Come potare una vite

di Stefania S. difficoltà: facile

Come potare una vite   acquabuona.it Per poter avere un buon raccolto è fondamentale effettuare almeno una volta all'anno e soprattutto nel periodo primaverile, la potatura. Non tutte le piante la richiedono e per alcune viene fatta esclusivamente per una questione estetica o per eliminare le parte vecchie che tolgono spazio e nutrimento a quelle nuove. Il procedimento da seguire può variare da una specie all'altra, e affinché non si rovini la pianta, è bene documentarsi prima sulle sue caratteristiche e necessità. Se si è alle prime armi inoltre, è consigliato farsi assistere da qualcuno più esperto che potrà controllare se state procedendo correttamente e fornirvi tutti i consigli del caso. Nella guida vedremo come si deve potare una vite.

Assicurati di avere a portata di mano: forbice per potatura

1 Il primo passo importante che dovete fare è quello di acquistare presso un ferramenta o un negozio specializzato, l'apposita forbice per la potatura. Vi consiglio di acquistarla sempre di buona qualità per essere certi che il taglio fatto sia il più preciso possibile e non rovini la pianta. Per iniziare dovete eliminare i rami secchi e quelli che eventualmente potrebbero ostacolarvi nei movimenti.

2 In linea generale i germogli da tagliare sono principalmente quelli cresciuti sul tronco, quelli cresciuti in posizioni scorrette e quelli in soprannumero. Se le foglie tolgono aria e sole alla pianta, va fatta anche una leggera sfogliatura. Ovviamente state ben attenti a non tagliare i rami con le gemme in quanto è su questi che nascerà il fiore e quindi il frutto. I tipi di potatura possono essere differenti, quelle più praticati sulla vite sono guyot semplice e guyot doppio. Il primo consiste nel lasciare da un lato un unico fusto che fruttificherà e che verrà fatto crescere orizzontalmente lungo il filare, a dall'altro uno sperone che produrrà rami l'anno successivo. Nel guyot doppio invece si lasciano 2 fusti opposti con i relativi speroni.

Continua la lettura

3 Viene eseguito inoltre il "cordone permanente", simile al guyot, ma in questo caso non avremo speroni perciò il tralcio che fruttificherà sarà sempre lo stesso.  Infine un altro metodo utilizzato è la potatura a pergola, nel quale vengono lasciati tanti rami a fruttificare sui lati del pergolato.  Approfondimento Come potare un bonsai (clicca qui) Dopo aver terminato, potete raccogliete tutti i rami che avete tagliato e legarli vicino ad una staccionata.  Quando germoglieranno e cresceranno, copriranno tutta la sua superficie, vedrete che bel risultato!. 

Come potare una vite Come potare un albero Come potare gli alberi di ginepro Come potare l'albero di susino

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili