arbusto cespuglioso o un piccolo albero, aggiungendo anche un'altezza di 7,5 metri o più. Per questo motivo, tutti gli alberi vanno potati, con il vantaggio che il fogliame viene riciclato, per la moltiplicazione in due modi che in questa guida ci apprestiamo ad elencare.

36

Per moltiplicare le piante di alloro, bisogna innanzitutto utilizzare un composto (terriccio trattato) ben drenato, e per migliorare la stabilità e il drenaggio stesso, vanno cosparsi nel vaso contenitore (o al suolo in caso di coltivazione in giardino), dei granuli specifici da acquistare in centri per il giardinaggio, che limitano l'eccesso di acqua, e quindi per evitare danni alle radici. Questa applicazione, va fatta almeno ogni due settimane da metà primavera a fine estate. Per una buona moltiplicazione della pianta, ci sono come già poc'anzi accennato, almeno due modi. L'alloro può essere infatti propagato da seme o per talea. Per il primo, in autunno bisogna rimuovere l'involucro esterno abbastanza carnoso e seminarlo appena possibile.

Continua la lettura
46

Se il seme è troppo secco o è stato appena acquistato, va prima messo in ammollo in acqua tiepida dove viene lasciato per 24 ore, e poi successivamente seminato. La moltiplicazione per talea, è invece senza dubbio la migliore in quanto, dopo aver reciso uno o più rami, si possono mettere direttamente a dimora in vasi o cassette, ed in primavera saranno pronti per iniziare un nuovo ciclo riproduttivo. Con questi metodi di moltiplicazione, l'alloro non viene praticamente mai a mancare, sia in cucina che come pianta per addobbare l'ingresso o gli interni della casa.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come moltiplicare i garofani per talea e per propaggine

Ci sarà sicuramente capitato, se siamo degli amanti del verde, di voler provare a coltivare sul nostro balcone o nel nostro giardino tutte le piante che più ci piacciono. Tuttavia se non abbiamo mai coltivato nessuna pianta e non conosciamo tutte le...
Giardinaggio

Come coltivare l'alloro in terrazza

Grazie all'ampio uso delle erbe aromatiche in cucina, sono sempre di più le persone che preferiscono averne una piccola coltivazione in giardino o sul balcone. Questo perché avere le erbe aromatiche fresche sempre a disposizione permette di cucinare...
Giardinaggio

Come moltiplicare i gigli

Le piante per loro stessa natura amano moltiplicarsi, diventare sempre più grandi, creare semi e diffondersi. I gigli sono, tra i fiori, quelli che si prestano maggiormente alla moltiplicazione tramite bulbo o da seme. Se leggerai questa guida ti spiegherò...
Giardinaggio

Come moltiplicare i cactus

Il cactus appartiene ad una tipologia di piante non gradita da tutti. La sua forma spinosa e il suo poco bisogno di cure lo fa essere meno apprezzato e meno coltivato. Chi invece avrà modo di conoscere le sue forme e caratteristiche ne apprezzerà l'...
Giardinaggio

Come Moltiplicare La Pianta Di Rosmarino

Il Rosmarino, noto anche come Rosmarinus Officinalis, sorge nell'area mediterranea dal livello del mare fino alla zona collinare, ma attualmente anche nella Pianura Padana e nei luoghi sassosi. La pianta di rosmarino è una delle più profumate della...
Giardinaggio

Come coltivare l'alloro in vaso

Le piante aromatiche sono un ottimo strumento per realizzare dei condimenti sani e gustosi per moltissime ricette. Un'altro vantaggio delle piante aromatiche è sicuramente la loro resistenza, che le rende perfette per essere coltivate anche in un piccolo...
Giardinaggio

Come moltiplicare le siepi

Con l'arrivo della bella stagione il giardino torna protagonista! Anche i nostri open space hanno quindi bisogno di un restyling per tornare ad essere splendidi e rigogliosi. Per rendere quindi il nostro spazio verde davvero splendido e ordinato possiamo...
Giardinaggio

Come moltiplicare l'oleandro

Originaria del Mediterraneo e dell'Asia sud-occidentale, la pianta dell'oleandro è un arbusto amante del tepore che fiorisce tutto l'anno. I suoi fiori extra-large, della grandezza che varia dagli otto ai venti centimetri di diametro, e dal colore rosso,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.