Come moltiplicare le rose

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I principali metodi di riproduzione agamica delle rose sono le seguenti: la talea, l’innesto e per finire la margotta. Quest'ultimo metodo appena citato, richiede un intervento particolare e di una certa durata sulla pianta da riprodurre, mentre l’innesto richiede una pianta ricevente, su cui innestare la rosa da moltiplicare. In questa guida andremo ad esaminare il metodo più semplice dei tre appena citati, ossia la talea. Se siete interessati a questo argomento, non smettete allora di leggere questo articolo in quanto in seguito vi verrà spiegato come moltiplicare le rose nel modo più semplice e chiaro possibile.

26

Occorrente

  • sabbia e torba
  • Cesoie o forbici da giardinaggio
  • Eventualmente cera ed ormone radicante
36

La talea

La talea può essere di varie tipologie, a seconda del ramo che si preleva per la talea. Possiamo quindi avere talee legnose, semi legnose o erbacee. Per procedere alla riproduzione della rosa dovremo quindi procurarci la nostra talea. Questa dovrebbe essere un rametto abbastanza spesso, di 20 cm di lunghezza o poco più. E’ molto importante che quest'ultima sia stata ottenuta con un taglio netto, appena uno o due centimetri al di sotto di una gemma. Dovremo infatti eliminare le foglie, salvo eventualmente quelle più in alto. In caso il rametto sia troppo lungo, oltre i 30 cm, possiamo tagliarne la punta, ma in quel caso provvediamo a chiudere il taglio superiore con della cera o del mastice apposta.

46

Seconda fase

A questo punto dovrete procedere andando a mettere la vostra talea in un terreno preparato in precedenza appositamente per farla radicare. Il terreno non dovrà essere troppo duro e compatto, e dovrà drenare bene l’acqua. Un ottimo substrato facile da approntare è dato da sabbia e torba in proporzione di 1:2. Dovrete quindi andare a procurarvi a questo punto un vaso abbastanza alto, su cui poi andare a mettere il vostro terriccio. A questo punto dovrete inserire le talee nel terriccio per almeno 15 cm lasciando spuntare dal terreno una, oppure, al massimo due gemme.

Continua la lettura
56

Ultima fase

Una volta eseguita quest'operazione appena citata nel passo numero due, ossia nel passo precedente, dovrete andare a mettere i vasi in qualche posto in cui possano godere di luce ma senza esposizione diretta al sole. Il periodo ideale per moltiplicare le nostre rose in questo modo è fra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. Un secondo periodo, è alla fine dell’inverno, coincidente con la potatura. A questo punto il vostro lavoro come anche questo articolo è ormai terminato, non vi resterà altro che aspettare i frutti del vostro lavoro, dopo un po di tempo potrete vedere le vostre bellissime rose moltiplicate, nel vero senso del termine.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se ne avete la possibilità fate diverse prove, nel periodo della potatura sono sempre disponibili molti rami per ottenere talee

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come moltiplicare i garofani per talea e per propaggine

Ci sarà sicuramente capitato, se siamo degli amanti del verde, di voler provare a coltivare sul nostro balcone o nel nostro giardino tutte le piante che più ci piacciono. Tuttavia se non abbiamo mai coltivato nessuna pianta e non conosciamo tutte le...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante grasse

Le succulente (denominate impropriamente piante grasse), sono quelle piante dotate di particolari tessuti "succulenti" capaci di assorbire liquidi durante le stagioni piovose e usare l'acqua nei periodi di siccità. Molteplici e interessanti sono i sistemi...
Giardinaggio

Come moltiplicare le rose più belle con il metodo della talea di ramo

Se desiderate avere delle rose come quelle che già possedete nel vostro giardino, o magari come quelle presenti nel giardino del vicino, potrete riprodurre le piante con una spesa minima. Uno dei metodi più utilizzati per moltiplicare le rose più belle...
Giardinaggio

Come moltiplicare i geranei

Se si vuole provare a riempire un giardino o un balcone di colorati gerani, senza necessariamente comprare molte piante, o seminarle e aspettare che crescano, si può procedere possedendo un'unica pianta e realizzando una talea. In questa guida si potrà...
Giardinaggio

Come moltiplicare il ficus benjamina per talea

Il Ficus Benjamin è una pianta tipica dei paesi con clima tropicale; esso ha assunto carattere ornamentale negli appartamenti attraverso la coltivazione in vaso. È una pianta sempreverde che non ama la luce diretta; sviluppa una folta chioma che ha...
Giardinaggio

Come moltiplicare la clematide per talea

Riempire la propria casa di piante è il modo migliore per abbellire la propria abitazione e renderla ancora più calde ed accogliente. Esistono una moltitudine di piante che possono essere scelte ed utilizzate per dare più colore, bisogna però avere...
Giardinaggio

Come moltiplicare il fico d'India

Il fico d'India è una pianta succulenta della famiglia delle Cactaceae, originaria del Messico ma naturalizzata in tutto il bacino del Mediterraneo e nelle zone temperate di America, Africa, Asia e Oceania. È una tipica pianta arido-resistente che richiede...
Giardinaggio

Come moltiplicare e far rifiorire la stella di Natale

La famosissima “Stella di Natale”, conosciuta anche come Poinsettia, è uno dei regali preferiti per il Natale. Purtroppo però, una volta trascorse le festività, la maggior parte delle Stelle di Natale cade nel dimenticatoio, diventando quasi un...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.