Come potare il pero

di Simo Trina difficoltà: media

Come potare il pero Tutti gli amanti della natura e del fai da te sanno benissimo che accompagnare una pianta durante la sua crescita, richiede molto tempo e pazienza. Il lavoro del potatore infatti non è per tutti, questo deve adeguarsi alle caratteristiche di ogni tipologia, deve dare un sostegno all'albero così da farlo crescere sano e armonioso e permettergli una vita lunga. In questa guida in particolare parleremo di come potare il pero. Questo è fra i più noti alberi da frutto del nostro territorio e ha bisogno di molta attenzione affinché si mantenga sempre bene e possa dare ogni anno una buona quantità di frutti deliziosi. Vediamo insieme in che periodo è consigliata la potatura e come realizzarla al meglio.

Assicurati di avere a portata di mano: cesoia da giardiniere

1 Per realizzare una buona potatura e di conseguenza garantire un'ottima fruttificazione negli anni dobbiamo conoscere le caratteristiche di questo albero e le varie funzioni che svolgono le sue strutture vegetative. I rami del pero hanno un portamento verticale in quanto questo albero tende a svilupparsi verso l'alto, Quando lo andiamo a potare dobbiamo privilegiare le ramificazione giovani (fino ai tre anni di vita) poiché la produzione si concentra proprio su questi rami.

2 Per la realizzazione di questo lavoro dobbiamo tener presente alcune regole. Per quanto accennato prima, pian piano che l'età del ramo aumenta, dobbiamo praticare dei tagli sempre maggiori, perché in quelli che hanno quattro anni e più di vita la vegetazione è in decadenza. Una cosa importante che bisogna sapere è che abbiamo maggiore produzione se la vegetazione di trova vicino l'astone, grazie al maggior afflusso di linfa. Inoltre, per evitare che la pianta diventi troppo ingombrante, ma soprattutto per una questione di produttività, dobbiamo evitare che le ramificazioni si sviluppino in lunghezza. Infine dobbiamo ricordare che non tutte le gemme del pero sono fertili, perciò conviene sempre aspettare che queste si rigonfino prima di procedere con la potatura, in modo tale da essere consapevoli del punto migliore dove dobbiamo praticare il taglio, così da lasciare il maggior numero di gemme fertili.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Questo lavoro è ottimo per gli arbusti appena piantati, però è bene sapere che una volta che l'albero da pero entra in produzione, la potatura non può essere fatta quando si vuole ma deve seguire un programma ben preciso durante gli anni che seguono.  Gli interventi sono diversi in base all'età dei rami.  Approfondimento Come potare il ciliegio (clicca qui) L'importante è prima di tutto che ci ricordiamo che vanno privilegiati quelli di un anno, che si trovano più vicini al tronco, poiché, come già detto, questi riceveranno più linfa, ma anzitutto teniamoli sotto controllo, infatti man mano che cresceranno tenderanno ad incurvarsi a causa del peso delle foglie.. 

Come potare le piante da frutto Come potare un bonsai Come potare un albero di fico Come potare gli alberi di albicocco

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili